Immobili
Veicoli
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
8 ore
"Fuori tutto!" in stazione a Bellinzona
Da venerdì ci sarà l'occasione di iscriversi come volontari in un museo e imparare i segreti delle collezioni
FOTO
RANCATE
10 ore
Medacta si espande (e assume 300 persone)
L'azienda ha aperto una nuova sede a Rancate e ha in programma investimenti per diversi milioni
LUGANO
11 ore
Hannibal arriva in Ticino
Le temperature raggiungeranno i 30 gradi nel weekend. I consigli del DSS
DOMODOSSOLA-LOCARNO
11 ore
Centovallina interrotta per una frana
Bloccata anche la statale 337 che collega la Valle Vigezzo al Ticino
LUGANO
12 ore
Sesso con un 14enne: «Mi scuso. Ho capito che i bambini non si toccano»
Condannato a due anni e quattro mesi di carcere, di cui 20 mesi sospesi, un 55enne residente nel Luganese.
VEZIA
12 ore
Il Municipio di Vezia ha incontrato i suoi 18enni
A essere stati invitati all'incontro con l'Esecutivo sono stati però anche i 18enni delle annate 2021 e 2020.
FOTO
CANTONE
12 ore
I cavalli del Bisbino sono tornati sul Generoso
Anche quest'anno è avvenuta la transumanza. Di nuovo a “porte chiuse”, per lasciare più spazio agli animali
CANTONE
15 ore
Il Consiglio di Stato incontra la Deputazione ticinese
Si è svolta oggi la tradizionale riunione che precede la sessione parlamentare estiva.
CANTONE
15 ore
Da predatore a preda
Il Governo ha dato il via libera all'abbattimento del predatore che lo scorso 26 aprile uccise 19 pecore a Cerentino.
LUGANO
17 ore
«Voleva uccidere»
La 29enne dovrà rispondere di tentato assassinio e di violazione alla legge che vieta i gruppi Al-Qaïda e Stato islamico
CANTONE
18 ore
Da Bellinzona a Losanna senza mai cambiare treno
Le FFS hanno presentato il progetto d'orario 2023. Diverse le novità, anche per i viaggiatori ticinesi.
CANTONE
19 ore
Altri 107 positivi e ospedali un po' più vuoti
I pazienti ricoverati per Covid-19 in Ticino scendono sotto la soglia delle 60 unità
CANTONE
20 ore
«Pandemia, la vittima è stata la ragione»
Il reporter Gianluca Grossi crea scompiglio in libreria con la pubblicazione di "La libertà è una parola". Ecco perché.
AVEGNO GORDEVIO
1 gior
Perizia psichiatrica per il sospetto matricida
Il 21enne che dovrà rispondere del reato di assassinio è attualmente incarcerato alla Farera.
FOTO
CAPRIASCA
1 gior
L'altalena panoramica non c'è più
L'atto di vandalismo sarebbe stato commesso con una motosega.
CANTONE
1 gior
Gratis è meglio
Solo il 3% dei campioni d'acqua corrente analizzati dal Laboratorio cantonale nel 2021 presentavano delle lacune.
CANTONE
1 gior
Inquinamento, incendi ed esplosioni: una settimana di catastrofi
Sono stati svelati oggi i dettagli dell'operazione Odescalchi 2022, che scatterà il 13 giugno.
LUGANO
13.06.2021 - 13:400

Demolizione ex Macello, spunta un'altra telefonata

La polizia avrebbe chiamato un impiegato comunale tra le 20.00 e le 20.30.

Ovvero un'ora prima che il Municipio venisse avvisato dell'eventualità dell'abbattimento del tetto.

LUGANO - Si fa sempre più ingarbugliata la vicenda che ha portato alla demolizione dell'ex Macello lo scorso 29 maggio. E oggi il Caffè ha svelato un nuovo retroscena riguardo a uno telefonata che la polizia avrebbe effettuato tra le 20 e le 20.30 di quel sabato. A ricevere la chiamata è un impiegato comunale, «che se ne intendeva di queste cose, lavorando nel genio civile», contattato affinché sentisse una delle tre ditte di costruzione poi intervenute nelle operazioni di demolizione. 

Destinatario a parte, a fare specie - secondo il domenicale - è l'orario in cui la telefonata viene fatta. «È un indizio, forse anche una prova che la polizia, quantomeno per alcune ore, ha agito senza alcun controllo politico», sottolinea il Caffè.

Sì, perché secondo a quanto comunicato dallo stesso esecutivo negli scorsi giorni, Il Municipio sarebbe stato avvisato dell'eventualità dell'abbattimento del tetto solo attorno alle 21.30. Ovvero almeno un'ora dopo questa famigerata telefonata, in cui al dipendente comunale sarebbe stato richiesto di «procurare operai e mezzi per lavori di assestamento». 

Questi dettagli aggiungono nuove ombre sull'agire delle Istituzioni. Ombre che già il sindacato Unia aveva contribuito ad addensare rilevando, ormai due settimane fa, che la polizia comunale aveva contattato una delle tre imprese edili già alle 17.50. Cosa, questa, che è stata seccamente smentita dalle forze dell'ordine. Insomma, qualcosa in tutta questa vicenda non torna. E qualcuno non la sta raccontando giusta. Spetterà all'inchiesta, in mano al Ministero Pubblico, fare chiarezza sull'intera vicenda. Il Caffè comunque conclude puntando il dito contro la polizia. «Ha agito senza avvisare né il governo cantonale né il Municipio di Lugano. E nemmeno la magistratura che aveva organizzato una sorta di picchetto d'intervento unitamente alla polizia giudiziaria».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 11 mesi fa su tio
Due soldi per lasciare i Molinari all’ex macello e la questione era già risolta da un pezzo. Centinaia di milioni investiti per musei, impianti sportivi, ciclopiste no vero?
Mattiatr 11 mesi fa su tio
È ovvio che qualcosa non quadra, sopra tutto guardando le dichiarazioni del municipio. Ciò nonostante questi articoli non fanno altro che creare confusione. È inutile star qua a guardare le telefonate che sono state fatte, se poi la controparte non può né negare né confermare siamo ai piedi della scala. Ritengo che sia il caso di lasciar lavorare la procura. Questo flusso costante d'informazioni di cui non possiamo esser totalmente certi (non so voi ma io non posso verificarle) non fa che creare una spaccatura all'interno dell'opinione pubblica. In fondo l'ultima volta che mi sono informato sulla democrazia mi pare ci fosse un organo giudiziario, che differisce da voti popolari o da proteste. (Sempre che gli autogestiti vogliano riconoscere questo sistema, altrimenti che si fa? Si torna alla rivoluzione francese con tanto di teste rotolanti e ghigliottine? Nel 2021 mi pare che si possano risolvere i problemi senza scatenarsi sul web con campanilismo da stadio.)
Cdg 11 mesi fa su tio
Alcuni poliziotti (non li mettiamo tutti nello stesso sacco neh...) sono agli antipodi come mentalità, con tutti quelli che appoggiano l'autogestione. Quindi é chiaro che non vedevano l'ora di usare il pugno di ferro , come piace ai "trogloditi" (con tutto il rispetto per i nostri antenati delle caverne...) della Lega..., con un procedimiento non proprio legale a quanto sembra... Un paradosso. Questi tristi e arrabbiati leghisti devono sempre prendersela con qualcuno con i loro ridicoli slogan in dialetto : "adess basta...". Adess basta con gli stranieri, con i rifugiati, con gli alternativi, con gli anti - patrioti, eccetera... In una parola : "intolleranti" (e tutti quelli che li votano). Buona settimana a tutti.
Evry 11 mesi fa su tio
ma smettetela di starnazzare e fare un affare di stato da dilettanti. grazie
T-34 11 mesi fa su tio
@Evry Noi la smettiamo di starnazzare, ma tu smettila di grugnire.
RobediK71 11 mesi fa su tio
Un chissene ?
la garita 11 mesi fa su tio
Tante commedie ora la costruzione è demolita, era da tempo (anni) che il Comune di Lugano tergiversava. Se questi Signori che non vogliono designare una persona di contatto o più persone, se lo costruiscono loro con i propri soldi o del partito che li sostiene.
Tio1949 11 mesi fa su tio
svizzera Italiana!!
cle72 11 mesi fa su tio
Forse ammettere di aver fatto una figuraccia non sarebbe la miglior cosa? La credibilità verso qualche municipale, sindaco e la polizia vacilla e non poco.
F/A-19 11 mesi fa su tio
@cle72 Credibilità, hai dello giusto ma anche un certo senso di vergogna misto ad arroganza ci starebbe bene come definizione.
vulpus 11 mesi fa su tio
la credibilità nelle autorità comunali e cantonali traballa alla grande. Da una parte la città , che per bocca del sindaco rilascia dichiarazioni da mente ottenebrata, e dall'altra il consiglio di stato che dichiara che non ne sapeva di niente, con un distinguo marcato verso il sig. Gobbi che non ne avrebbe saputo di niente, nascondendosi dietro al solito dito alzato. Qualcuno ha agito senza autorizzazione: o è la polizia comunale o la polizia cantonale. E quì qualche testa eminente deve saltare. Evidentemente ora ci si arrampica sui vetri alla ricerca di una persona che si accolli la responsabilità. Ma più passano i giorni, più emerge che si è trattato di una operazione pianificata e organizzata da lungo tempo. Ridicolo pensare che un municipio di Lugano autorizzi la demolizione del tetto di un suo stabile,"pericolante" alle 22 di notte, quando ben è cosciente che vi è un inquilino dentro. Da denuncia: la città avrebbe tollerato di dare in uso a dei cittadini uno stabile non sicuro? Non sarebbe allora stato più intelligente dichiararne già anni dietro l'inabitabilità? Quì sa tutto di operazione leghista concordata tra città e cantone per dare la famosa pedata al formicaio, pensando ignominosamente che le formiche sarebbero sparite. Risultato completamente opposto : i molinari vengono ora visti con maggior apprezzamento e rispetto. La deriva autoritaria andrà corretta con le dovute pulizie.
Tato50 11 mesi fa su tio
Che palle !!!!!!!!
T-34 11 mesi fa su tio
@Tato50 Sì, è veramente una palla leggere certi commenti infantili. Se l'argomento la annoia e la impalla tanto può sempre dedicare il suo tempo ad altri passatempi che le risultino più congeniali. A me per esempio non interessa il calcio, ma non vado nei bar quando c'è il mondiale a dire "che palle il calcio!". Come non vado ai comizi dei leghisti a dire "che palle il fascismo!". L'unica cosa che mi permetto di dire è: "che palle gli sbirri rosiconi in pensione".
Tato50 11 mesi fa su tio
@T-34 Sa vedum ;-((
tschädere 11 mesi fa su tio
smetetela di cercare colpevoli a destra e sinistra.il macello e raso a terra ed e giusto.quella gente non ha nessun diritto di occupare degli stabili e basta.e non dategli nessun altro domicilio.
T-34 11 mesi fa su tio
@tschädere Neanche lei dovrebbe avere il diritto di calpestare e violentare il campo della lingua italiana, considerato che i suoi aberranti strafalcioni sintattici, ortografici e grammaticali sono in relazione alla lingua di Dante quanto gli autogestiti sono in relazione al rispetto della "proprietà". Il fatto di farsi insultare da un analfabeta, per chi viene denigrato, sul piano della legittimazione corrisponde ad un gratuito ed inaspettato assist. Comunque se il concetto è troppo difficile, oppure se ho scritto troppe parole, la prossima volta mi esprimo con un disegnino.
Tato50 11 mesi fa su tio
@tschädere È arrivato un nuovo professore, mai visto prima, che si ritiene superiore a tutti e ammazzerebbe tutti i poliziotti raccattandoli da terra!!! Prima non c'era perché alla Stampa non ti lasciano usare il PC. ;-))
T-34 11 mesi fa su tio
@Tato50 Già alla Stampa niente pc. Nè per i detenuti, che ne farebbero un uso improprio, nè per gli sbirri, che non saprebbero come accenderlo.
Tato50 11 mesi fa su tio
@T-34 Questa è bella !!
angie2020 11 mesi fa su tio
caffè, nemmeno per pulirmi il ........
seo56 11 mesi fa su tio
Ma basta con questi articoli da novella 2000!! Il macello non c’è ex molinari Lugano, o meglio il Ticino, non fa più per voi!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-19 05:24:34 | 91.208.130.85