TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
1 min
«Il Dicastero Opere Pubbliche è inadeguato»
La sezione del PS di Bellinzona chiede una «profonda riorganizzazione» per gestire le sfide della Città.
LOCARNO
8 min
Lili Hinstin abbandona il festival
Il Locarno Film Festival e la sua direttrice artistica cessano la loro collaborazione
CONFINE
9 min
Il presunto assassino di don Roberto aggredisce due agenti in carcere
L'uomo doveva essere trasferito "per motivi di sicurezza", ma ha reagito malissimo
CANTONE
53 min
Potrai vivere il tuo Ticino fino a San Silvestro
L'azione "Soggiorna in Ticino" prolungata fino al 31 dicembre. Quella "Gusta il Ticino" fino al 31 ottobre.
FOTO
CONFINE
2 ore
Marijuana nei boschi, sequestrati 120 chili
Tre persone sono state arrestate in due distinte operazioni che hanno portato alla distruzione di oltre 200 piantine.
CANTONE
3 ore
Due tamponi positivi in Ticino da ieri
Nelle strutture ospedaliere ticinesi risultano attualmente ricoverate due persone per il Covid-19
GRAVESANO / BEDANO
3 ore
Medio Vedeggio: «Uniti per crescere ancora»
Diversi gruppi politici credono nella bontà del progetto in votazione il prossimo 18 ottobre.
GORDOLA
3 ore
Quando "fioccano multe" ci pensano Lega-Udc ad avvisarti
Il gruppo "denuncia" l'utilizzo da parte della polizia intercomunale della fotocamera per il rilevamento della targhe
CAMPIONE D'ITALIA
4 ore
Il nuovo sindaco vuole risolvere i problemi con la Svizzera
«Ieri è stato dato mandato di pagare tutti i debiti. Con Bellinzona e Berna dobbiamo arrivare a una soluzione»
VIDEO
LOCARNO
4 ore
Locarno come Mondello? Il Sindaco: «Avviso la polizia»
A decine, ammassati, senza mascherine. Così questo fine settimana in un bar del centro.
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
«Senza prenderne coscienza, non avrei mai potuto uscirne»
Oggi è la Giornata nazionale sui problemi legati all’alcol. Il tema? Sfatare i tabù
CHIASSO
6 ore
Chiasso è ancora un po' in lockdown
Uffici vuoti, ristoranti in difficoltà. Bravofly lascia "a casa" quasi tutti i dipendenti
LOCARNO / BERNA
08.08.2020 - 17:390

Le luci della pista tornano a far discutere

Interpellanza di Bruno Storni al Consiglio federale. Salta fuori che manca la vecchia licenzia edilizia

LOCARNO - Le luci della pista principale dell'aeroporto di Locarno tornano a far discutere. Il consigliere nazionale socialista Bruno Storni ha infatti presentato un'interpellanza a Berna affinché "si faccia luce sulle luci".

Ma andiamo con ordine. A inizio estate dello scorso anno era stato annunciato che la procedura federale di approvazione del progetto di sostituzione delle vecchie luci della pista principale avrebbe ricevuto preavviso negativo dal Cantone. Per questo in settembre Fabio Käppeli aveva inoltrato un’interrogazione al Governo. Il servizio tecnico, chiamato a formulare delle osservazioni, aveva posto grande attenzione per gli aspetti naturalistici. Pareri opposti erano invece stati espressi dal Municipio di Locarno e dalle due direzioni civili e militari dell’aeroporto. Ma il Consiglio di Stato aveva precisato che la competenza decisionale per autorizzare la sostituzione delle luci della pista principale è esclusivamente dell’Autorità federale, a cui compete la ponderazione finale dei vari elementi.

Nella risposta a un'interpellanza di Fabio Regazzi in febbraio il Consiglio federale conferma che i piani di sostituzione dell'illuminazione della pista militare a Locarno non possono ancora essere approvati e che l'UFAM non si è ancora espresso ma ha auspicato una perizia della Commissione federale per la protezione della natura e del paesaggio.

Il socialista Bruno Storni ha quindi presentato un'interpellanza per capire se «il progetto promosso da Armasuisse immobili è in discordanza con ordinanze federali» e se «l’attuale impianto fisso, che si vuole sostituire, è stato posato in assenza di procedure di approvazione formali». Dalle colonne de la Regione gli ha risposto oggi qualcuno dagli "ambienti dell’aeroporto cantonale di Locarno-Magadino". «Le luci pista posate a inizio anni Settanta sono corrette. Manca solo la formale licenza edilizia e/o autorizzazione...  I proprietari/progettisti della stragrande maggioranza delle infrastrutture pubbliche, private o civili-militari costruite decenni fa non sono in grado di produrre tali atti».

Parole che non sono piaciute al socialista. «Pur essendo Municipale, Consigliere Nazionale e già Gran Consigliere ammetto di non saperlo affatto - scrive -. Spero proprio che ciò non sia prassi in Svizzera». E conclude: «Altro che “Far luce sulle Luci” come chiedo nell'interpellanza alla Confederazione, qui ci vogliono i fari del Wankdorf (già Stade de Suisse)».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 1 mese fa su tio
tipik fasctidi da socialista con zero problemi da tira innanz....e io pagoooo
Hammer 1 mese fa su tio
Tal chi un altro cui fasctidi gras che a gaa mia una vaga idea da qua ca ien i veri problemi di gent.
Hammer 1 mese fa su tio
Tal chi un altro sinistroide sinistrato! E al dimostra dumaa qua ca ien i soo fastidi senza vec una vaga idea di veri problemi che gaa la gent! ta meritat mia ula cadrega, anzi ta duresat pagaa indrée tüt i danee che ta ma see custaa fin adess!
tip75 1 mese fa su tio
ahahhhaha che novità ...che stiano saltando fuori gli altarini ticinesi?
sedelin 1 mese fa su tio
sono passati 50 anni! perché perdersi in un cavillo così antico? cosa cambia? che beneficio porta?
Gus 1 mese fa su tio
L'importante è sottolineare le proprie cariche politiche. Chi si loda s'imbroda!
albertolupo 1 mese fa su tio
Adesso però non si tratta più di sapere se c’è la licenza edilizia per i fari posati negli anni ‘70, bensì di sapere se la sostituzione è rispettosa delle Leggi. E visibilmente chi di competenza deve ancora esprimersi. Storni, per favore, non approfitti della sua posizione di consigliere nazionale per far perdere tempo e danaro pet rispondere a domande inutili. Grazie
Ul Cunili 1 mese fa su tio
Le luci sono corrette...manca solo la licenza edilizia...ahahah soliti pagliacci. Poi é tutto l'aeroporto ad essere fuori legge. Messo li in zona naturalistica di importanza nazionale. Ma si sa che come il silos Ferrari, il Compodino, il silos Melezza, ecc..dove comandano o hanno interessi personali i soliti politicanti Ticccinesi, va tutto bene.
ziopecora 1 mese fa su tio
@Ul Cunili l'aeroporto di Locarno è stato inaugurato nel 1939, quando non vi erano né zone naturalistiche né rompiscatole che hanno come principale occupazione quella di inventarsi stupidaggini.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 12:35:24 | 91.208.130.87