tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 min
«Hanno sparato proiettili di gomma e usato spray urticanti»
La replica di Karin Valenzano Rossi: «Questo genere di attività moleste di notte non erano autorizzate».
CANTONE
46 min
Altre quattro classi in quarantena
Saranno costrette a casa due sezioni della scuola elementare di Locarno-Saleggi, una di Ascona e una di Agno.
FOTO
LOCARNO
3 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
MASSAGNO
5 ore
Nuovo direttore per l'Azienda elettrica di Massagno
Si tratta di Rolf Endriss, che prenderà il posto di Paolo Rossi.
BELLINZONA
6 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
8 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
FOTO
BRISSAGO
18 ore
Brissago festeggia la sua fedeltà alla Svizzera
La cerimonia ha avuto luogo oggi presso l'ex Fabbrica Tabacchi
FOTO
CALANCA (GR)
18 ore
Un riconoscimento per la cava che mantiene la biodiversità
La Alfredo Polti SA di Arvigo ha ricevuto la certificazione dalla Fondazione Natura & Economia
MENDRISIO
20 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
21 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CONFINE
21 ore
Menaggio, ritrovata viva in una conduttura di cemento una donna dispersa
Si era allontanata da casa, ma poi non era più rientrata
CANTONE
21.04.2020 - 11:410

Coronavirus: test sul personale sanitario per trovare gli anticorpi

Il Ticino fa squadra nella lotta al covid19. Nella prossime settimane saranno analizzati migliaia di campioni di siero

LUGANO - Testare su base volontaria il personale sanitario per verificare la presenza di anticorpi specifici per il coronavirus SARS-CoV-2, responsabile dell’infezione Covid-19, e capire così come l’infezione si sia sviluppata nella popolazione identificando gli individui che sono venuti in contatto con il virus, indipendentemente dalla sintomatologia sviluppata.

Questo è in sintesi il procedimento che verrà messo in atto nelle prossime settimane e che vede le competenze dei vari enti del territorio coinvolti, messe a disposizione per realizzare le differenti fasi del progetto.

Raccolta dei sieri - È in corso infatti la raccolta dei sieri da parte di Ente Ospedaliero Cantonale, Cardiocentro Ticino, Clinica Hildebrand e Clinica Moncucco, che verranno poi inviati per le analisi ai laboratori dell’IRB a Bellinzona. «La condivisione tempestiva di dati e informazioni e la collaborazione tra ospedali, istituzioni ed enti sul territorio è essenziale per poter sviluppare in tempi brevi soluzioni efficaci e coerenti», commenta Antonio Lanzavecchia, Direttore dell’IRB e Professore ordinario presso la Facoltà di scienze biomediche dell'USI.

L’importanza della collaborazione e della coordinazione delle iniziative di ricerca viene sottolineata anche dal Prof. Alessandro Ceschi, Direttore della CTU-EOC e Professore titolare presso la Facoltà di scienze biomediche dell’USI: «oltre alla corretta intuizione scientifica e al metodo rigoroso e appropriato, anche una buona organizzazione è una componente indispensabile al successo dei progetti di ricerca». Ricordiamo che la CTU-EOC è un servizio di supporto alla ricerca clinica dell’EOC e dell’USI come riportato nell’accordo concernente la collaborazione nella ricerca recentemente sottoscritto da USI e EOC.

Come avverrà l'analisi - Ma come avviene l’analisi della presenza di anticorpi? «Grazie alla collaborazione con Humabs BioMed, che ha messo a disposizione il test sierologico da loro sviluppato, e utilizzando le apparecchiature disponibili all’IRB, potremo misurare nel siero del personale sanitario la presenza di anticorpi contro il nuovo coronavirus», spiega Federica Sallusto, Direttrice di laboratorio all’IRB e Professoressa ordinaria presso la Facoltà di scienze biomediche dell'USI, che con il suo gruppo si occuperà proprio dell’analisi dei campioni. «Riceveremo nelle prossime settimane tra i 3000 e i 4000 campioni di siero, e le analisi che effettueremo ci consentiranno di avere informazioni sullo sviluppo di una risposta immunitaria al virus. Al momento non possiamo dire se gli individui che hanno sviluppato anticorpi sono protetti contro l’infezione, ma questi dati potranno servire in futuro per stabilire se la risposta immunitaria è in grado di proteggere parzialmente o totalmente da una re-infezione».

Anche l’Istituto di salute pubblica dell’USI, diretto dal Prof. Emiliano Albanese, ha messo a disposizione le sue competenze per l’analisi dei dati raccolti. «Analizzare i dati e misurare l’efficacia delle misure adottate per affrontare l’emergenza è essenziale, come anche la condivisione delle esperienze tra cantoni», afferma il Prof. Albanese.

In un secondo momento studio sulla popolazione - Questo studio permetterà infatti di identificare la possibile 'sieroprevalenza' nella popolazione, partendo da questo primo gruppo. In un momento successivo c’è il progetto di allargare lo studio anche a un campione più ampio della popolazione. A questo proposito la Swiss School of Public Health (SSPH+), la federazione che unisce 12 università svizzere, tra le quali l’USI, ha lanciato un progetto (www.corona-immunitas.ch) mirato a raccogliere dati relativi alla diffusione del coronavirus e al tasso di immunità della popolazione nella Confederazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Sicuramente un'azione molto positiva. Ma va fatta immediatamente su tutta la popolazione se si vuole evitare un'ulteriore catastrofe. La soluzione va ricercata nel saper indicare chi ha i famosi anticorpi e chi non li ha. E se questo tipo di esame potesse anche indicare i portatori sani, sarebbe meglio ancora. Che non abbiano sufficiente materiale per fare un test generalizzato? Forse, ma ancora una volta ci troviamo impreparati nel campo specifico.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 16:49:05 | 91.208.130.86