deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 min
Gran premio ciclistico a Lugano, i disagi previsti per i bus
Il giorno della corsa molte fermate saranno soppresse.
CANTONE
11 min
Coronavirus: i nuovi positivi sono solo due
Cala anche il numero di persone ricoverate, che scende da tre a due.
CANTONE
39 min
Lugano PasSteggia ritorna il 5 settembre
La nuova edizione manterrà i comuni partecipanti già presenti nel 2020
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
FNAC sbarcherà anche in Ticino
Prevista nel 2022 l'apertura di due filiali: a Balerna e a Lugano
MENDRISIO
2 ore
I negozi del Borgo tremano per i prezzi dell'autosilo
Una tariffa di 13 franchi per 5 ore di parcheggio. È polemica sulla struttura di Piazzale alla Valle.
LUGANO
2 ore
Gran premio ciclistico in città, ecco le restrizioni stradali
La gara avrà luogo questa domenica 27 giugno. La polizia indica limitazioni e sbarramenti.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
I ticinesi guidano l'auto peggio di chiunque altro
A sud delle Alpi avviene il 20% in più di incidenti rispetto alla media nazionale, secondo i dati raccolti da Axa.
CANTONE
4 ore
«Dobbiamo aggiornare i vostri dati...», ma in verità vi rifilano un contratto
Torna l'inganno che prova a far sottoscrivere un abbonamento indesiderato fingendo di aggiornare la mappa della città.
RIVA SAN VITALE
10 ore
«Sono semplicemente allibito»
Lo sfogo del proprietario del veicolo affondato nel Ceresio. «Ragazzate? Non è un'attenuante»
CANTONE
13 ore
«I ticinesi diffidenti all'inizio, ma poi aperti agli stranieri»
Il Delegato all'integrazione Attilio Cometta passa il testimone e traccia un suo personale bilancio
CANTONE
15 ore
Un nuovo presidente per Pro Natura Ticino
Si tratta di Daniel Ponti, che sostituisce Claudio Valsangiacomo
CANTONE
03.12.2020 - 07:000
Aggiornamento : 10:28

Aumenta la disoccupazione, ma anche i permessi G: «Ecco perché»

Il sindacalista Gargantini spiega il meccanismo morboso messo in atto: «Si prendono tre precari al posto di uno fisso»

L'invito rivolto ai lavoratori: «Denunciate». E ai datori di lavoro: «Ricorrete agli aiuti invece di licenziare»

LUGANO - La pandemia di Coronavirus è entrata a gamba tesa nella vita della popolazione del mondo intero, mettendo in ginocchio anche l'economia mondiale (e la Svizzera e il Ticino non sono rimasti indenni).  Lo dimostrano l'aumento del tasso di disoccupazione per i residenti in Ticino, ma anche per i frontalieri (tanto che l’Ocst negli scorsi giorni preconizzava fino a 4000 licenziamenti entro fino anno). Ciò nonostante, si registra un'impennata dei permessi G (che hanno superato soglia 70mila).

Il paradosso - Come può accadere che, a fronte di un'evidente crescita della disoccupazione, aumentino gli impieghi? «È possibile con la precarizzazione del lavoro - sottolinea Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia Ticino -. Quello che era prima un posto di lavoro ora ne diventa tre». 

Tre al posto di uno - Ciò avviene con un meccanismo tanto semplice quanto pericoloso: «Licenzio una persona che lavora al 100% e ne prendo tre su chiamata - spiega Gargantini -. Guardando il numero dei contratti interinali, dei lavori su chiamata, dei contratti precari - nella vendita l'esempio va ai contratti 8/20 ore o addirittura 0/8 ore -, appare chiaro: questa è una forma di precariato che va a colpire residenti e non, e che favorisce quell'aumento dei posti di lavoro che altrimenti non si spiegherebbe. Non può certo, va detto, essere considerato un passo avanti del mercato dell'occupazione ticinese». 

Precarietà e permessi G - Che questa precarietà si trasformi in una crescita dei permessi G è una conseguenza ovvia. «Più i lavori sono precari, e non permettono quindi di vivere in Ticino, più una parte di residenti semplicemente non può postulare per questi lavori. Chi accetta è chi in qualche modo si accontenta perché può viverci».

Colpiti tutti i settori - Un fenomeno, questo, che non sta colpendo solo il settore della vendita: «In realtà è trasversale - prosegue il sindacalista -. Vengono assunte persone per lavorare solo un giorno, ad esempio il sabato. Fanno 8 ore, poi se c'è bisogno durante la settimana vengono chiamate. Anche la ristorazione e l'alberghiero non sono esenti da questo meccanismo. Che è in espansione in tutto il settore terziario (con meno contratti collettivi e quindi meno strutturato), ma anche nei settori più storici e tradizionali quali l'industria e il cantiere».

L'ombra del lavoro nero - Ciò, chiaramente, favorisce in qualche modo il lavoro nero: «Con contratti con così poche ore - ammette Gargantini - a volte ci chiediamo come un’azienda possa andare avanti. E c'è chiaramente il sospetto che se ne facciano molte di più». 

La paura a denunciare - Chi dovrebbe denunciare, poi, ha sempre più paura: «La preoccupazione di mantenere il posto è enorme. Oggi, ancor più con la pandemia, si tende ad accettare situazioni al limite della legalità. O anche oltre». 

«Manca protezione contro il licenziamento» - Per Gargantini mancano delle forme di tutela: «Penso alla protezione contro il licenziamento - spiega - che permetterebbe a chi denuncia di non essere vittima di ritorsioni». L’invito è a non avere paura: «Bisogna semmai discutere con il sindacato come procedere proteggendo al contempo il lavoratore». 

«Ricorrete agli aiuti» - Il sindacalista non dimentica chi è dall'altra parte, il datore di lavoro, e in particolare chi a sua volta si sta trovando ad affrontare un momento difficilissimo. E che spesso non sa come correre ai ripari: «Per loro, ricordo, ci sono tutta una serie di misure di sostegno. A oggi, non sono conosciute da tutti. Il nostro suggerimento è quello d'informarsi e di farvi ricorso invece di procedere a licenziamenti o prima di precarizzare l'impiego». Quindi lancia un monito: «Attenzione, perché i passi indietro che faremo sarà poi difficile recuperarli domani».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 10:17:43 | 91.208.130.86