Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
30 min
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
CANTONE
52 min
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CASLANO
1 ora
Una giornata per (ri)pulire Caslano
L'evento "Verde Pulito" si terrà nella giornata di domani sul lungolago della località malcantonese.
CANTONE
1 ora
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
CANTONE
1 ora
Centosettant'anni di votazioni cantonali in un click
Con questo progetto, nato a seguito di un'iniziativa parlamentare, lo Stato vuole garantire maggior trasparenza.
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
5 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
15 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
CANTONE
17 ore
Frontalieri e compensazione finanziaria, versati oltre 90 milioni
La cifra è stata comunicata oggi, in occasione della riunione delle delegazioni italiana e svizzera
LUGANO
18 ore
GAM, a casa 17 dipendenti
Il gestore patrimoniale zurighese ridimensiona le attività a Lugano
CANTONE
01.06.2021 - 18:270

Ex Macello: il direttore delle Istituzioni sapeva?

I Verdi interrogano il Consiglio di Stato sullo sgombero e la demolizione della struttura occupata dall'autogestione

BELLINZONA / LUGANO - Lo sgombero e la demolizione degli spazi dell'ex Macello di Lugano occupati dall'autogestione continuano a far discutere. E i Verdi si chinano sulla legalità dell'operazione messa in atto dalle autorità. Lo fanno con un'interrogazione al Consiglio di Stato, in cui chiedono di fare luce sul ruolo giocato dalla polizia e dall'esecutivo luganese, e sulle norme rispettate o meno.

Per quanto accaduto nella cosiddetta “notte delle ruspe”, ieri i Verdi avevano inoltre presentato una denuncia penale contro «ignoti, da identificarsi presso il Municipio di Lugano».

Le domande al Consiglio di Stato

  1. Il Direttore del DI rispettivamente il Consiglio di Stato erano a conoscenza delle intenzioni della polizia cantonale di effettuare lo sgombero e la demolizione degli spazi dell’Ex macello? Se sì, in che data e ora ne sono venuti a conoscenza?
  2. Quali erano precisamente le regole d’ingaggio della Polizia cantonale per lo sgombero e la demolizione degli spazi dell’Ex Macello? Quali attori hanno partecipato a definire tali regole e le responsabilità decisionali?
  3. Corrisponde al vero che lo scenario “demolizione” è stato pensato in autonomia dalla Polizia cantonale e proposto all’esecutivo di Lugano solamente la notte tra il 29 e il 30 maggio 2021? Da chi e a che ora tale scenario è stato sottoposto al Municipio di Lugano per chiederne il nulla osta? A che ora e da chi il Consiglio di Stato e il Direttore del DI sono stati informati di questo scenario?
  4. Quale impresa ha effettuato i lavori? Da chi e quando è stata contattata l’impresa con la richiesta di effettuare i lavori?
  5. Secondo quali norme di legge ha agito la Polizia cantonale nell’esecuzione dello sgombero/sfratto del CSOA dagli spazi dell’Ex Macello? La procedura adottata è ritenuta giuridicamente corretta dal CdS?
  6. Secondo quali norme di legge ha agito la Polizia cantonale nell’esecuzione della demolizione? Il Consiglio di Stato ritiene giuridicamente corretta la procedura adottata, sia dal punto di vista delle norme della Legge edilizia sia dal punto di vista della Legge sulle commesse pubbliche?
  7. Il Consiglio di Stato sa se sono stati fatti degli accertamenti per verificare la presenza di amianto o altre sostanze tossiche nello stabile demolito? Quali misure sono state adottate dai servizi specializzati del cantone Ticino per salvaguardare dal rischio amianto gli agenti di polizia, il personale addetto alla demolizione e al trasporto di macerie, gli abitanti del quartiere, i numerosi curiosi sempre presenti davanti alle macerie? Il Consiglio di Stato può garantire l’assenza attuale di pericolo per la popolazione proveniente dalle macerie non ancora smaltite? Nel caso si rendesse conto che vi sia un potenziale pericolo per la popolazione, intende fare qualcosa?
  8. La Sezione degli enti locali intende avviare una procedura amministrativa per verificare il motivo per cui il Municipio di Lugano non ha eseguito la procedura di sfratto presso la Pretura, non ha applicato la legge sulle commesse pubbliche, non ha presentato la licenza edilizia né il piano di smaltimento e deposito delle macerie, né ha osservato le regole per il rilevamento ed ev. lo smaltimento di sostanze tossiche, amianto in particolare?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 11:04:13 | 91.208.130.87