Immobili
Veicoli
Cartellonistica vandalizzata nella capitale

BELLINZONACartellonistica vandalizzata nella capitale

28.03.21 - 11:10
Il candidato Pietro Ghisletta (PPD) solleva il dubbio: «Hanno preso di mira quelli dei giovani, di tutti i partiti»
Pietro Ghisletta
Cartellonistica vandalizzata nella capitale
Il candidato Pietro Ghisletta (PPD) solleva il dubbio: «Hanno preso di mira quelli dei giovani, di tutti i partiti»
Fabio Käppeli (PLR): «Tra noi candidati di partiti diversi c'è solidarietà. Ci siamo subito sentiti e coordinati per rimetterli al loro posto».

BELLINZONA - Il 18 aprile si avvicina e la campagna per le elezioni comunali 2021 è entrata nel vivo più che mai. I volti dei candidati spuntano da ogni dove, nei quartieri, sui bus, alle fermate. Ognuno con il suo slogan. Ma non mancano i vandalismi, tra "baffetti" disegnati sui volti, denti anneriti e frasi storpiate.

Questa notte a Camorino - e in altri quartieri di Bellinzona - qualcuno si è divertito a gettare a terra la cartellonistica e staccare i manifesti. La segnalazione arriva da Pietro Ghisletta, candidato PPD. Ma a suo dire il suo non è l'unico preso di mira, ci sono anche (almeno) quelli di Fabio Käppeli (PLR) e Simone Orlandi (UDC). 

Il vandalismo sulla pubblicità delle Comunali colpisce un po' ovunque. Qualche giorno fa anche a Mendrisio qualcuno si era preso la briga di scrivere "che schifo" sul cartellone dei candidati Roberto Pellegrini e Alessio Allio (gruppo Lega dei Ticinesi, UDC e UDF).

Ovviamente non è possibile risalire ai responsabili, ma Ghisletta solleva un dubbio: «Quelli vandalizzati sono tutti di candidati giovani». A lui era già successo la scorsa settimana di ritrovarsi con baffi e orecchie da coniglio su un manifesto a Sementina. «Quando non siamo presenti si sente il solito ritornello che “ai giovani la politica non interessa” - commenta -, ma quando ci mettiamo a disposizione, diamo fastidio». In conclusione, quindi, incoraggia a «un utile scambio di idee» anziché i gesti di vandalismo. 

Fabio Käppeli, dal canto suo, sottolinea la «bella solidarietà tra candidati di partiti diversi». Chi si è recato sul posto quando è arrivata la segnalazione, stamattina, si è infatti occupato di mettere a posto non solo il suo cartellone, ma anche quello degli altri. Il candidato PLR oggi festeggia il suo compleanno. «Non me l'hanno di certo rovinato - commenta -. Alla fine non è nulla di grave, ma è un gesto davvero fastidioso e che si commenta da solo. Saranno dei buontemponi che non hanno niente da fare».

Al momento non risulta che qualcuno abbia deciso di sporgere denuncia.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO