tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
5 ore
Il Rabadan ha un nuovo presidente
Lascia Petraglio, gli succede Capoferri
LUGANO
5 ore
Tpl, deficit da 1,5 milioni
L'azienda di trasporto pubblico ha accusato il colpo della pandemia. E chiude in rosso per la prima volta
CHIASSO
6 ore
Fumo nel vagone ristorante
Intervento dei pompieri in un treno fermo alla stazione di Chiasso
FOTO
SAN VITTORE (GR)
8 ore
Incidente sull'A13, il furgone era fermo a un posto di blocco
Due persone sono leggermente rimaste ferite nel tamponamento avvenuto questo pomeriggio nei pressi di San Vittore.
CANTONE / LUCERNA
10 ore
Un 63enne lucernese trova la morte tra i boschi di Novaggio
Il cadavere dell'uomo, scomparso domenica, è stato rinvenuto lunedì sera nei pressi di un sentiero escursionistico.
MONTECENERI
10 ore
Lo Splash&Spa è pronto alla riapertura completa
Con gli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale, da martedì 29 giugno saranno di nuovo agibili piscine e scivoli
SAN VITTORE (GR)
10 ore
Auto e furgone ribaltati in A13
Incidente oggi pomeriggio a Lumino. Sul posto ambulanze e polizia cantonale
LOSONE
10 ore
Divieto d'uso dell'ex Caserma: «Un duro colpo per la cultura»
Il Municipio di Losone reagisce alla decisione del Tram si annullare la pianificazione del comparto.
BELLINZONA
11 ore
«Quei furgoni sporgono e gli agenti non multano»
Arriva in Consiglio comunale la petizione con cui l'ex politico chiede di sanzionare il Municipio e la Polcom
FOTO
CHIASSO
11 ore
Una scatola ottica per ammirare Roma da Chiasso
Il polyorama panottico sarà esposto al m.a.x. Museo fino al 12 settembre.
LUGANO
14 ore
Nominato il nuovo direttore dell'Ospedale regionale di Lugano
Civico e Italiano saranno condotti da Emanuele Dati, che subentrerà nel corso di quest'anno a Luca Jelmoni.
CANTONE
24.02.2021 - 21:120
Aggiornamento : 05.03.2021 - 11:59

In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese

Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.

I dati raccolti dall'Ufficio dello Stato Civile. Il "paese" cancellato dal virus è composto soprattutto di ultra-ottantenni (il 72 per cento) ma anche da 65-79enni (21 per cento).

BELLINZONA - E se dalla mappa del Ticino d'un tratto sparisse, tanto per dire, Croglio? Oppure Morcote, Novaggio, Giornico. Ề l'impressione che si ha guardando il "buco" creato dal Covid nelle statistiche demografiche del 2020. Gli addetti ai lavori stanno ancora misurandone esattamente i contorni, ma di certo è una piccola voragine, piena di ricordi e domande.  

Una su tutte: quante sono state le vittime del virus? È il calcolo più doloroso - a un anno dall'arrivo del Covid in Ticino - e forse quello che taglia la famosa "testa" al toro, o almeno dovrebbe. Gli statistici dell'USTAT ci stanno lavorando da mesi, e i dati - relativi al solo 2020 - sono provvisori. Si basano sulle comunicazioni dei Registri di Stato Civile, che trasmettono all'ufficio di statistica i numeri raccolti direttamente sul territorio. 

A Bellinzona negli uffici della Sezione della Popolazione una cifra comunque già circola: 857. È la differenza tra i decessi registrati nel 2019 e quelli del 2020 nel nostro cantone. Un numero leggermente diverso dalle vittime accertate di Covid - erano 774 al 31 dicembre, secondo l'ufficio del medico cantonale; nel frattempo sono saliti a 956 - ma comunque molto vicino. 

Il registro dello Stato Civile ha ricevuto in tutto 4 081 attestati di morte nell'anno appena trascorso, contro i 3 224 dell'anno precedente. Non ci sono ancora dati sulla distribuzione geografica, anche se dai bilanci dei principali Comuni è già possibile farsi un'idea. Per quanto riguarda invece le fasce d’età - spiegano da Bellinzona - gli anziani sono i più interessati: il 72,2 per cento dell’aumento è da ricondurre a ultraottantenni, un altro 21,4 per cento a 65-79enni.

 I decessi in Ticino per fasce d'età, nel 2020: 

età2020*2019variazione% dell'aumento
0-191313--
20-39242310,1%
40-64335281546,3%
65-7996478118321,4%
+802745212661972,2%
totale40813224857100.0

 * fonte: ufficio cantonale dello Stato Civile, dato provvisorio 

Un aumento che ha comportato un maggior carico di lavoro, nei Servizi circondariali dello Stato Civile. Messi «sotto pressione» dalla pandemia, hanno «dovuto confrontarsi con diversi imprevisti» e adattare l'attività «al fine di salvaguardare sia le procedure che il servizio alla cittadinanza, come pure la salute pubblica» spiegano da Bellinzona. 

Nell'anno della digitalizzazione forzata un maggior numero di pratiche - e quindi anche di decessi - è stato registrato online, tramite il portale cantonale dedicato (a cui la popolazione è invitata a rivolgersi anche in futuro). E a complicare ulteriormente il lavoro, il fatto che in alcune pratiche con implicazioni sovranazionali «può essere necessario reperire documentazione all’estero e di questi tempi non è sempre così scontato né veloce». Alla Sezione della popolazione insomma le verifiche sono ancora in corso, ma una cosa è certa: più se ne delineano i contorni più il "buco" appare profondo e incolmabile. 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 04:14:47 | 91.208.130.89