tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
1 ora
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
2 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
3 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
6 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
BELLINZONA
6 ore
Valascia, Tuto Rossi contro Branda: «Blocchiamo il versamento»
Secondo il consigliere comunale del gruppo Lega-Udc, il Sindaco sapeva ma ha taciuto riguardo ai problemi della società.
BELLINZONA
6 ore
Il premio Robert Wenner assegnato a Davide Rossi
Le scoperte del ricercatore di IOSI e IOR contribuiscono a migliorare la diagnosi e la terapia in ambito oncologico.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
BLENIO
8 ore
A Campra riapre la pista di fondo
Da mercoledì si potranno percorrere circa 2,5 km, ma già nel fine settimana le piste potrebbero essere allungate.
FAIDO
12 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE / GRIGIONI
12 ore
Otto incidenti in quattro anni, ma è sicura
Positivo l'esito dello studio sulla sicurezza nonostante l’incidentalità registrata dall’apertura.
CANTONE
13 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
13 ore
Mercatini, tra Covid e rinvii
Mascherina obbligatoria a Chiasso. Posticipo causa neve a Tesserete
CANTONE
25.01.2021 - 08:000
Aggiornamento : 10:47

«E danno ancora la colpa agli anziani»

Decessi record in Ticino. I numeri fanno arrabbiare l'Associazione della Terza Età

Il presidente Gianpaolo Cereghetti punta il dito contro i «ritardi della politica» e chiede al governo di tirare diritto: «La salute pubblica deve venire prima di tutto».

LUGANO - Da ieri c'è un numero in più, nella cabala delle cifre epidemiologiche, ed è forse il più triste: 522. Tra ottobre e gennaio in Ticino i decessi di anziani sono aumentati del 76 per cento (522 in più, appunto) rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

In nessun altro cantone la "seconda ondata" ha colpito così duro eccetto San Gallo (89 per cento) secondo le statistiche dell'Ust. Un dato che «esige delle risposte» per Gianpaolo Cereghetti. Il presidente dell'Atte punta il dito contro «i ritardi nell'attuare le necessarie restrizioni» e il «rimpallo delle responsabilità» tra Bellinzona e Berna.

Come ha reagito alla notizia del "primato" ticinese?
«Sono contento che, finalmente, le statistiche costringano l'opinione pubblica a prendere atto di questa triste verità. In realtà, questo dato era evidente già da tempo, e credo che meriti delle riflessioni e delle risposte»

Quali?

«Io non sono né un infettivologo, né un epidemiologo. Mi sembra evidente però che questi numeri in Ticino non si spieghino, come si ripete spesso, con l'anzianità della popolazione, o con la maggior presenza di persone nelle case anziani. Sono dei fattori, ma non bastano»

Secondo lei non si è fatto abbastanza per tutelare gli anziani in Ticino?
«Ripeto, non sono un epidemiologo. Ma spero che verrà chiarito quale prezzo ci è costato il tempo perso dalla politica, il continuo rimbalzarsi le responsabilità tra il governo cantonale e quello federale. Di sicuro, la colpa di questi numeri non è del nostro sistema sanitario, che è un'eccellenza e ha mostrato una lodevole prontezza e una vicinanza agli anziani». 

La colpa, secondo qualcuno, è anche degli anziani.
«Purtroppo questo è un atteggiamento diffuso. Ho sentito ancora di recente esponenti politici o delle istituzioni colpevolizzare gli anziani, o invitarli a farsi da parte. Credo che sia indegno di un paese civile, pensare di recludere gli anziani da una società che, in fondo, è quello che è grazie al loro lavoro, alla loro fatica». 

Cosa auspica quindi?
«Che si smetta di cercare un colpevole: abbiamo un grossissimo problema da affrontare, e sarebbe bene affrontarlo cercando di tutelare la popolazione nella sua interezza».

I numeri dicono anche, però, che in Ticino c'è un cambio di tendenza...
«Io ho l'impressione che ai numeri ci si sia abituati. Rispetto ad aprile scorso, vedo una risposta collettiva meno decisa. Eppure abbiamo chiuso la primavera con 350 morti, oggi siamo sopra i 900. Settimana scorsa abbiamo superato la trentina di decessi per Covid. Non sono cinquanta come la settimana prima, ma per citare il dottor Denti, è come un pullman pieno di persone che ogni settimana se ne vanno, e non tornano più». 

L'ATTE ha 12mila iscritti nel nostro cantone. Come vivono questa situazione?
«Non posso parlare per tutti. Ma ho visto diversi segni di una resilienza inaspettata, anche da parte di anziani soli - e ce ne sono tanti - che si trovano ad affrontare tutto questo senza il conforto delle vecchie abitudini. I nostri centri diurni sono chiusi da mesi. Abbiamo reagito organizzando corsi e attività online, attivato un numero verde di socializzazione, e incrementato la telemedicina». 

La terza età si è fatta più digitale. 
«Purtroppo una parte di essa, per ragioni anagrafiche, non riesce ad accedere a questi canali. Abbiamo intensificato le pubblicazioni della nostra rivista, realizzato una campagna telefonica sotto le Feste, in cui abbiamo contattato oltre un migliaio di persone. Tutto questo richiede uno sforzo, anche finanziario, non indifferente, in un momento non facile». 

Finanziariamente, non lo è per nessuno. 
«Forse lo Stato avrebbe potuto fare di più, in soccorso all'economia. Certamente, la situazione è critica. Di fronte ai numeri dei decessi, però, dalla politica vorrei un atteggiamento meno super partes: gli interessi economici sono importanti, ma il primo dovere dello Stato è tutelare la salute pubblica». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 00:50:45 | 91.208.130.86