Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Pagare i tamponi ai dipendenti cantonali non è un controsenso?»
L'interpellanza di Massimiliano Robbiani sulla decisione del Cantone di pagare i test al personale non vaccinato
LUGANO
2 ore
«Quanto è meno stressante partorire a casa»
Nel Ticino dove non si nasce più, una levatrice racconta di un "nido" in controtendenza
POLLEGIO
12 ore
Due auto si scontrano lateralmente
L'incidente è avvenuto questa sera attorno alle 18:00
FOTO
LOCARNESE
13 ore
Camionista nei guai per tutta una serie di infrazioni
Danni e utenti della strada in pericolo nel Locarnese. Ma poi è intervenuto un pedone, togliendo la chiave di avviamento
FOTO
SAN BERNARDINO (GR)
16 ore
Un'auto pericolosa sull'A13
Ha causato più danni e creato situazioni di pericolo. La polizia è riuscita a fermarla nella galleria del San Bernardino
CHIASSO
18 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
19 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
21 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
22 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
CANTONE
1 gior
Sigarette elettroniche a scuola?
Maddalena Ermotti-Lepori (PPD) ha inoltrato un'interpellanza per capire se esista una strategia nelle scuole
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
LUGANO
20.05.2021 - 16:110

In piazza contro lo sgombero dell'ex Macello

L'appello a manifestare circola sui social. E l'UDC ricorda l'iniziativa “Adéss Basta!” per «porre fine a questo circo»

LUGANO - Tutta la procedura è scattata ufficialmente lo scorso 18 marzo: allora il Municipio di Lugano aveva deciso di notificare una disdetta formale della convenzione sottoscritta nel 2002 da Città, Cantone e Associazione Alba. In sostanza: le autorità avevano dato all'autogestione venti giorni di tempo per lasciare il comparto dell'ex Macello.

Nel frattempo i tempi si sono allungati, con ulteriori dieci giorni. E lo scorso venerdì un ultimo richiamo è stato consegnato brevi manu agli autogestiti, come riferito da laRegione. Un richiamo contro il quale può essere fatto ricorso entro trenta giorni. Stavolta - secondo le autorità - il mancato rispetto dell'ordine di lasciare gli spazi sfocerà in uno sgombero forzato.

Ecco quindi che ora sui social circola un invito a scendere in piazza «contro lo sgombero a difesa degli spazi liberati e autogestiti». L'appuntamento è fissato per sabato 29 maggio alle 15 in Piazza della Riforma.

L'UDC: «Adesso basta!» - A seguito dell'appello a manifestare, prende posizione la sezione luganese dell'UDC, che parla di «ennesima» occupazione abusiva della pubblica piazza. «L'ennesima manifestazione che finirà inesorabilmente con atti di vandalismo su proprietà pubbliche e private o peggio di violenza verso chi è chiamato a far rispettare l'ordine pubblico».

E il partito ricorda l'iniziativa popolare comunale denominata “Adéss Basta! No a un'autogestione al di sopra dell legge”, con cui intende porre fine «a questo circo una volta per tutte e per permettere ai cittadini luganesi di esprimersi democraticamente sul tema». Tale iniziativa, sottolinea ancora l'UDC luganese, «non chiude la porta a esperienze culturali e giovanili alternative, anzi le sostiene, ma sempre nel rispetto della legge e dell'ordine pubblico».

Secondo il partito si «sapeva fin dall'inizio che passate le elezioni non si sarebbe più mosso nulla o peggio avrebbero trovato loro una sistemazione alternativa sempre a Lugano». Pare, a dire dell'UDC cittadina, che il Municipio abbia sul tavolo proposte per sedi ubicate sempre sul territorio luganese. «Per l'UDC e buona parte della cittadinanza ciò è assolutamente fuori discussione» si legge nella nota.

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da controinforma-ti (@controinforma_ti)

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 08:42:32 | 91.208.130.85