Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
MENDRISIO
10 ore
Tutto iniziò con una locomotiva...
La Galleria Baumgartner di Mendrisio festeggia i suoi primi vent'anni con una settimana di eventi e iniziative
BODIO
11 ore
Bodio sarà al 50% autosufficiente
Con altri due impianti fotovoltaici, ci sarà energia per 210 delle 400 economie domestiche presenti sul territorio
CANTONE / ZURIGO
12 ore
Il Premio Studer/Ganz alla ticinese Sabina Zanini
La premiazione si terrà nella primavera del 2022 presso la Casa della Letteratura per la Svizzera Italiana a Lugano
CANTONE
13 ore
Partecipazione digitale alla politica: Ticino quartultimo
Su una scala da 0 a 100 punti, il canton Ginevra raggiunge il podio con 55 punti. Il Ticino si ferma a 17.
CANTONE
13 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
FOTO
CANTONE
14 ore
Poco più di due anni per risanare 108 fermate del bus
Entro il 2024 verranno risanate 108 fermate del trasporto pubblico su gomma. Per una spesa di circa 27 milioni.
CANTONE
15 ore
Un nuovo stabile per l'Istituto delle assicurazioni sociali
È stato inaugurato ieri alla presenza del direttore del DDS Raffaele De Rosa.
CANTONE
16 ore
Comuni ticinesi, si riforma tutto
Il Cantone intende ridefinire compiti, dimensioni e funzionamento del Comune in Ticino.
CANTONE
16 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
17 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
STABIO
18 ore
L'aula immersa nel bosco è realtà
Contrariamente a quanto inizialmente previsto, è stata però realizzata in zona Colorine (e non in zona Ferriere)
CANTONE
19 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
21 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
23 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
23 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
1 gior
Pannelli fotovoltaici sulle dighe, «il Ticino dovrebbe prendere esempio»
Una mozione a tal riguardo è stata presentata da Fiorenzo Dadò e Marco Passalia, del PPD
CANTONE
1 gior
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
1 gior
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
CANTONE
1 gior
Buon successo della rassegna del gusto ticinese
L'evento si è svolto nel corso dell'intero fine settimana.
FOTO
CASLANO
1 gior
Il sottopassaggio che ti porta sott'acqua
"Dal lago al Monte Sassalto", questo il nome del murale realizzato per riqualificare l'area.
PARADISO
1 gior
Gli operai del Comune protestano
A Paradiso questa mattina una ventina di dipendenti comunali ha incrociato le braccia
CANTONE
08.04.2021 - 08:080
Aggiornamento : 12:21

Indipendenti nel limbo degli aiuti Corona: «Il Cantone con la sinistra non dà, ma con la destra prende»

Voci di chi da mesi aspetta il denaro promesso dallo Stato: «Intanto però arrivano i precetti per l'AVS»

Il direttore dello IAS Sergio Montorfani si scusa con gli affiliati per i disagi: «Il Parlamento ha stretto i paletti. Stiamo parlando di 4'000 pratiche da evadere ogni mese. Abbiamo rafforzato ulteriormente la squadra. Ciò permetterà di recuperare parte del ritardo»

BELLINZONA - «Sono uno di quelli che aspettano le Indennità di perdità di guadagno (IPG) Corona». Qui, si sfoga un’altra persona, «stiamo imbarcando acqua da tutte le parti, ma ai piani alti della nave se ne sono accorti?». Qualcun altro dà segnali di resa: «Sono proprio stanco di lottare». Un altro ancora si irrita: «Tutte le volte che ho chiamato mi hanno rimbalzato»…

Dante li avrebbe messi nel limbo dei condannati senza colpa, anche se in molti stanno dando prova di una pazienza santa. Sono le voci dei lavoratori indipendenti in attesa dei soldi promessi dallo Stato. Sebbene in Ticino siano diverse decine le Casse AVS incaricate di erogare gli IPG Corona, il grosso delle richieste arriva dagli affiliati alla Cassa cantonale di compensazione AVS. «È importante ricordare che stiamo parlando di circa 4’000 pratiche da verificare ed evadere ogni mese» rimarca Sergio Montorfani, direttore dell’Istituto delle Assicurazioni sociali. Per lo IAS si tratta di una vera sfida, che è stata irta di ostacoli, anche imprevisti, come spiegherà più sotto lo stesso alto funzionario.

Impotenza e frustrazione - Prima però diamo voce a chi è in snervante aspettativa. Grida di aiuto che si sono fatte più numerose da quando un’interrogazione dei Verdi ha evidenziato il problema dei “ritardi intollerabili” nell’erogazione degli aiuti a una delle categorie sociali più in sofferenza. Chi ha contattato la redazione mostra spesso frustrazione. Quasi sempre impotenza. Sovente rabbia. Raramente, per ora, minaccia.

La via dell’indipendenza - Gli indipendenti sono l’anello debole della crisi e sono tanti, come ricorda Nicola Schoenenberger, il deputato Verde che ha sollevato politicamente il problema: «Si tende a sottovalutare che il numero degli indipendenti in Ticino è ben più alto che nel resto della Svizzera. Il rapporto è del 17% contro il 13%». Tanti sono giovani, continua il granconsigliere, «ciò dipende anche dal fatto che nel cantone gli stipendi sono più bassi e tanti hanno lavori precari. A furia di non trovare impiego alla fine ci si mette in proprio». 

Malattia che si cura coi soldi - È sintomatico che le richieste d’aiuto degli indipendenti, con più di un piede fuori dal sistema economico, finiscano sotto l’ampio cappello del DSS. Non è ancora una malattia, ma in procinto di diventarlo se l’Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) non verrà messo nelle condizioni di erogare rapidamente gli aiuti. Ma il denaro dallo IAS non sta arrivando con la celerità richiesta, dicono in molti.  Ecco, qui, alcune testimonianze.

Gli aiuti in ritardo- «Ho ricevuto le indennità di novembre e dicembre a inizio febbraio. Sempre a febbraio - si lamenta Michela (nome noto alla redazione) - mi hanno detto che per un errore di compilazione del formulario non mi sarebbero state versate quelle di settembre e ottobre. Ho fatto ricorso e sto aspettando l’esito. Siamo ad aprile».

I precetti puntuali - «Da settembre attendo gli aiuti senza riceverli - racconta Carlo, anche lui libero professionista -. Invano! Intanto però ho ricevuto un bel precetto esecutivo da parte dell’AVS. L’assurdo di questa storia è che il Cantone mostra due mani, con la sinistra non dà, ma con l’altra prende».

Le forze al fronte - Nessuno mette in dubbio che lo IAS sia confrontato con una tempesta di richieste. Il fronte chiamato a rispondere, sembra sguarnito agli stessi richiedenti. «Trovo assurda la loro giustificazione che c’è solo un funzionario incaricato di valutare i ricorsi» racconta Alfredo. «Mi hanno risposto - aggiunge Franco - che sono in cinque a evadere duecento casi al giorno».

Domani andrà meglio - «Mi è stato detto di non aver fretta - si sfoga Antonella - che c’è gente che sta ancora aspettando le indennità di settembre e ottobre, ma che stanno cambiando il sistema informatico e che poi le cose dovrebbero andare meglio». E nell’attesa, l’invito è ad arrangiarsi: «Ho fatto notare all’ufficio preposto dello IAS che rischio di ricevere dei precetti esecutivi per fatture scoperte, e quello è rimasto zitto. Gli ho chiesto se mi dovrei indebitare aspettando le loro indennità. “Se non ha un’altra soluzione direi di sì” è stata la sua risposta».

I sospettosi - I mesi di attesa fanno nascere anche il sospetto in alcuni: «È tutto “scientificamente” pensato. Sono lungaggini volute per non erogare gli aiuti. Tanto non tutti ricorreranno all’assistenza». Qualcuno ha scritto anche di peggio, a testimonianza dell’esasperazione. Perché l’IPG, se volessimo chiudere con una citazione da un'opera poco buffa, “che vi sia, ciascun lo dice. Dove sia nessun lo sa”. Questa l’aria che tira oggi.

Lo IAS risponde: «Prioritario riassorbire il lavoro accumulato, ma nella piena correttezza delle procedure»  
Cosa sta facendo la Cassa cantonale di compensazione AVS per rispondere alle «legittime aspettative della popolazione», lo spiega a Tio/20Minuti, lo stesso direttore dello IAS, Sergio Montorfani.  La premessa è che Berna ha cambiato, strada facendo, le "regole" per le richieste: «Da metà settembre 2020, dopo un semestre in cui le procedure di erogazione erano estremamente semplificate – cosa che ci permetteva di evadere le richieste molto celermente – il Parlamento federale ha deciso di porre dei paletti più stretti per il rilascio di queste indennità. Oltre a criteri più rigorosi per l'ottenimento del sussidio, che richiedono quindi un maggiore lavoro di verifica, è stato posto l'obbligo di ripresentare la domanda ogni mese. Questi due fattori hanno notevolmente incrementato la mole di lavoro, sia per i richiedenti sia per i nostri collaboratori. È importante ricordare che stiamo parlando di circa 4'000 pratiche da verificare ed evadere ogni mese».

Lo IAS potenzia, ma... «Già durante lo scorso autunno, proprio per far fronte a questa sfida, abbiamo assunto una decina di nuovi collaboratori, ma - spiega Montorfani - complici diverse malattie e altre difficoltà, anche di natura informatica, la nostra capacità operativa è stata purtroppo ostacolata. Nel frattempo abbiamo implementato nuovi processi operativi più snelli e abbiamo proceduto a rafforzare ulteriormente la squadra anche con collaboratori provenienti da altri uffici. Questo ci permetterà di recuperare parte del ritardo. La nostra priorità rimane quella di rispondere alle richieste dei nostri affiliati e riassorbire al più presto il lavoro accumulato. Da parte nostra è però anche fondamentale garantire che tutto venga svolto nella piena correttezza delle procedure necessarie all’erogazione di questi sussidi». Le ultime parole sono per chi è in attesa: «Cogliamo l'occasione per scusarci con i nostri affiliati per questi disagi e ringraziarli per la comprensione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 6 mesi fa su tio
Ci sono tanti impiegati , forse oltre il necessario nell'amministrazione cantonale. Non sarebbe molto pratico ,recuperare tutto il personale possibile ,non indispenabile in tutti i dipartimenti e convogliarli su queste procedure? Non penso siano necessarie formazioni universitarie per esaminare dati e formulari. Ma tantè si sa , possiamo ben dire che abbiamo almeno 5 governi in Ticino. È una vergogna. Nel privato sarebbero già in strada da molto tempo, certi dirigenti e politici.
adri57 6 mesi fa su tio
Purtroppo chi necessita dei servizi IAS, conosce la problematica. La pandemia non ha facilitato i contatti con i collaboratori. I direttori e il CdS conoscono realmente quanto avviene ai piani inferiori?
TheOsage 6 mesi fa su tio
@adri57 La grossa questione è che 2020 gli indennizzi agli indipendenti erano semplici da erogare, tot franchi al giorni in base a quanto pagato di AVS nell'anno precedente. Mentre nella seconda parte sono cambiate in maniera drastica le regole, questo ha complicato per chi fa la richiesta, e anche per chi sbriga le pratiche.
Mirketto 6 mesi fa su tio
Come sempre si grida al lupo quando è troppo tardi. Era da prevedere una grande affluenza di incarti, perciò potenziare il personale subito?? Tanto i statali hanno il sederino al caldo e se ne fregano di chi è a casa senza soldi. Le scuse del Sig. Montorfani valgono poco.
Leonardo-P 6 mesi fa su tio
@Mirketto 👏👏👏
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 05:35:05 | 91.208.130.85