Immobili
Veicoli
Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
9 ore
Furto con scasso alle scuole Semine
L'autore si è introdotto nello stabile durante la notte e ha rubato un paio di computer
MENDRISIO
10 ore
Il Parco di Villa Argentina accoglie i neo architetti
La consegna dei diplomi dell'Accademia di architettura dell'USI ha avuto luogo questa mattina
CANTONE
13 ore
Mezzo pesante in avaria nel San Gottardo, forti disagi sull'A2
La panne si è verificata poco prima delle 10 di questa mattina. Il tunnel è già stato riaperto
CANTONE
1 gior
Ecco dove saranno posizionati i radar in Ticino
I controlli della velocità saranno sparpagliati in sei degli otto distretti cantonali.
FOTO
GAMBAROGNO
1 gior
I cantieri stradali alterano il traffico a Magadino
Durante i prossimi mesi la via Cantonale della frazione del Gambarogno sarà soggetta a importanti lavori di manutenzione
AIROLO
1 gior
Auto contro camion, San Gottardo riaperto
L'incidente, avvenuto in territorio urano attorno alle 14.15, ha provocato la chiusura della galleria per circa tre ore.
CONFINE
1 gior
Auto ticinese si schianta a Maccagno, gravissimo un 15enne
L'incidente è avvenuto ieri sulla strada statale del Lago, a non molti chilometri dalla dogana di Dirinella.
CANTONE
1 gior
Le polizie sensibilizzano i centauri sul passo del San Gottardo
Domani si svolgerà la Giornata intercantonale prevenzione moto con un controllo di veicoli ed equipaggiamento
BELLINZONA
1 gior
Nuove nomine ai vertici delle scuole elementari di Bellinzona
Il Municipio ha scelto una nuova direttrice e tre vicedirettori. La Zona Blu è l'unica ancora senza vicepreside.
LOCARNO
1 gior
Un'educazione a contatto con la natura
I Verdi di Locarno, tramite un'interpellanza al Municipio, vogliono sviluppare nuove attività didattiche all'aperto.
LOCARNO
1 gior
«Spero che la giustizia mi dica chi ha ucciso mio figlio»
Parla la mamma del ragazzo di 23 anni trovato morto nell'appartamento di via Muro della Rossa
CONFINE
1 gior
L'acqua bassa fa saltare alcuni attracchi nel lago Maggiore
La società di navigazione ha sospeso certi scali a causa della siccità di questi giorni.
CANTONE
21.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:15

Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano

Dalla Scuola universitaria spiegazioni e rassicurazioni: «Decisioni ponderate per proseguire con profitto negli studi»

Fugati, pure, i timori per il rischio contagi: «Assicuriamo un piano di protezione ancora più restrittivo rispetto a quello federale»

LUGANO - Ha sollevato un piccolo polverone, tra gli studenti ticinesi, la richiesta della Supsi di svolgere alcuni esami "in presenza", nella sessione di gennaio. E non solo per test che richiedono evidentemente un contributo manuale, quindi pratico. Ma anche per esami che si possono svolgere mediante computer, online. La forma "a distanza", in questo periodo, è d'altra parte caldamente raccomandata delle autorità federali e cantonali e dell’organismo di coordinamento delle università svizzere, swissuniversities.

La "rivolta" studentesca - La reazione degli studenti è stata quindi di stizza (per non dire altro), tanto che ha iniziato a circolare un video (tra il sarcastico e l'indignato) nel quale la Scuola universitaria professionale viene dipinta come una sorta di organo dittatoriale le cui vittime sono, appunto, i futuri esaminandi.

Paura di rovinarsi l'estate - Fonte di timori e di irritazione è pure il rischio, qualora al momento della sessione di gennaio ci si dovesse trovare in isolamento o quarantena, di dover ripetere l'esame ad agosto. Quindi in estate, periodo in cui i ragazzi vorrebbero potersi dedicare ad attività più ricreative.

«L'Ordinanza prevede eccezioni» - Dal canto suo la Supsi, contattata, cerca di fornire chiarimenti al riguardo giustificando le proprie scelte: «A seguito delle misure comunicate dal Consiglio federale a fine ottobre, ci siamo organizzati per proporre gran parte delle attività didattiche e degli esami a distanza», viene innanzitutto precisato. «L’Ordinanza Covid-19 situazione particolare - si aggiunge - prevede tuttavia delle eccezioni, per le quali la presenza in sede è concessa. Nel rapporto esplicativo dell'ordinanza questa fattispecie viene ulteriormente precisata, indicando proprio gli esami delle scuole universitarie e delle scuole universitarie professionali quali esempi».

«Ansia e difficoltà» legate agli esami a distanza - La Supsi spiega quindi come l’esperienza del primo lockdown (durante la quale tutte le sue attività erano state erogate completamente a distanza) avrebbe permesso di riconoscere «alcuni importanti limiti dello svolgimento di esami a distanza», legati all'«ansia di studenti in relazione al funzionamento dei dispositivi tecnologici in sede di esame; alle difficoltà legate alla gestione dei tempi; a problemi di connessione alla rete internet dai dispositivi privati». E poi ancora a «limiti legati alla sicurezza informatica» e alla problematicità di «proporre forme di valutazione praticabili online ma anche valide e affidabili». Criticità, quest'ultima che sarebbe emersa in particolare per alcune tipologie di esami.

«Presenza importante» - Per questo Supsi ritiene che «lo svolgimento di alcune prove in presenza rappresenti un fattore importante per poter permettere ai nostri studenti e alle nostre studentesse di verificare in maniera attendibile le competenze acquisite e proseguire con profitto negli studi».

Piano di protezione adeguato - Per rassicurare maggiormente gli studenti viene assicurato inoltre un piano di protezione adeguato: «che la Supsi definisce in maniera ancora più restrittiva rispetto a quelle federali». Gli esami svolti in presenza saranno organizzati in gruppi di 20 studenti al massimo, al fine di ridurre i contatti e i rischi di assembramenti. «La selezione degli esami da svolgere in presenza è avvenuta con grande accuratezza, in considerazione di criteri pedagogico-didattici, criteri di praticabilità, di sicurezza, di equità di trattamento e di affidabilità».

Soluzioni per quarantene e isolamento - Per quanto riguarda il problema "quarantene" l'estate non sembra essere a rischio: «non pregiudicano di per sé lo svolgimento dell'esame, se questo si svolge a distanza, ma possono invece pregiudicare lo svolgimento di esami in presenza. In questi casi i docenti, in collaborazione con il responsabile di corso di laurea, definirà, laddove possibile, una modalità alternativa di svolgimento dell'esame nel contesto della medesima sessione».

I casi di isolamento causa COVID saranno trattati invece come «un'assenza per malattia, visto che di malattia si tratta. Lo studente in questione avrà un'assenza giustificata all'esame e potrà presentarsi alla sessione di recupero».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 00:09:55 | 91.208.130.89