Rescue Media
I soccorsi di ieri sera alla Foce
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Pagare i tamponi ai dipendenti cantonali non è un controsenso?»
L'interpellanza di Massimiliano Robbiani sulla decisione del Cantone di pagare i test al personale non vaccinato
LUGANO
2 ore
«Quanto è meno stressante partorire a casa»
Nel Ticino dove non si nasce più, una levatrice racconta di un "nido" in controtendenza
POLLEGIO
12 ore
Due auto si scontrano lateralmente
L'incidente è avvenuto questa sera attorno alle 18:00
FOTO
LOCARNESE
13 ore
Camionista nei guai per tutta una serie di infrazioni
Danni e utenti della strada in pericolo nel Locarnese. Ma poi è intervenuto un pedone, togliendo la chiave di avviamento
FOTO
SAN BERNARDINO (GR)
16 ore
Un'auto pericolosa sull'A13
Ha causato più danni e creato situazioni di pericolo. La polizia è riuscita a fermarla nella galleria del San Bernardino
CHIASSO
18 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
19 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
21 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
22 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
CANTONE
1 gior
Sigarette elettroniche a scuola?
Maddalena Ermotti-Lepori (PPD) ha inoltrato un'interpellanza per capire se esista una strategia nelle scuole
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
LUGANO
02.07.2021 - 12:030
Aggiornamento : 17:48

«Ecco perché i sub sono arrivati mezz'ora dopo»

Dopo l'annegamento di ieri sera alla Foce, parla il capo operativo della Salvataggio Lugano

«Pompieri e ambulanza hanno una prontezza d'intervento di pochi minuti. Ma sono già pronti in caserma. I nostri sub sono invece tutti dei volontari e nei giorni feriali pur essendo reperibili H24 non c'è un picchetto in sede. Per cui la nostra partenza non può essere immediata»

LUGANO - Per i diversi testimoni presenti ieri alla Foce è stato un tempo insopportabilmente dilatato. Come insopportabile, per molti, è stato lo spavento di vedere un uomo di cinquant’anni scomparire sott’acqua quando l’orologio segnava le 18.30. «Sono immediatamente scattate le ricerche», ha scritto nel suo comunicato stampa la Polizia cantonale, ma dietro quell’immediatamente c’è una sequenza di azioni che nei presenti ha destato più di una perplessità e alcune segnalazioni sono giunte in redazione: verso le 18.45 sono giunti sul posto alcuni paramedici, un’ambulanza e un furgone della Croce Verde; attorno alle 18.50 sono arrivati quattro agenti, tra Polizia comunale e cantonale; infine, alle 19.05, uno scafo con a bordo due sommozzatori della Salvataggio Lugano era nel punto d'acqua dove il poveretto, di nazionalità eritrea, è finito sotto dopo essersi lanciato nel lago per aiutare un bambino in difficoltà. Alle 19.15 l’annegato è stato trovato ad una profondità di 18 metri e riportato a riva dove è stato fatto ogni tentativo, purtroppo vano, per rianimarlo.

Ambulanza e sub, tempi diversi - Più di un testimone si è chiesto a che serve un’ambulanza sul posto, a riva, dopo un quarto d’ora, se chi può materialmente ripescare la vittima arriva dopo mezz’ora? Interrogativo lecito, cui Rinaldo Kümin, capo operativo della Salvataggio Lugano fornisce una risposta esaustiva e trasparente. A partire dal fatto che parliamo di una Società, quindi di un gruppo di volontari. «Chiaramente pompieri e ambulanza hanno una prontezza d’intervento di pochi minuti. Sono già pronti in caserma - spiega Kümin -. Noi, invece, siamo tutti volontari e non siamo sempre presenti nella sede della Foce. Da inizio giugno al 31 agosto garantiamo un picchetto il sabato pomeriggio, la domenica dalle 10 alle 18.30 e nei restanti giorni siamo reperibili 24 ore su 24  ma su allarme del 144. Significa che partiamo da casa. Ci vuole tempo per arrivare in sede, non abbiamo veicoli prioritari, quindi dobbiamo rispettare semafori, etc. In più occorre qualche minuto di preparazione - i controlli di sicurezza su bombole ed equipaggiamento - prima di scendere in acqua. La partenza purtroppo non può essere immediata».

L'intervento minuto per minuto - Addirittura ieri sera una concomitanza fortunata, ma purtroppo inutile, ha accorciato i tempi, che altrimenti sarebbero stati forse più lunghi. «C’era al Lido un corso di formazione per brevetti di salvataggio e gli istruttori - ricorda il capo operativo - erano anche subacquei per cui si sono precipitati subito in sede. Dal momento che mi è giunta la segnalazione dell’incidente alle 18.44, ho fatto sganciare dal 144 l’allarme per il nostro gruppo di pronto intervento, composto da una ventina di persone». Tempo di preparare i sub e gli operatori di superficie che aiutano i subacquei, «la barca era sul posto alle 19.05. A bordo lago il capo impiego della Polizia mi ha orientato sul luogo esatto dove è scomparso il bagnante, a una ventina di metri da riva. Avvisato via radio l’equipaggio della barca, i due sub si sono immersi e alle 19.15 hanno trovato l’annegato. L’ordine era di riportarlo subito a riva per poter fare la rianimazione che purtroppo non ha dato esito positivo. Alle 19.45 il medico ha decretato la morte».

La sponda che si inabissa - Questa la ricostruzione chiara e puntuale dei fatti. A Rinaldo Kümin chiediamo se alla Foce non sarebbe auspicabile un divieto di balneazione… eterno quesito.  «Nel Lago di Lugano - la sua risposta - non è vietato da nessuna parte fare il bagno. Ma chiaramente bisogna conoscere bene i luoghi, oltre ad essere capaci di nuotare, vanno osservate le 6 regole su cui la stessa Società svizzera di salvataggio continua ad insistere. Dal non entrare in acqua sudati al vigilare sui bambini. Ancora ieri abbiamo riscontrato che chi entra nel lago non conosce bene le particolarità del fondale. Non ci sono mulinelli alla Foce, come invece qualcuno sostiene, ma la morfologia del terreno cambia continuamente dopo i temporali. E si scende rapidamente a fondo. Il corpo è stato infatti trovato ad una profondità di 18 metri» conclude il soccorritore.

Rescue Media
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 08:30:55 | 91.208.130.89