deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
TENERO
26 min
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
1 ora
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
MENDRISIO
1 ora
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
1 ora
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
MENDRISIO
1 ora
Tiziano Calderari lascia la Presidenza del PLR di Mendrisio
Entro settembre, la Sezione annuncerà il suo successore
BELLINZONA
2 ore
Critiche alla Commissione giovani: «È uno specchietto per le allodole»
Inoltrata un'interpellanza volta a chiarire l'operato della Commissione
LOCARNO
2 ore
Alle Medie di Locarno 2, la miglior media vicinissima al 6
Sono stati premiati oggi i migliori allievi dell'istituto al termine del loro percorso nella scuola obbligatoria
CANTONE
2 ore
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
LUGANO
2 ore
'Ndrangheta: un arresto a Grancia
Un altra persona è stata arrestata nel canton Argovia, su mandato della magistratura italiana
BELLINZONA
3 ore
Cantieri in vista a Giubiasco e Sementina
Si tratta di lavori di sottostruttura in via Fabrizia e per un cedimento stradale in via Serta
CANTONE
5 ore
Estate 2021: evitare tragedie in laghi, fiumi e montagne
Parte la campagna di sensibilizzazione di “Acque sicure” e “Montagne sicure
FOTO
BELLINZONA
6 ore
La pandemia lo trasforma in un gaucho
La sfida imprenditoriale del 33enne Nahuel Gonnet. Ora fa il grigliatore argentino professionista.
CANTONE
10.05.2021 - 06:320

Biglietti omofobi in ufficio: «Non ti va? Dimettiti»

Discriminazioni in famiglia, sul lavoro, per strada. L'omofobia in Ticino esiste anche se non "fa statistica"

Tredici denunce l'anno scorso ai sensi dell'articolo 261 bis. Il dato è in aumento, ma per Ps e associazioni Lgbt serve maggiore chiarezza

LUGANO - Oltre confine il vuoto normativo, le telefonate di Fedez, la caciara tra sindacati e Salvini, tra Panda e Lamborghini. In Ticino invece vuoto di numeri e calma (quasi) piatta sul doppio fronte politico e poliziesco.

L'omofobia in Svizzera è un reato punito da febbraio scorso ai sensi dell'articolo 261 bis del codice penale. È passato oltre un anno - e che anno - dalla nuova legge, ma nel nostro cantone il numero più significativo resta ancora il 66,9 per cento: quello dei "sì" incassati dal referendum per l'inasprimento delle pene. Chi discrimina o incita alla discriminazione sessuale rischia ora fino a tre anni di carcere: eppure le denunce - stando ai dati della Polizia cantonale - sono ancora pochissime. 

Numeri alla mano: le denunce ai sensi del 261 bis sono state 13 l'anno scorso in Ticino. In aumento rispetto al 2019 (erano state 8), al 2018 (9) e al 2017 (6) ma comunque contenute. La montagna referendaria ha partorito un topolino statistico? Dalla Polizia cantonale precisano, per amor del vero, che il dato non riguarda solo le discriminazioni sessuali ma anche quelle in base a razza e religione, e che «non è possibile per ora estrapolare i casi» riconducibili a omofobia. 

Una lacuna a cui la Polizia di Zurigo - prima in Svizzera - ha rimediato iniziando a schedare gli episodi di violenza omofoba (fisica o verbale) in una statistica a parte. In Ticino il Gran Consiglio ha approvato l'anno scorso una mozione Ps-Plr, che chiede al governo di attivarsi «per implementare la statistica». Al momento «la lacuna rimane» sottolinea la deputata Laura Riget (Ps) e «va colmata al più presto per dare al problema la giusta proporzione». 

Un altro aspetto sottolineato dalla mozione, e che Riget tiene a ribadire, è quello della formazione degli agenti di polizia. «Le forze dell'ordine devono essere preparate a riconoscere i comportamenti omofobi e a perseguirli nel rispetto delle vittime». Al riguardo, la deputata racconta un episodio accaduto a due conoscenti gay: «Dopo avere ricevuto degli insulti da dei passanti, si sono recati in polizia e qui si sono sentiti chiedere dall'agente di turno se, per caso, si fossero baciati in pubblico». 

Il problema insomma non sono solo i numeri. E il fatto che questi siano "lenti" non significa che il fenomeno-omofobia non esista, sottolineano le associazioni Lgbt. «Al contrario, è chiaro che quanto emerge è solo la punta dell'iceberg» sottolinea Federico De Angeli di Imbarco Immediato. «Gli episodi di bullismo e discriminazione sono una realtà quotidiana per moltissime persone Lgbt fin dalla tenera età, lo vediamo ad esempio nelle scuole dove facciamo sensibilizzazione». Un altro problema è che «a volte l'ambiente circostante, anche il personale scolastico, non riconosce le discriminazioni come tali».

I casi di aggressione fisica «sono rari ma capitano» mentre sempre più frequenti - complice anche la pandemia - sarebbero le aggressioni verbali via web. Non mancano anche i problemi in ambito famigliare: l'associazione Zona Protetta di recente ha raccolto due casi di giovani (un ragazzo e una ragazza) che hanno chiesto aiuto dopo aver fatto coming-out con i rispettivi genitori.

«In entrambi i casi le famiglie hanno reagito malissimo all'omosessualità dei figli: il ragazzo è stato portato da uno psicologo, la ragazza è scappata di casa» racconta il portavoce dell'associazione Marco Coppola. «Si tratta di fattispecie che non rientrano nel penale, ma che rendono l'idea della problematica». La risoluzione di simili conflitti famigliari «può richiedere anche mesi o anni ed essere molto dolorosa per gli interessati».  

Negli ultimi mesi l'associazione ha seguito anche il caso di una discriminazione sul luogo di lavoro: un impiegato 40enne è stato preso di mira dai colleghi con «bigliettini denigratori e insulti» dopo aver reso nota la propria omosessualità. Il datore di lavoro «ha gestito la situazione malissimo, tollerando questi comportamenti e invitando la vittima, se non gli vanno bene, a licenziarsi». Atteggiamenti al limite della denuncia, ma anche qui «non si è arrivati alle vie legali» spiega Coppola. «Spesso chi subisce ha paura di esporsi, o di amplificare la propria sofferenza». Con buona pace delle statistiche.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 17:18:31 | 91.208.130.87