lettore tio/20minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
57 min
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
4 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
5 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
CANTONE
16 ore
Sigarette elettroniche a scuola?
Maddalena Ermotti-Lepori (PPD) ha inoltrato un'interpellanza per capire se esista una strategia nelle scuole
LOCARNO
23 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
CANTONE
1 gior
Norman Gobbi a colloquio con gli ufficiali e sottoufficiali professionisti
Si è discusso di Esercito, dell'operazione Odescalchi e del ruolo dei media in caso di catastrofi
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
CANTONE
17.09.2020 - 07:090
Aggiornamento : 12:52

Ammassati e senza mascherina sul bus: «Si può chiamare la polizia»

Si moltiplicano le segnalazioni di passeggeri poco prudenti, o stipati senza il rispetto di distanze sociali.

AutoPostale: «Non abbiamo mezzi o conducenti per aumentare le corse». Il farmacista cantonale: «Non facciamo la fine del canton Vaud».

BELLINZONA - Un teatrino surreale, quasi grottesco. Ad assistervi, nei giorni scorsi, le persone a bordo di un autopostale diretto verso Isone. All'origine dello "screzio" tra due passeggeri l'uso della mascherina, la cui obbligatorietà a bordo dei mezzi pubblici è stabilita dalla Confederazione, ma che in quel caso non era indossata da una viaggiatrice. L'invito del "dirimpettaio" all'uso della dovuta protezione gli è valso una sfilza d'insulti. Senza che nessuno sia intervenuto. Nemmeno l'autista del bus. 

Per l'esattezza, sono diverse le segnalazioni giunte in questi giorni da lettori preoccupati per la situazione degli autopostali in Ticino. E non solo per l'uso o meno delle mascherine, ma anche per il sovraffollamento. 

Distanze impossibili da mantenere - «In molti autopostali è di fatto impossibile attenersi alle disposizioni in materia di distanza. Perciò c’è l’obbligo generale d'indossare una mascherina», spiega, interpellata, la stessa società di trasporti.

«Può essere chiamata la polizia» - Chi non rispetta le regole? «Può essere escluso dal servizio - viene spiegato -. Nella pratica, però, non siamo in grado di rifiutare passeggeri alla fermata. Il personale conducente è responsabile di assicurare che le corse avvengano in modo sicuro e puntuale, non si fa carico di compiti di polizia».

Tuttavia, nell’ambito della sua attività, il personale di controllo dovrebbe segnalare ai passeggeri senza mascherina l’obbligo d'indossarla e, in caso di rifiuto, «si può richiedere come sempre l’intervento della polizia».

«Più corse? Non abbiamo i mezzi e i conducenti» - L'idea d'istituire più corse, per AutoPostale, è inattuabile: «Ci sono linee per le quali sono in servizio più veicoli (per esempio su alcuni percorsi turistici o per il trasporto scolari). Tuttavia, non è possibile utilizzare così tanti veicoli quanti ne servirebbero per mantenere le distanze sociali. Ci mancano sia i bus che i conducenti per poterlo fare. Anche per questo la mascherina va indossata».

Le linee più frequentate? «Valle Verzasca, Lugano-Morcote-Bissone, Bellinzona-Airolo e le linee con trasporti scolari speciali». E se qualcuno con il covid sale a bordo, la tracciabilità dei contatti diventa un problema. AutoPostale, infatti, non effettua il tracciamento dei contatti. «Tuttavia - spiega -, ha certamente senso che i passeggeri utilizzino l'app “SwissCovid”».

«L’obbligo va rispettato» - Ma la mascherina è davvero utile? Per il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, questo non dovrebbe nemmeno più essere argomento di discussione: «Esiste un obbligo e va rispettato. Nei contatti ravvicinati prolungati ci sono dati che ne dimostrano l'utilità, per cui chi non la indossa dovrebbe metterla o scendere». 

«Troppi la indossano nel modo sbagliato» - Zanini, in questo senso, è irremovibile: «Frequento anche io i mezzi pubblici. E ne vedo di tutti i colori. Non mi riferisco solo a chi non la indossa, ma anche chi lo fa nel modo sbagliato. Non coprirsi il naso, o toglierla per chiacchierare con il vicino di posto, è come non metterla affatto. Non voglio sembrare scurrile, ma lasciare fuori il naso è un po’ come mettersi le mutande lasciando scoperto il davanti».

Per il farmacista cantonale, però, indossarla nel modo giusto non è tutto. «Deve essere di quelle certificate. Ormai in giro troviamo quelle “giuste”, e poi quelle artigianali o industriali di stoffa. Ecco, in molti casi queste ultime sono solo capi d’abbigliamento, non proteggono nulla. Laddove c’è l’obbligo va indossata una mascherina che protegga davvero». 

«Non diventiamo il nuovo canton Vaud» - Il monito di Zanini è inequivocabile. «È vero che stiamo registrando pochi casi in Ticino. Ma abbiamo vicinissimo il caso del Canton Vaud. La situazione può precipitare in fretta. E dovesse accadere potremmo non essere più costretti solo a indossarla sul treno o sul bus».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 15:21:18 | 91.208.130.89