Ti Press
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
45 min
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
CANTONE
1 ora
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CASLANO
1 ora
Una giornata per (ri)pulire Caslano
L'evento "Verde Pulito" si terrà nella giornata di domani sul lungolago della località malcantonese.
CANTONE
1 ora
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
CANTONE
1 ora
Centosettant'anni di votazioni cantonali in un click
Con questo progetto, nato a seguito di un'iniziativa parlamentare, lo Stato vuole garantire maggior trasparenza.
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
5 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
16 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
CANTONE
18 ore
Frontalieri e compensazione finanziaria, versati oltre 90 milioni
La cifra è stata comunicata oggi, in occasione della riunione delle delegazioni italiana e svizzera
LUGANO
18 ore
GAM, a casa 17 dipendenti
Il gestore patrimoniale zurighese ridimensiona le attività a Lugano
MENDRISIO
18 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
LUGANO
18 ore
Polo turistico congressuale, le proposte non sono conformi
Gli esperti hanno ritenuto che non vi sono le basi per aggiudicare il concorso.
CHIASSO
19 ore
Troppa incertezza, nessuna Espérance
L'edizione 2021 di Espérance in Musica non avrà luogo
CANTONE
23 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
23 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
1 gior
Isole di Brissago: il giardino ha un nuovo responsabile scientifico
Si tratta di Alessio Maccagni di Tenero. È entrato in servizio lo scorso 1. agosto
CANTONE
14.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:56

Take away sulle piste, un servizio che si paga a caro prezzo

I mancati introiti legati alla ristorazione stanno mettendo a dura prova le stazioni sciistiche ticinesi.

Ma il take away comporta anche maggiori costi. Alcune stazioni hanno deciso di applicare dei supplementi sullo scontrino, anche perché sulle piste sono aumentati i rifiuti.

LUGANO - Dopo qualche discesa sugli sci, non c’è niente di meglio di una pausa ristoratrice. Con gli esercizi pubblici costretti a restare chiusi a causa delle disposizioni emesse dalle autorità, l’unica possibilità per chi si reca nelle varie stazioni - pranzo al sacco a parte - è quella di acquistare cibo e bevande nei cosiddetti take away che sono sorti sulle piste. A volte un po’ improvvisati, altre decisamente più organizzati.

Due patatine, 22 franchi - Che la ristorazione in quota non sia propriamente a buon mercato non è una novità: i costi da sopportare sono maggiori e queste entrate servono spesso a compensare il bilancio deficitario della messa in esercizio degli impianti. Eppure c’è chi si lamenta di prezzi divenuti sproporzionati e insostenibili. «Abbiamo preso due porzioni di patatine fritte in un semplice cono di carta, a nove franchi l’una, e ci siamo trovati sullo scontrino pure due franchi di supplemento per ogni porzione. Totale: 22 franchi», si dispiace una sciatrice che si è recata nei giorni scorsi a Bosco Gurin.

Lavoro supplementare per i gattisti - «Per chi acquista una bevanda non c’è alcuna differenza, mentre chi compera un pasto, caldo o freddo, effettivamente paga questo supplemento: un franco è per il packaging, un franco per lo smaltimento dei rifiuti», conferma la responsabile della comunicazione della località Walser Karin Zanolini. «Le persone non si rendono conto che con questo nuovo servizio la raccolta dei rifiuti non avviene più solo al ristorante, ma anche a bordo pista». Alla sera infatti i gattisti non devono occuparsi solo della fresatura e della messa in sicurezza delle piste, ma raccolgono pure in continuazione vetri, PET e carta. «Ci è quindi sembrata un’azione plausibile, come capita in altri settori». Le reazioni stizzite di alcuni clienti lasciano però l’amaro in bocca alla portavoce: «Già è difficile lavorare in queste condizioni, sapere di gente che si lamenta per due franchi in più è un po’ triste».

A Carì un supplemento per il bagno - Anche perché questo tipo di servizio non solo non è redditizio, ma «non permette nemmeno di coprire i costi del personale, nonostante abbia funzionato piuttosto bene», spiega dal canto suo Gabriele Gendotti, presidente della società che gestisce gli impianti di Carì. La chiusura dei ristoranti ha determinato infatti una forte diminuzione delle entrate, ma nonostante ciò si è deciso di rinunciare ad applicare un supplemento per il take away: «Chiediamo solo un franco per l'utilizzo dei bagni». Per quanto riguarda ordine e pulizia, non sono stati riscontrati particolari problemi.

A Campo Blenio 100mila franchi in meno - Pure a Campo Blenio-Ghirone la clientela si è comportata piuttosto bene e non sono stati applicati supplementi. Ma anche qui i mancati introiti sono notevoli: «A livello di cifre, rispetto al medesimo periodo dello scorso anno, abbiamo perso quasi 100'000 franchi. Anche perché molta più gente rispetto agli altri anni opta per il pranzo al sacco portato da casa», sottolinea il direttore degli impianti Denis Vanbianchi.

Ad Airolo ci si può scaldare per qualche minuto - A causa di «costi molto elevati dovuti alla pandemia», ad Airolo Pesciüm si è deciso di chiudere gli impianti dal lunedì al giovedì (una decisione simile è stata presa anche a Bosco Gurin). Qui l'offerta della ristorazione è molto ampia ed è possibile recarsi all'interno perlomeno per ritirarla. «Il cliente può stare per un attimo al caldo, anche se poi una pietanza calda portata all'esterno, in montagna, diventa subito fredda», annota Alberto Bottinelli, gerente della gastronomia. Rispetto ai prezzi tradizionali «la differenza è poca, qualche centesimo», anche perché i clienti si sono mostrati educati e diligenti nel riporre sacchetti e tovaglioli nei cestini.

Al Nara si vorrebbe una soluzione ibrida - Situazione problematica pure al Nara, dove circa il 50% degli incassi viene garantito dalla ristorazione, spiega Matteo Milani, presidente degli amici del Nara. «Consumare i pasti all'esterno, specie nelle giornate fredde, non è evidente. La clientela comunque si è adeguata». Per quanto riguarda la sporcizia, «era fisiologico che avremmo trovato qualcosa in più», conferma Milani. Nonostante ciò, si è deciso di non applicare alcun supplemento. L'auspicio, per il futuro, è però quello di passare a una soluzione ibrida, «più ordinata»: un take away con la possibilità di avere un tracciamento ai tavoli situati all'esterno.

Insomma, da qualsiasi prospettiva lo si guardi - che sia quella del consumatore o quella degli esercenti - il prezzo da pagare per il take away è considerevole.

Ti Press
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 8 mesi fa su tio
Mi domndo gli scorsi anni senza neve , il sucessivo anno i prezzi avrebbero dovuto raggiungere le stelle. Chi apre un esercizio pubblico e Take away paga per l'eliminazione rifiuti . In certi Comuni l'esercizio pubblico deve procedere alla pulizia ritiro rifiuti nelle vicinanze di 300 m.Se andate al ristorante un pasto si arriva a spendere circa 15 /18 Fr. servizio compreso e compreso le patatine. Se nelle località sciistiche vogliono la clientel ed il turismo sapete bene cosa fare aumentare i prezzi.....
matias13 8 mesi fa su tio
Sapere di gente che si lamenta per 2 franchi è un po triste......peccato che 2 franchi di supplemento su 9 (che per delle patatine fritte è un furto) corrisponde al 22% di supplemento! Triste che la portavoce si senta triste! La pandemia non è colpa di nessuno, ,a questo non vuol dire svenare incondizionatamente i clienti. Non meritate che le persone vengano a sciare da voi, semplice. A carì mi sembra corretto il supplemento per utilizzo del bagno come fatto in dove del mondo
Ray 8 mesi fa su tio
i prezzi del take away a Bosco sono comunque esagerati al di là della pandemia
Didimon 8 mesi fa su tio
Sciatori lozzoni in montagna non si getta via nulla.. Se vi vedo io vi randello per bene... E poi basta lamentarsi che non si guadagna con le piste da sci... Allora cambia lavoro 😋😋😋😋😋😜
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 11:19:20 | 91.208.130.87