Foto Tio/20Minuti
Mascherine, in questi giorni ancora un optional
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE
1 ora
Giorgio Tuti eletto per un secondo mandato al vertice dei sindacati dei ferrovieri europei
I delegati della ETF si sono riuniti in modalità digitale questa mattina
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
3 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
FOTO
CANTONE
4 ore
Gobbi in Vallemaggia per discutere (anche) di aggregazioni
Il direttore del DI ha incontrato gli esecutivi di Cevio, Bosco Gurin, Campo Vallemaggia, Cerentino e Linescio.
CHIASSO
4 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
17 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
Lugano
18 ore
Due auto coinvolte in un incidente sulla A2 in direzione Chiasso
Il sinistro è avvenuto nei pressi dell'entrata autostradale Lugano Sud
LOCARNO
19 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
20 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
02.04.2021 - 07:150
Aggiornamento : 11:04

«La polizia cercherà di anticipare gli assembramenti»

L'obbligo di mascherina non sembra passare in città e il sindaco Marco Borradori lancia un invito per Pasqua

«L'obiettivo non sarà certamente quello di multare, ma vorremmo essere più proattivi. Godiamoci le prossime giornate, ma nel rispetto reciproco»

LUGANO - Questa veduta fotografica di piazza Cioccaro fissa, come in un quadro del Canaletto, un momento di rilassata vita cittadina del tempo che fu. A osservarla se ne rimpiange la serena convivialità. Quando nelle prime serate primaverili, artificiosamente allungate dall’ora legale, la gente soleva amabilmente intrattenersi per le vie del centro, parlottando fitto fitto, faccia a faccia… "sans soucis, sans problèmes".

Una vita fa, verrebbe da dire. Il guaio è che questa foto è stata scattata alle 18.50 di mercoledì 31 marzo 2021. E ieri sera, alla stessa ora, la medesima scena, salvo l'apparire di un cartello a centro piazza che impone l'obbligo - inascoltato - di mascherina. E se per ora l’obbligo assoluto introdotto dal Municipio concerne esplicitamente i prossimi due weekend e l’intera settimana pasquale in stazione, nel centro storico e sul lungolago, il buonsenso e Berna in questo caso vanno di pari passo. Dicono che il virus non circola solo nei fine settimana e dicono anche che la mascherina è sempre obbligatoria se non può essere mantenuta la distanza di 1,5 metri da altre persone. 

Si rischia di passare per impiccioni e moralisti, ma la posta in gioco è troppo alta. E allora chiediamo al sindaco di Lugano se una situazione del genere lo preoccupa in vista dei prossimi giorni. «Oggi (ieri, ndr) abbiamo discusso molto in Municipio degli assembramenti - risponde Marco Borradori -. Siamo molto attenti alla situazione che si sta creando, più che essere preoccupati. Vorremmo poter interloquire con la popolazione. Abbiamo una parte di cittadini che ha timori dal profilo sanitario e si attiene alle regole, e un'altra parte che per vari motivi le rispetta un po' meno. Noi, come autorità, non vogliamo passare per cattivi, ma semplicemente creare le condizioni per cui tutti possano godersi in tranquillità la vita all'aria aperta. Crediamo che con l'avvicinarsi della Pasqua e l'arrivo atteso di molti turisti sia molto importante - e in fondo non si chiede moltissimo - mantenere le distanze, non stare in assembramenti di più di 15 persone e, dove non si riesce a spaziarsi, mettere la mascherina».

La polizia sarà impegnata nel farne rispettare l’obbligo. Quale sarà l’approccio?
«L'obiettivo non sarà certamente quello di multare, ma di sensibilizzare. Vorremmo essere più proattivi e anticipatori. Chiaramente se una pattuglia si trova davanti a duecento persone senza mascherina diventa un po' difficile intervenire. La polizia cercherà di anticipare gli assembramenti nei luoghi che conosciamo bene».

Su un fronte un po' più caldo, la Città ha appena deciso di rafforzare nel weekend i controlli di polizia, introducendo il divieto di portare oggetti pericolosi, come bottiglie di vetro, alla Foce. Sembrano quasi misure preventive da hooligan allo stadio...
«Il fatto è che come autorità siamo confrontati con due tipologie sociologiche che richiedono misure differenti. Ci sono i quarantenni e cinquantenni che hanno piacere di ritrovarsi in piazza e poi ci sono i "giovani della Foce", che la scorsa settimana erano tanti ma tutto sommato sono rimasti tranquilli. Sara una Pasqua, se non preoccupante, di grande attenzione da parte di tutti. Autorità e cittadini».

Che invito rivolge a turisti e residenti?
«Il mio invito è quello di goderci le belle giornate di sole che ci attendono. Ma rispettando chi, con buon diritto, può avere dei timori di tipo sanitario».

Foto Tio/20Minuti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 14:25:12 | 91.208.130.86