TiPress - foto d'archivio
CANTONE
29.10.2020 - 12:240
Aggiornamento : 13:47

«Personale sociosanitario al lavoro nonostante i sintomi»

Interpellanza dell’MPS al Consiglio di Stato

BELLINZONA - A casa se si presentano sintomi di una malattia acuta riconducibile al Covid-19, e tampone. Si torna al lavoro solo 48 ore dopo la cessazione dei sintomi e almeno 10 giorni dopo l’inizio degli stessi se il tampone è positivo, 24 ore se negativo. Chi è stato esposto al contagio segue le raccomandazioni di Swissnoso. Sono queste (in parte) le direttive emesse dal medico cantonale sulla gestione del personale occupato nelle strutture ospedaliere e sociosanitarie per la gestione della pandemia da Covid-19. Ma «la realtà è un’altra e in molte situazioni, sia durante la prima ondata che nella seconda, al personale è stato chiesto di lavorare in presenza delle fattispecie sopraindicate». È quanto scrivono Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori in un’interpellanza inoltrata al Consiglio di Stato.

Un modo di fare definito dal gruppo MPS-Pop-Indipendenti come «irresponsabile, irrispettoso della salute del personale e dei residenti nelle strutture» che «non può essere tollerato».

Le quattro domande dell’interpellanza:

1. Cosa sta mettendo in atto il medico cantonale per impedire che al personale ospedaliero e sociosanitario venga imposto di presentarsi al lavoro in situazioni escluse dalle sue stesse direttive?
2. Quanti sono stati i casi accertati di personale obbligato a presentarsi al lavoro con sintomi riconducibili al COVID-19?
3. Quanti sono stati i casi accertati di personale, occupato in strutture sanitarie attive unicamente in ambito elettivo, obbligato a presentarsi al lavoro con sintomi riconducibili al COVID-19?
4. A quali misure si sta concretamente pensando (e a che punto di implementazione sono) per cercare di poter far capo a nuovo personale sanitario (ad esempio: precettando parte del personale sanitario attivo in alcune cliniche private non direttamente impegnate e dirottandolo verso gli ospedali pubblici) ed evitare in questo modo il sovraccarico di lavoro o, ancora peggio, le situazioni che abbiamo qui richiamato?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 19:42:12 | 91.208.130.89