Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
6 ore
Cocaina purissima in un appartamento di Bellinzona
È stata trovata a seguito della violenta lite, lo scorso 2 dicembre, in un'abitazione di Piazza del Sole.
FOTO
LUGANO
7 ore
«La collaborazione è importante, specialmente in tempi di crisi»
Il ministro degli esteri Ignazio Cassis ha incontrato la sua omologa del Liechtenstein. Domani altri colloqui
BOSCO GURIN
8 ore
«La smettano di dire che chiedo sussidi, l'ho sempre fatto per la valle»
Giovanni Frapolli furioso su Piazza Ticino. L'imprenditore chiuderà davvero gli impianti sciistici?
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
9 ore
La chiesa di San Lorenzo senza le sue campane
Sono state temporaneamente rimosse per procedere ad alcuni lavori di manutenzione.
FOTO E VIDEO
AGNO
11 ore
Incidente sulla cantonale, disagi al traffico
Sul posto polizia e ambulanza.
ROVEREDO (GR)
11 ore
Due draghi barbuti salvati dalla SPAB
Sono stati trovati in un prato di Roveredo. Non è chiaro se siano fuggiti da un terrario o se siano stati abbandonati
LUGANO
11 ore
Abuso di stemma, il Municipio imbocca la via lega...le
Il Municipio della Città ha avviato un'azione civile contro la Lega per abuso nell'utilizzo dello stemma
LUGANO
11 ore
LongLake: una lunga edizione da vivere in sicurezza
Il festival si ripresenta con appuntamenti distribuiti su tutto l'arco dell'estate.
SANT'ANTONINO / CADENAZZO
12 ore
Lavori notturni, e il limite scende a 60 km/h
Da lunedì 19 aprile (e fino a metà giugno) posa della pavimentazione nuova sul tratto di A13
CANTONE
12 ore
Gioventù Comunista fra lotta al precariato e anti-militarismo
Riunita in assemblea (online), la GC ha proceduto pure al rinnovamento del coordinamento.
CANTONE
13 ore
Boom di persone in difficoltà al Tavolino Magico
Da inizio pandemia le richieste di aiuto sono aumentate del 15%. E c'è bisogno di nuovi spazi per distribuire gli aiuti.
CANTONE
13 ore
Minacce di morte dal poliziotto: «La gente non merita questi "Rambo"»
Dopo un post dai toni durissimi, lasciato da un sergente maggiore sui social, scatta l'interrogazione.
LUGANO
13 ore
Bambini e asili nido: si va verso un equilibrio
A breve termine nel Distretto di Lugano sarà possibile soddisfare le esigenze dei genitori attivi professionalmente
GORDOLA
14 ore
Consuntivo, risultato negativo causa Covid
Ma non solo. A pesare anche le spese sostenute per i danni degli eventi meteo di agosto
CANTONE
30.12.2020 - 07:380
Aggiornamento : 09:58

«I giovani non si fanno testare per evitare l'isolamento a casa»

Viaggio sull'altopiano del coronavirus assieme a Christian Garzoni, direttore sanitario della Moncucco

Lo specialista in malattie infettive invita a mantenere alta la guardia: «Ma non perdiamo una sana positività, perché si vede anche la luce in fondo al tunnel»

LUGANO - La paura, grossomodo due settimane fa, era di avere una terza ondata che si levava direttamente dalla seconda. Una situazione potenzialmente «esplosiva» l’aveva definita il dottor Christian Garzoni. «La situazione non cambiata sostanzialmente da allora - spiega il direttore sanitario della Clinica Moncucco -. Allora c’era una concomitanza di fattori, tra cui gli ospedali quasi pieni e l’imminenza delle festività che potevano allentare l’attenzione. La paura era appunto di una terza ondata sulla seconda».

Cosa è cambiato nel frattempo?
«La differenza è che questa paura è stata condivisa dall’autorità federale che ordinando la chiusura degli esercizi pubblici ha messo un ulteriore freno alla possibilità della popolazione di interagire. Ciononostante i numeri dell’epidemia sono rimasti stabili, gli ospedali e le cure intense piene e ristagnano e i decessi continuano. E non dimentichiamo che le feste sono ancora in essere. La situazione resta quindi delicata e una terza onda sulla seconda non sarebbe assorbibile dal sistema sanitario».

La chiusura di bar e ristoranti non sembra aver sortito effetti. È prematuro oppure l’effetto c’è ma si scontra con i comportamenti meno attenti?
«Bisognerà attendere ancora qualche giorno per vederne appieno gli effetti, ma l’impressione è che saranno controbilanciati dalla tendenza a incontrarsi maggiormente durante le feste. Veramente peccato, prendere dei rischi adesso che arriva il vaccino».

Il periodo natalizio porta con sé altri aspetti critici?
«Osserviamo che ci sono sempre meno giovani che si fanno testare. È possibile che i numeri in diminuzione dei contagi siano falsati da una sotto-diagnosi delle persone giovani che non hanno nessuna voglia di sentirsi dire che hanno il Covid per finire chiusi in casa o dover dire ai contatti di fare una quarantena. Questo è estremamente pericoloso perché il virus continua a circolare troppo, e il canton Ticino resta quello più critico in Svizzera».

Qual è l’indicatore che più la preoccupa oggi? 
«Mi preoccupano i numeri assolutamente costanti dei pazienti ospedalizzati e quelli delle cure intensive e dei decessi. Questo altopiano è maledettamente lungo e contiene in sé due grossi pericoli. Uno, che strada facendo, la stanchezza possa avere la meglio sulla popolazione e già adesso si è purtroppo “abituata” a una situazione “di emergenza” come quella attuale e ai morti. E poi c’è la spada di Damocle di una terza onda sulla seconda, senza una grande capacità di assorbirla».

Lo sforzo della Moncucco, in termini di posti letto Covid, ormai rasenta quello della Carità. 
«La Clinica Moncucco si è impegnata massicciamente sin dall’inizio contro il Covid per la popolazione e la collaborazione con La Carità è ottima sia a livello di medici che di organizzazione. Ci sentiamo quotidianamente e coordiniamo i nuovi ricoveri in maniera da usare al meglio le risorse disponibili per la popolazione ticinese».

Il vostro personale sanitario è oggi al limite o reggerebbe un’ulteriore ondata?
«Penso, ma il mio discorso vale un po’ per tutti, che il personale sanitario sia globalmente molto stanco, perché il paziente Covid è ammalato in maniera diversa da un paziente abituale e richiede molte cure e molto sostegno. L’alto tasso di decessi, attorno al 13% degli ospedalizzati, fa sì che anche il personale sia costantemente confrontato con i lutti. È l’aspetto forse più logorante. Senza contare le molte assenze del personale per malattia Covid. E infine c'è questo altopiano psicologicamente sfiancante, che avrà una fine tra vari mesi. Il personale resta motivato e disponibile ad aiutare la popolazione, ma la stanchezza si fa sentire e speriamo che regga».

Il 2020 è stato anche l’anno della pressione mediatica su di lei e pochi altri suoi colleghi. Quanto le pesa questa sovraesposizione?
«La gestione di un problema come il Covid necessita di una comunicazione efficace e di una popolazione unita e motivata a giocare la partita assieme contro un avversario comune. Mi è sempre sembrato molto utile investire del tempo per fare in modo che le persone non si ammalassero di questa malattia. La “prevenzione” è sempre la migliore medicina, i messaggi sono semplici “distanze, mascherina, igiene delle mani e buon senso”... E senza perdere una sana positività, perché finalmente si vede anche la “luce in fondo al tunnel”. Il mio lavoro però resta evidentemente quello di medico a curare gli ammalati e a gestire i problemi legati alle malattie infettive».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 05:27:24 | 91.208.130.85