tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CADENAZZO/GIUBIASCO
6 min
Compleanno da 101 candeline alla Casa Aranda di Giubiasco
La festeggiata è la Signora Erminia Addor di Cadenazzo.
CANTONE
14 min
Il Governo a Berna per sostenere Cassis presidente
Una delegazione ufficiale del Canton Ticino sarà domani presente a Palazzo Federale
FOTO
CANTONE
51 min
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
CANTONE
1 ora
«Sintomi depressivi gravi per un terzo degli studenti»
L'allarme del SISA in base ai risultati di un questionario distribuito alla Scuola cantonale di Commercio
LOCARNO
1 ora
Seconda chiusura della linea ferroviaria tra Cavigliano e Camedo
I collegamenti internazionali saranno garantiti con un servizio bus sostitutivo
FOTO
CASLANO
3 ore
Un'auto sotto la barriera
A Caslano un veicolo è rimasto bloccato al passaggio a livello
CANTONE
4 ore
L'appello del Cantone: obbligo di mascherina nei luoghi affollati
Il Consiglio di Stato sostiene tale provvedimento, che è «efficace» e «assicura un'elevata sicurezza sanitaria»
ROVEREDO
4 ore
Il carnevale Lingera non si arrende: «Decideremo a gennaio»
La decisione definitiva sarà presa entro metà gennaio, dichiara il Comitato.
CANTONE
4 ore
Arriva la neve, «usate l'auto soltanto se necessario»
Per domani, 8 dicembre, è prevista un'allerta meteo di livello 3. Le raccomandazioni della polizia cantonale
CUGNASCO-GERRA
4 ore
Dopo una pausa forzata di un anno ritorna la “Piazza Natalizia”
Il tradizionale Mercatino Natalizio si svolgerà dal 9 al 12 dicembre in Piazza a Gerra Piano.
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Oltre 90 milioni per il centro sportivo di Tenero
Il Consiglio degli Stati ha approvato una serie di crediti per la realizzazione di nuovi edifici
CANTONE
12.03.2021 - 19:300
Aggiornamento : 21:40

«La terza ondata è dietro l'angolo»

Contagi in aumento del 30 per cento in Ticino. Raffaele De Rosa invita alla prudenza

Da Berna misure «contraddittorie» per il Direttore del DSS. Sugli allentamenti «andrebbero riviste le priorità». Intanto gli indicatori epidemiologici preoccupano, ma «la campagna vaccinale è pronta a un cambio di passo» forniture permettendo

BELLINZONA - Allentamenti in vista, ma con tempistiche incerte. Il Consiglio federale ha lanciato una patata bollente ai Cantoni, chiamati a esprimere i loro pareri entro l'inizio di settimana prossima sulle nuove misure messe in consultazione.

Per il Consiglio di Stato ticinese si prospetta, insomma, un altro weekend di lavoro extra e discussioni. Il direttore del DSS Raffaele De Rosa non nasconde una certa perplessità, davanti al piano di allentamenti proposto da Berna. «Ho trovato il messaggio un po' ambiguo e contraddittorio» commenta a tio.ch/20minuti. «Da un lato si è preso atto che la situazione sanitaria è fragile e incerta, peggiore di quanto auspicato. Dall'altro si sono messe sul tavolo più aperture di quelle prospettate due settimane fa». 

Avrebbe auspicato una maggiore prudenza?

«Sono gli indicatori epidemiologici a imporlo. Nell'ultima settimana in Ticino, ad esempio, i contagi sono aumentati del 30 per cento. Sappiamo che le nuove varianti sono molto più contagiose, e hanno ormai una prevalenza del 70 per cento sul totale dei casi registrati. Anche il tasso di positività e l'incidenza si sono deteriorati». 

Berset ha parlato apertamente di terza ondata. 

«Gli indizi non mancano e devono far riflettere. Ricordo come in autunno siamo passati rapidamente da zero contagi a un picco di 388 ospedalizzazioni nel giro di poche settimane. Il rischio della terza ondata va affrontato e gestito, ed è importante che le misure rimangano ben proporzionate alla situazione epidemiologica». 

Questa è la posizione che sosterrà con i colleghi di governo?

«In seno al Consiglio di Stato abbiamo avuto sempre un confronto sincero e siamo sempre riusciti a pervenire a una sintesi. C'è grande sensibilità e attenzione per tutti gli aspetti in gioco, non ultimi quelli economici e sociali. La voglia di tornare alla normalità ci accomuna tutti, ma non bisogna fare il passo più lungo della gamba. Il rischio, altrimenti, è di un'apertura a yo-yo come in Italia, dove la Pasqua sarà di nuovo blindata». 

In Ticino non c'è lo stesso rischio?  

«Al momento è difficile fare previsioni. Va detto che però, nell'ambito degli allentamenti, andrebbero stabilite delle priorità. È stata prospettata la riapertura delle manifestazioni, con un limite di 150 persone all'aperto e 50 al chiuso. In un'ottica di priorità avrei visto meglio semmai un'apertura dei ristoranti, con piani di protezione rinforzati, magari anche solo a pranzo. Sarebbe un grosso aiuto all'economia».

La campagna vaccinale procede, intanto. Ma sembra non metterci completamente al riparo.

«Le vaccinazioni sono uno dei pilastri della nostra strategia, non l'unico. Gli altri sono limitare i contatti, testare di più. Inoltre la campagna vaccinale come abbiamo visto è condizionata dall'andamento delle forniture, che non dipendono da noi».

Oggi il farmacista cantonale Zanini ha prospettato la copertura totale della popolazione, in Ticino, per l'inizio dell'estate. 

«Siamo fiduciosi. Anche se finché le dosi non sono stoccate in Ticino, la garanzia al 100 per cento non c'è. Ma abbiamo ricevuto rassicurazioni confortanti dalla Confederazione, e contiamo di passare alla "fase 4" con la vaccinazione dei malati cronici ad alto rischio nelle prossime settimane. Con i centri cantonali aperti entro fine mese (quattro: oltre a Giubiasco, già operativo, anche Locarno, Lugano e Mendrisio ndr.) siamo pronti a un cambio di passo e potremo accelerare ulteriormente. Questo a patto che i rifornimenti da Berna ce lo permettano».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 16:30:16 | 91.208.130.85