tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
39 min
Lavori di pavimentazione tra i Mulini di Piandera e Maglio di Colla
Il tratto di strada cantonale sarà chiuso il prossimo 2 ottobre dalle 7.30 alle 18.
FOTO
LUGANO
1 ora
Tre quartieri, duemila presenze
Teatro della manifestazione la nuovissima corte del Campus Est a Viganello.
MASSAGNO
1 ora
Ecco i vincitori del concorso di Scollinando
Venti fortunati partecipanti alla manifestazione di fine giugno sono stati premiati negli scorsi giorni a Massagno.
LUGANO
3 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
LUGANO
3 ore
Di corsa (ma anche camminando) in vetta al San Salvatore
Dopo 15 anni ieri si è tenuto il San Salvatore Trail, aperto anche agli amanti del walking popolare.
CANTONE
4 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
5 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
CANTONE
7 ore
Cambio ai vertici di AM Suisse Ticino
Piergiorgio Rossi ha deciso di non ricandidarsi dopo 21 anni. Il testimone passa a Fabio Cameroni.
LUGANO
8 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
8 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
17 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
18 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
21 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
CANTONE
22 ore
Votazioni, le reazioni dei partiti
Tra conferme e colpi di scena, ecco i commenti a caldo alle votazioni cantonali e federali
CANTONE
22 ore
«Speriamo che il rimborso non legittimi comportamenti violenti»
Il commento del Consiglio Stato sui risultati della votazione cantonale.
LUGANO
23 ore
Rogo in un appartamento a Pregassona
Si è registrato fortunatamente solo un ferito lieve: un caso d'intossicazione leggera
CANTONE
13.01.2021 - 07:510
Aggiornamento : 13:34

Vaccino, quando è sconsigliato

Il racconto e i timori di una donna con un sistema immunitario debole a causa di un trapianto subito 17 anni fa.

L'esperto: «Occorre valutare caso per caso». Quindi un cenno alle altre categorie sensibili quali immunodepressi, diabetici o donne in gravidanza.

LUGANO - L’atteso treno del vaccino contro il virus Sars Cov-2 è giunto a una nuova fermata, quella degli anziani over 85 che non si trovano ospiti delle case anziani. Per gli altri, bisogna ancora aspettare. C’è qualcuno, però, a cui questo viaggio sembra essere stato precluso. 

La vita dei trapiantati - È il caso di S., ticinese che quasi 17 anni fa ha subito un trapianto di reni. «Devo prendere degli immunosoppressori a vita per non rischiare il rigetto», spiega. Nonostante questa sua condizione la donna conduce una vita normalissima, o quasi. «Devo fare controlli regolari, ma per il resto sto bene e vivo una vita tranquilla». O almeno così era fino all'arrivo di questa pandemia. Ora, come tante persone con uno stato di salute più delicato, vive nel timore. «Ho un sistema immunitario fragile a causa di questi farmaci. Sono ovviamente più a rischio». 

«Rischi superiori ai benefici» - Da qui la volontà di ricorrere al vaccino. Che tuttavia le è stato sconsigliato. «Ho fatto quello influenzale, ma il mio nefrologo mi ha sconsigliato quello contro il Covid. Per le persone come me i rischi potrebbero essere superiori ai benefici, mi è stato detto». S. è frustrata, anche perché la sua categoria sembra quasi dimenticata: «Vorrei quantomeno che si parlasse di noi. A volte sembriamo non esistere, ma gli immunosoppressi sono una categoria ben presente in Svizzera».

«Pochi dati disponibili» - Di questa particolare casistica ne abbiamo parlato con il Prof. Alessandro Ceschi, primario e direttore medico-scientifico dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana dell’EOC, oltre che unico esperto esterno a Swissmedic a lavorare nel team per la vigilanza sul vaccino. «Per quanto concerne le persone con malattia o trattamenti che implicano un’immunosoppressione – condizioni che rappresentano un fattore di rischio per un decorso aggravato di malattia Covid - attualmente non sono disponibili dati per stabilire con certezza sia la sicurezza che l'efficacia del vaccino, che potrebbe verosimilmente essere ridotta rispetto ad una persona sana», spiega. 

Non sempre sconsigliabile - Secondo il Professore, il vaccino non è sempre sconsigliabile. «Queste persone - aggiunge - possono riceverlo se non hanno controindicazioni, ma è importante che il singolo caso venga discusso con il medico così da poter prendere una decisione individuale, informata e cosciente. Sarà comunque necessario continuare a seguire scrupolosamente tutte le misure preventive abituali (mascherine, igiene, distanziamento). In linea di principio si raccomanda di evitare la vaccinazione durante la fase d'induzione di un trattamento immunosoppressivo e per le persone già sotto trattamento, si raccomanda di vaccinarsi nel momento in cui l'immunosoppressione è meno intensa».

Ceschi menziona quindi altre categorie più a rischio. «Per gli immunodepressi vale lo stesso discorso. Il diabete mellito, invece, rappresenta un fattore di rischio per un decorso severo di malattia Covid. I diabetici rientrano tra le “persone vulnerabili” secondo la strategia di vaccinazione dell’Ufficio Federale della Sanità Pubblica e andrebbero pertanto vaccinati prioritariamente. Le controindicazioni per queste persone sono le stesse che per gli altri (principalmente e sinteticamente, ipersensibilità al principio attivo del vaccino o a una delle sostanze ausiliarie)».

«Un'attenta valutazione» - In sostanza non sembrano esserci categorie vere e proprie alle quali è da sconsigliare la vaccinazione. «Le uniche vere controindicazioni al vaccino attualmente omologato - conclude l’esperto -, sono un’ipersensibilità al principio attivo di una delle sostanze ausiliarie del vaccino. Ci sono poi alcune categorie di persone, come ad esempio coloro che hanno una storia clinica di reazioni allergiche rilevanti, per le quali vanno applicate misure precauzionali e per le quali è necessaria un’attenta valutazione del singolo caso con il medico in modo da tener conto sia dei prospettati benefici che dei potenziali rischi». 

«Febbre e donne in gravidanza» - La vaccinazione andrebbe invece «rinviata» se si è al momento affetti «da una malattia febbrile acuta». Vi sono infine le donne in gravidanza. «Una condizione, la loro, per la quale è necessaria cautela e un’attenta valutazione individuale per via della scarsità di informazioni, al momento, sulla sicurezza del vaccino in questa popolazione. Anche se i primi dati preliminari non suggeriscono rischi particolari».

Immunosoppressione e immunodepressione

  • In entrambi i casi si intende lo stato di un paziente che si trova ad avere ridotte difese immunitarie.
    L'immunosoppressione è voluta e procurata artificialmente mediante farmaci per procedere o in seguito a trapianti. Sospesi i farmaci, l'immunità si normalizza. 
    L'immunodepressione, invece, è una situazione patologica non voluta e che può cause diverse (ad es. infezioni anergizzanti, malattie croniche).

L'esperto

  • Il professor Alessandro Ceschi, primario e direttore medico e scientifico dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana dell’EOC e professore alla Facoltà di scienze biomediche USI, è stato nominato un mese fa quale unico esperto esterno all’Autorità regolatoria nazionale nella “Swissmedic Taskforce COVID Pharmacovigilance”. La taskforce si occupa degli aspetti di sicurezza dei vaccini COVID-19 e dell’organizzazione di un sistema di monitoraggio intensivo e valutazione rigorosa delle eventuali reazioni avverse al vaccino.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 14:53:34 | 91.208.130.86