Ti-Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
PARADISO
54 min
Lifting radicale per la Migros di Paradiso
La filiale di via Geretta, completamente rinnovata, riapre giovedì
FOTO E VIDEO
CANTONE
58 min
A tu per tu con l'orso preistorico
Nella Caverna Generosa si fa un tuffo nel passato grazie alla realtà aumentata
CANTONE
1 ora
Un altro giorno senza decessi
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro cantone sono stati accertati 33'172 casi e 995 morti
CANTONE
3 ore
Un quarto di secolo tra gli scaffali delle Tre Valli
La gerente del negozio Coop di Dongio Ilaria Rigozzi ha tagliato in questi giorni l'importante traguardo.
CANTONE
5 ore
Le prostitute (vaccinate) non fanno il pienone
I postriboli in Ticino sono ancora mezzi vuoti. E fanno sconti alle ragazze che non riescono a pagare
CANTONE
5 ore
Allievi tutti in aula e quasi 170 quarantene di classe
È il bilancio dell'anno scolastico che in Ticino si conclude il prossimo 18 giugno
TICINO/GRIGIONI
15 ore
Mauro Gianetti turbato: «Questa foto fa venire i brividi»
Sassi sul Passo del Lucomagno, dove negli ultimi giorni è passato per ben due volte il Tour de Suisse.
CANTONE
15 ore
«Chiunque gioca sulle paure finisce per vincere»
Legge sul terrorismo, Paolo Bernasconi preoccupato: «Si rischia di arrivare a controllare perfino gli animalisti».
TICINO/GRIGIONI
16 ore
Cadono sassi sulla strada del Passo del Lucomagno
Proprio in giornata da quel punto era transitata la carovana ciclistica del Tour de Suisse.
CANTONE
19 ore
Pensioni del Consiglio di Stato: «Si volta pagina»
La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore
CANTONE
19 ore
Tre no e due sì dal Ticino
Le urne hanno respinto la legge sul Co2 e le iniziative agrarie. Favorevoli invece alla legge Covid e di polizia.
CANTONE
04.03.2021 - 17:110
Aggiornamento : 20:25

«Ci stiamo lamentando di un Paese che ci ha dato due vaccini efficaci»

Svizzera lenta e debole? La strategia rossocrociata analizzata da Alessandro Diana, infettivologo e vaccinologo.

Ospite di Piazza Ticino, lo specialista dice: «Alcuni Stati all'inizio di questa crisi hanno investito milioni di dollari. È normale che siano più avanti con la campagna. Noi non abbiamo fatto così male però».

BELLINZONA/GINEVRA - Ancora oltre 5.000 posti disponibili per gli over 75 che vogliono farsi vaccinare contro il nuovo coronavirus presso il centro cantonale di Giubiasco. Tantissimi. Un dato che evidenzia come ci sia ancora tanto scetticismo attorno al vaccino anti Covid-19. Ne abbiamo parlato con Alessandro Diana, infettivologo e vaccinologo, in diretta da Ginevra, ospite di piazzaticino.ch

Come valuta queste resistenze? 
«La vaccinazione non è obbligatoria. Se ci sono persone che non vogliono vaccinarsi, possono evitare di farlo. Io ovviamente lo consiglio. La priorità di questa campagna è quella di uscire dalla pandemia, diminuendo il carico del sistema sanitario. Chi sovraccarica gli ospedali? Le persone con più di 75 anni e con fattori di rischio. A settembre si diceva che se avessimo avuto un vaccino efficace al 60% per il mese di maggio del 2021 sarebbe stato un miracolo. Già a gennaio invece ci siamo ritrovati con più vaccini efficaci». 

Che senso ha dare precedenza agli anziani e non (anche) ai sanitari?
«In Svizzera si è valutato che non sono i professionisti della salute a sovraccaricare il sistema sanitario. Prima vacciniamo le persone che vanno all'ospedale. Quelle più deboli. Se una persona di trova in una fascia a rischio, non dovrebbe aspettare la nuova versione del vaccino col pretesto che magari potrebbe esserci una nuova variante "non coperta"». 

A cosa serve fare il vaccino se non si ritrova la libertà completa?
«L'idea di lasciare andare le persone che sono vaccinate sembra avere senso. Ma si vogliono avere certezze sul fatto che oltre a non prenderla, non portino in giro la malattia. Aspettiamo di avere qualche conferma in più. Il politico per prendere delle decisioni ha bisogno di ricevere dati dalla scienza. Questi dati arrivano a mano a mano. Non è facile prendere decisioni in un clima di incertezza». 

Ma non doveva arrivare la temuta terza ondata?
«Se non l'abbiamo vista, è grazie alle misure messe in atto. Dobbiamo comunque rimanere vigili. Con 1.200-1.500 contagi al giorno siamo allo stesso livello del picco della prima ondata». 

Perché Israele è così avanti nella vaccinazione, mentre noi no?
«Alcuni Stati, tra cui Inghilterra e Israele, all'inizio di questa crisi hanno investito milioni di dollari sui vaccini. Da subito. Si sono presi il rischio di fare ricerca, avendo però poi la garanzia di avere la precedenza su un eventuale prodotto valido. È normale che siano più avanti con la campagna».    

E perché la Svizzera non ha fatto altrettanto?
«Bisognerebbe chiederlo ai politici. In parte però lo ha fatto, con Moderna ad esempio». 

La Svizzera sembra debole di fronte a chi ha in mano la "ricetta" del vaccino. Berna ha dormito? 
«Non abbiamo fatto così male. Vorremmo che tutto venisse risolto entro breve. C'è fretta. È vero che ci si può sempre aspettare qualcosa di più. Ma i vaccini non devono esserci solo per la Svizzera. Devono esserci per tutto il mondo».

La Svizzera però è la patria delle case farmaceutiche...
«Ci stiamo lamentando di un Paese che ci ha dato, in un modo o nell'altro, almeno due vaccini efficaci finora. Al momento non abbiamo ancora tantissime dosi, ma le avremo. E non dimentichiamoci che le cose stanno andando verso il meglio. Si va verso la stagione calda e si sta procedendo con una vaccinazione valida. Tra 6-8 settimane osserveremo che la curva dei ricoveri e dei decessi andrà giù. Non credo che vivremo un'altra "maledetta primavera". Sono ottimista». 

CLICCA QUI E GUARDA LA VIDEO INTERVISTA COMPLETA 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 11:43:20 | 91.208.130.86