Quella dei molinari è una vera autogestione?
Foto di Davide Giordano
Quel che resta del Molino. E nel tondo il sociologo Cattacin.
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
39 min
Settimana bianca: «Decide il Municipio, non i direttori»
Il Municipio precisa di non aver ancora preso alcuna decisione: «Valutiamo decine di misure sul Preventivo 2022».
LUGANO
1 ora
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
CADEMARIO
1 ora
Anche Cademario vuole aggregarsi
Il Municipio ha scritto una lettera a Bellinzona per comunicare il proprio desiderio di aderire al progetto.
MENDRISIO
2 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
CANTONE
3 ore
Altri milioni per combattere il Covid-19
Luce verde al contributo straordinario di 3.5 milioni per il mantenimento in prontezza del dispositivo ospedaliero.
LOCARNO
3 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
VERZASCA
3 ore
Prima di svuotare la diga, via tutti i limiti di pesca
L'esercizio della pesca è possibile da subito senza un numero massimo di catture né misure minime.
LOCARNO
4 ore
Un negozio Lidl a Locarno
La filiale apre i battenti domani in via Vallemaggia
CANTONE
5 ore
«La sussidiarietà per spendere “meno e meglio”»
Il gruppo UDC in Parlamento ha depositato un'iniziativa elaborata per modificare la legge sui sussidi cantonali
CANTONE
5 ore
Oltre quaranta milioni per il turismo
Sono i crediti quadro richiesti dal Consiglio di Stato a sostegno del settore per il quadriennio 2022-2025
LUGANO
5 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
LUGANO
02.06.2021 - 06:000
Aggiornamento : 08:05

Quella dei molinari è una vera autogestione?

Questione ex Macello: il sociologo Sandro Cattacin, ospite di Piazza Ticino, analizza il fenomeno.

«Le città – sostiene – devono essere disposte a sopportare anche questi approcci "diversi", se vogliono progredire». Guarda la video intervista.

LUGANO - Si fa presto a dire autogestione. Ma cosa è un autogestito? Quali sono i suoi ideali? E quali sono i suoi doveri? La vicenda legata all'ex Macello di Lugano, recentemente abbattuto dalle ruspe con un atto di forza delle autorità, riporta il tema d'attualità. Sandro Cattacin, sociologo, lo ha affrontato su Piazza Ticino. «Sono scosso da quanto sta succedendo a Lugano – sostiene –. Sono stati creati tanti problemi e sono state trovate poche soluzioni». 

Ci spiega in parole povere il concetto di autogestione?
«Ti trovi in un contesto in cui produci, fai da mangiare, vivi con altri e cerchi di essere in equilibrio con ciò che ti circonda. Un luogo anarchico, ma accogliente per chi si trova ai margini della società. Solidale e creativo. Si mangiano prodotti locali, si evitano gli sprechi».

Come si finanziano questi luoghi autogestiti?
«C'è il piccolo bar, ci sono eventi culturali. Il ricavato viene poi usato per la collettività. È un modello che ritroviamo in tante realtà urbane. Ed è interessante constatare che ci sono altri modi di vivere rispetto a quelli classici. Le città, d'altra parte, non sono più vivibili dal punto di vista finanziario se non si trovano altri modelli più sostenibili».

Qualcuno pensa che gli autogestiti siano solo persone che vogliono farsi mantenere. 
«Pregiudizi. Legati ai timori di un luogo che non si conosce. In realtà in questi posti si sperimentano nuovi stili di vita. Sono sovente abitati da persone innovative che magari un giorno faranno poi parte delle istituzioni, dando un contributo importante. Lo spazio non controllato fa paura. Permettere che esistano luoghi liberi, in cui si possano rompere gli schemi, può aiutare a creare una società migliore».

Chiunque può diventare un autogestito?
«Sì. Riducendo la propria quotidianità al minimo vitale. E azzerando consumi e sprechi. Pensiamo all'automobile, che potrebbe essere sostituita dalla bicicletta. O aggiustata al posto di essere cambiata. Le città devono essere disposte a sopportare anche questi approcci "diversi", se vogliono progredire. A Lugano l'intervento dello scorso weekend è stato sproporzionato».

Però i molinari non hanno mai voluto il dialogo. Né con le autorità, né con i media. Hanno anche loro grosse responsabilità. O no?
«Questi movimenti per comunicare di solito non passano dalla politica e nemmeno dai media. L'individuo passa da sé stesso. Facendo, anziché parlando. È chiaro che a questo livello la mediazione da parte di persone competenti e senza secondi fini è fondamentale». 

Togliamoci un dubbio: un autogestito ha degli obblighi verso la società, verso lo Stato, verso un locatario, come qualsiasi altro cittadino?
«Certo che li ha. Il fatto è che queste persone hanno altri codici di comunicazione che non sempre vengono compresi».

Non sarebbe più semplice che chi sogna l'autogestione si compri un terreno per poi sentirsi libero di fare ciò che vuole? 
«La filosofia non è questa. Si occupano solitamente luoghi urbani in disuso, per poi dare spazio a una nuova cultura, a un nuovo ordine delle cose. Le città sostengono economicamente spazi culturali autorizzati. Perché, con altrettanta serenità, non fare in modo che ci siano luoghi aperti all'autogestione?» 

Cosa deve fare ora Lugano? 
«Deve decidere se vuole essere una città o un paesotto di provincia. Io credo molto nella "città Ticino". Così come spero che nei prossimi giorni si trovi finalmente una soluzione». 

CLICCA QUI E GUARDA LA VIDEO INTERVISTA INTEGRALE

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 17:48:51 | 91.208.130.85