Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
41 min
Spacciava e consumava droga, arrestato un 49enne
L'uomo è coinvolto anche nel soggiorno illegale di due donne albanesi arrestate in aprile a Melano
MEZZOVICO-VIRA
2 ore
Il Municipio di Mezzovico-Vira al via
I cinque membri dell'Esecutivo hanno giurato fedeltà alla Costituzione.
LUGANO
2 ore
«Non c'è motivo per proseguire con lo sgombero!»
L'associazione Aida ribatte al Municipio fermo nel voler sfrattare gli autogestiti dall'ex Macello
CANTONE
2 ore
In Ticino contagi e ospedalizzati calano ancora
Dall'inizio della pandemia il totale delle persone positive è 32'496, i decessi dovuti alla malattia sono 991.
CANTONE
3 ore
Accordo BancaStato-EFG concluso con successo
Riguarda il trasferimento alla Banca cantonale della clientela del settore “retail e commerciale” ticinese.
CANTONE
4 ore
Il mentore degli over 50 non convince tutti
Per il deputato Ppd Giorgio Fonio servono anche incentivi all'assunzione. Matteo Pronzini (Mps): «Una presa in giro».
CANTONE
6 ore
Vaccino nell'orario di lavoro, le aziende fanno le difficili
Per recarsi all'appuntamento è necessario prendere delle ore libere o, per chi può, fare uno scambio di turno.
FOTO
MENDRISIO
6 ore
L’osservatorio non c’è più: «La montagna ora è un po' più povera»
La smantellamento del telescopio aperto al pubblico più grande del Ticino è terminato. Verrà trasferito nel Canton Berna.
BOSCO GURIN
14 ore
Un (prestigioso) premio europeo per il Museo Walser
La struttura ha ricevuto il Meyvaert per l'impegno dimostrato nella sostenibilità sociale, economica e ambientale.
ORIGLIO
14 ore
Test a tappeto alla scuola Steiner
Negli scorsi giorni presso l'istituto di Origlio sono stati riscontrati diversi casi di coronavirus.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
16 ore
Un rimorchio si ribalta a Camorino
L'incidente è avvenuto questa sera nei pressi della rotonda degli svincoli autostradali. Nessuno è rimasto ferito.
LUGANO
17 ore
Ex Macello: la Città prosegue sulla via dello sgombero
La municipale Valenzano Rossi: «Aspettiamo l'inizio della prossima settimana per essere certi che non ci siano ricorsi»
BELLINZONA
22.03.2020 - 21:030
Aggiornamento : 23.03.2020 - 06:50

Covid-19: l'uomo che pensa solo all'economia, è lui ad avere "sgridato" il Ticino

Si chiama Hans Hess ed è presidente dell'industria metalmeccanica svizzera. Le sue argomentazioni fanno discutere

Pesanti critiche al nostro Cantone per avere chiuso tutto. Ai microfoni della RSI, il presidente del Governo Christian Vitta gli ha risposto per le rime.

Aveva la possibilità di ritrattare le sue posizioni. E l'ha sprecata. Hans Hess, presidente dell'industria metalmeccanica svizzera (Swissmem), ai microfoni del telegiornale della RSI, non cambia posizione. E sembra incapace di capire che di fronte a una pandemia sconvolgente come quella del Covid-19, la salute deve venire al primo posto. Anche prima dell'economia. 

Quanti filosofi – Hess, come altri "filosofi" dell'ambiente economico (tra cui Monika Rühl, rappresentante di Economiesuisse, che al SonntagsBlick ha dichiarato che le aziende elvetiche devono continuare a lavorare), avevano bacchettato il Ticino per avere avuto il coraggio di chiudere tutto. Sostenendo che una mossa del genere avrebbe creato seri problemi all'economia dell'intero Paese.

Scavalcato il Consiglio federale – Non solo. Lo stesso Hess ha pure dichiarato che la scelta del Ticino rappresenterebbe un mancato riconoscimento della volontà del Consiglio Federale. Secondo molti ticinesi, invece, a Berna si continuerebbe a temporeggiare. Le misure messe in atto a livello nazionale sarebbero troppo blande. Nel frattempo il virus che viene dalla Cina ha devastato dapprima la Lombardia. E ora sta mettendo a durissima prova anche il Ticino. Il resto della Svizzera (a parte le dovute eccezioni), al momento, non avrebbe la medesima percezione del Covid-19 vissuta dai ticinesi. 

Qui non si può più aspettare – Come ha dichiarato, sempre al telegiornale, il presidente del Governo ticinese, Christian Vitta, lo stesso Ticino non si trova nelle condizioni di potere aspettare. «Siamo in una situazione particolare. Stiamo registrando un'evoluzione del virus che anticipa di un paio di settimane quello che potrebbe succedere nel resto della Svizzera. Non possiamo attendere che il virus si diffonda in maniera eccessiva, per poi prendere misure in ritardo».

Sindacati e padronato stanno col Governo – Vitta espone a chiare lettere l'opinione compatta di tutto il Consiglio di Stato. Va ricordato che il Governo ticinese sta godendo, in questo momento, dell'appoggio degli ambienti sindacali e di gran parte del padronato. «Dovevamo operare in una direzione che ci permettesse di affrontare nel migliore dei modi il picco dei contagi. Nella vicina Italia, poche ore dopo, è stata presa una decisione analoga».

Al momento siamo ancora troppo soli – Che il Ticino fosse ancora relativamente troppo solo in questa battaglia, lo si era intuito già negli scorsi giorni. Certo, Alain Berset, consigliere federale e ministro della salute, è sceso a sud delle Alpi "per rassicurarci" e per "farci sentire l'appoggio del resto della Confederazione". Ma la sensazione di non essere veramente capiti fino in fondo era e resta diffusa. Vitta fa una considerazione cruciale. «Non è escluso che quando il resto della Svizzera si troverà in difficoltà, noi avremo già superato il momento difficile e potremo ripartire su basi solide. Il consenso generale che troviamo nel Canton Ticino è importante». 

La questione della spesa vietata agli over 65 – Hess ha attaccato il Ticino anche per avere imposto agli over 65 di non recarsi a fare la spesa. Una scelta che secondo lo stesso Hess scavalcherebbe ancora una volta il Consiglio federale e sarebbe paragonabile al divieto di uscire di casa per gli anziani (poi revocato) introdotto negli scorsi giorni nel Canton Uri. «No – fa notare Vitta –. Non c'è paragone. Questa limitazione specifica per gli anziani è molto meno invasiva rispetto a quella del Canton Uri. L'abbiamo introdotta per tutelare gli stessi anziani. Ci stiamo organizzando con i Comuni affinché gli over 65, grazie a una rete di volontari, ricevano la spesa a domicilio. C'è tanta solidarietà».

In Ticino non c'è più tempo – E se da Berna dovesse arrivare l'ordine di fare retromarcia sia sul blocco del lavoro sia sul divieto di andare a fare la spesa per gli anziani? Vitta è chiaro: «Sono in contatto con la presidente della Confederazione, Simonetta Sommaruga. Sono anche in contatto con la rappresentante della deputazione ticinese alle Camere federali, Marina Carobbio, che appoggia la nostra linea. Tutti insieme dobbiamo fare capire a Berna che noi stiamo vivendo una situazione che oltre Gottardo si potrà vivere tra una o due settimane. Noi non possiamo attendere».

La redazione ha deciso di chiudere il blog a causa dell'elevato numero di commenti violenti, offensivi e poco costruttivi. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-07 12:39:16 | 91.208.130.86