Screenshot Città di Lugano
LUGANO
01.01.2021 - 12:250

«Speriamo in un anno di bellezza, nelle grandi e nelle piccole cose»

Il sindaco di Lugano si rivolge ai cittadini con un videomessaggio di Capodanno

LUGANO - «Mi piace immaginare il 2021 come a un anno nel quale riusciremo presto a tornare a riempire tutti insieme le strade, le piazze, i teatri, i cinema. Come a un anno nel quale lo spazio pubblico tornerà a fare da palcoscenico alla nostra vita insieme, creando ricordi e identità. E che sia un anno ricco anche di cultura». Sono le parole del sindaco Marco Borradori, che oggi si è rivolto ai cittadini attraverso il web, con l'auspicio che oggi cominci «un anno di bellezza, nelle grandi e nelle piccole cose».

L'attuale emergenza sanitaria non ha infatti reso possibile il consueto svolgimento della cerimonia di Capodanno al Palazzo dei Congressi. Il tradizionale appuntamento si è pertanto trasferito sul web con un videomessaggio pubblicato sui canali della Città di Lugano. Un videomessaggio in cui non manca il Corpo Volontari Luganesi, che è solito sfilare lungo le strade cittadine. Stavolta i membri arrivano in barca, trasportando gli strumenti musicali dell'Orchestra giovanile della Svizzera Italiana che allietano il videomessaggio.

Il sindaco “accoglie” tutti i cittadini nell'intimo spazio della sala dei matrimoni del Palazzo Civico. «Un luogo dalla forte valenza simbolica perché dedicato agli incontri istituzionali» spiega Borradori. «Mi piace molto l'idea che i primi a entrare da questa porta, almeno virtualmente, nel 2021, siate tutti voi cittadini».

Un 2020 difficile - Nel suo discorso, il sindaco ricorda il 2020 che si è appena concluso. Rivolge un pensiero particolare alle donne «messe a dura prova dalla crisi», eppure fondamentali «per la gestione dell'emergenza, in moltissimi settori, non soltanto quello sanitario». E getta uno sguardo anche sull'economia, anch'essa in difficoltà. Invita quindi «a sostenere con le vostre abitudini di consumo le piccole attività locali e ci commerci di prossimità dei vostri quartieri: la nostra economia reale».

«Sono orgoglioso di rappresentarvi» - Parlando delle limitate possibilità di socializzazione, Borradori afferma di «aver visto anche cose belle». E spiega: «Abbiamo trovato modi diversi per trasmettere affetto e amore. Le innumerevoli azioni di generosità e di mutuo aiuto che ho potuto vedere nei mesi più difficili del 2020 in tutti i quartieri, la solidarietà tra vicini di casa, tra generazioni, tra cittadini di diversa estrazione sociale, mi hanno reso orgoglioso come non mai, di rappresentare, da sindaco, questa comunità».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 15:33:00 | 91.208.130.89