tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
38 min
#NonCeLaFaremoMai: messaggi di cattivo gusto sull'asfalto
Le scritte sono apparse oggi in via Tomaso Rodari a Lugano
FOTO
TERRE DI PEDEMONTE
1 ora
Una brusca sbandata sulla Cantonale
L'incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio a Cavigliano
GRIGIONI
2 ore
«Trattare il Moesano come il Ticino»
L'atteggiamento delle autorità locali, affermano, «non è accettabile» ed è «privo di etica»
CANTONE
5 ore
Quei milioni che mancheranno alla cultura e allo sport
La crisi colpisce anche il settore delle scommesse sportive e delle lotterie.
CONFINE
6 ore
Mascherine, la dogana sblocca una fornitura da 33mila pezzi
Transitavano dalla Svizzera. Saranno distribuite in tutta Italia
BELLINZONA
11 ore
L'escursione in montagna finisce male
Un elicottero della Rega ha trasportato i due giovani in ospedale
CANTONE
11 ore
Altre 10 vittime a causa del Covid-19
Si conferma il rallentamento del numero di contagiati che sale a 2442 casi
CANTONE
12 ore
Covid-19, ristoratori "presi in giro" dalle assicurazioni
Il fenomeno coinvolge diversi esercenti a sud delle Alpi, ma anche nel resto della Svizzera. La rabbia di GastroTicino
CANTONE
13 ore
Le temperature tornano a salire
Nei prossimi giorni la colonnina di mercurio supererà i 20 gradi
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
14 ore
Incendio in cucina, palazzina evacuata
Nessuno avrebbe riportato ferite. L'intervento dei pompieri ha evitato il peggio
CANTONE
23 ore
«Il Covid-19? Non piangiamoci addosso»
Svizzera Turismo parla di gravi perdite in alcune località di punta. Con ripercussioni anche a lungo termine.
CANTONE
1 gior
Troppe case secondarie "prese d'assalto"
Ecco la fotogallery pubblicata dal blog "La Voce del Gambarogno". Perché il messaggio non passa?
LIVE
CANTONE
1 gior
Christian Vitta: «Nei prossimi mesi prepariamoci a una “normalità limitata”»
A Bellinzona si è tenuta la conferenza stampa dello Stato Maggiore di Condotta
VIDEO
CANTONE
1 gior
Christa Rigozzi e Petkovic: «Non è il momento di venire in Ticino»
Due testimonial d’eccezione, e un volantino, spiegano ai confederati perché per Pasqua è meglio restare a casa
LOSONE
1 gior
Misure fiscali a favore della popolazione e dell’economia
Il Municipio si allinea ai provvedimenti fiscali messi in atto dal Cantone per far fronte all’emergenza sanitaria
GRIGIONI
1 gior
Aumentano i casi di contagio nei Grigioni italiano
598 persone malate. Sessanta sono in ospedale. Ventisette i deceduti
CANTONE
1 gior
Tornano i controlli della velocità
L'attuale situazione legata al coronavirus obbliga la polizia a un utilizzo mirato delle risorse.
MENDRISIO
24.01.2018 - 09:250
Aggiornamento : 10:49

Astuti: «In treno da Chiasso a Zurigo? Si rischiano due cambi all'andata e due al ritorno»

Critiche severe dall'associazione dei viaggiatori sulla situazione dei collegamenti ferroviari tra il Mendrisiotto ed il resto della Svizzera: «C'è chi rinuncia al treno per i disagi» 

MENDRISIO - Alla luce del nuovo orario 2018, la situazione dei collegamenti ferroviari tra il Mendrisiotto ed il resto del Ticino e della Svizzera è passata sotto la lente dell’ASTUTI (Associazione ticinese degli utenti del trasporto pubblico), sezione cantonale di Pro Bahn Svizzera. La stessa associazione ha anche vagliato (e criticato) la risposta che il Consiglio di Stato ha fornito il 13 dicembre scorso all’interrogazione di Luca Pagani del 19 ottobre (nella quale veniva puntato il dito contro il capolinea a Lugano, con conseguente necessità di cambiare convoglio per raggiungere il Mendrisiotto). 

«Ancora pochi collegamenti» - Astuti manifesta la propria insoddisfazione per il collegamento diretto tra Chiasso e il Mendrisiotto verso la Svizzera interna, «oggi limitato a pochi treni il mattino in direzione nord e la stessa cosa la sera verso sud». «In passato - si legge in una nota odierna della suddetta associazione - le FFS avevano fatto notare che far proseguire i treni IC da Lugano fino a Chiasso avrebbe compromesso il rispetto della cadenza/frequenza oraria sulla linea Nord/Sud (Lugano-Zurigo e Lugano-Basilea). Oggi, dopo l’apertura della galleria di base del Gottardo, questo argomento sembra essere meno sostenibile».

«Esclusa una delle regioni più popolate del Ticino» - Astuti ritiene «solo in parte soddisfacente» la risposta secondo cui non tutti i convogli che terminano la loro corsa a Lugano e poi proseguono vuoti verso sud giungono fino a Chiasso visto che, in parte fermano a Melide e in altri casi ripartono direttamente da Lugano verso nord. «Ad essere esclusa da relazioni dirette è una delle regioni più densamente popolate ed economicamente importanti del Ticino dove le FFS intendono investire, alludiamo alla stazione di Chiasso, alcune centinaia di milioni nei prossimi decenni, stazione che finirà tuttavia, con la messa in esercizio dei nuovi treni Giruno, per perdere anche le fermate attualmente garantite dei treni internazionali Eurocity». 

Il sospetto di Astuti è che uno dei motivi per non permettere ai viaggiatori di proseguire fino a Chiasso sia da collegare al fatto che non vi sarebbe il personale di accompagnamento a disposizione. «Ciò non depone sicuramente a favore dei principi che regolano il servizio pubblico. Si aggiunga che lo stesso Ufficio federale dei trasporti giudica poco razionale, per la mancanza di spazi di sosta adeguati, l’attuale capolinea di Lugano per i treni diretti da e per la Svizzera interna».

Troppi cambi - Anche con l’entrata in esercizio della nuova Mendrisio-Varese, fa notare Astuti, gli utenti sono costretti «nel 50 per cento dei casi» al cambio di treno a Mendrisio visto che la via diretta non è più regolarmente assicurata. «Come dire che chi, ad esempio, parte da Chiasso per recarsi a Zurigo, può trovarsi nella situazione di dover cambiare treno una prima volta a Mendrisio e una seconda a Lugano (la stessa cosa sulla via di ritorno). E ciò vale ancora e a maggior ragione per i pendolari che arrivano da Como o partono da Chiasso e Balerna».

La richiesta di soluzioni e di pressioni - L'associazione degli utenti dei trasporti pubblici si chiede quindi se esistano dei progetti per migliorare questa situazione. «Vi sono persone nel Mendrisiotto che rinunciano al treno quando si spostano nella Svizzera interna, a causa delle attese cui sono costrette a Lugano, attese alle quali oggi si somma il più delle volte l’ulteriore cambio di treno a Mendrisio». 

ASTUTI auspica che i Municipi del Mendrisiotto facciano pressione in modo congiunto sull’autorità cantonale e sulle FFS affinché «simile stato di cose possa essere migliorato nell’interesse degli utenti del trasporto pubblico e dell’intera regione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 2 anni fa su tio
sembrerebbe che la vita dei viaggiatori non sia in pericolo... ;-)
Miris Gregori 2 anni fa su fb
Mettete il treno a vapore di una volta che lo schifo di adesso !!VERGOGNA
Davide Giampani 2 anni fa su fb
Ma vergogna di cosa? La vergogna e' scrivere questi commenti
tip75 2 anni fa su tio
poi si chiedono perché i ezzi pubblici vengono snobbati...ma se si spende un patrimonio per un pessimo servizio! per andare a Milano ci vuole un eternità, per non parlare dei posteggi alle varie stazioni ed ai prezzi quando li hanno. Insomma in Ticino ci piace fare gli sborroni come fossimo le grandi città ma la sola cosa grande è il prezzo, il resto non esiste
Bruna Bralla 2 anni fa su fb
Tristemente vero ! Non ci sono più leFFS di una volta ???
tip75 2 anni fa su tio
FFS=LADRONI=qualità zero=prezzi troppo elevati
Lourmarin 2 anni fa su tio
Giustissimo. Brava Astuti. Questo aspetto è stato segnalato anche ai media di recente ma nulla... di fatto la nuova linea è una Como-Varese diretta via Mendrisio. Obbligando chi viene o va a Chiasso da nord a cambiare a Mendrisio. Ma se come confermato pure dal dir Tilo Dennis Rossi spesso i treni arrivano in ritardo dall'Italia l'utente è ulteriormente penalizzato poiché perde le coincidenze a Mendrisio. Una soluzione scandalosa che lo scorso autunno è stata pure accettata dal DT al posto di insistere per avere subito i treni da Lugano diretti per Varese. Abbiamo aspettato otto anni il ritardo di questa linea. Potevamo aspettare altri sei mesi e avere tutto a posto e verificato. Pollice verso dunque per FFS e DT e per quei politici PPD e Lega del Mendrisiotto sempre pronti a salire sulle barricate ma oggi silenti.
Equalizer 2 anni fa su tio
Questo è il progresso Svizzero applicato al Canton Ticino, anzi per dirla in poche parole, non mi meraviglierei che quando smatelleranno l'80 percento dei binari della stazione di Chiasso poi ci costruiranno sopra le nuove officine FFS, il terreno è già loro, la mano d'opera è sul posto (oltre la riga a metà prezzo) ed a tutti i Ticinesi per natale in omaggio un tubetto di gel an...... Sempre peggio.
Niederberger André 2 anni fa su fb
Es ist die Wahrheit der Service ist Misserrabel... SBB Tilo
Flavio Zana 2 anni fa su fb
lamentarsi, lamentarsi sempre e comunque. io me la prenderei pure con i servizi interni, non ci sono estetiste e le massaggiatrici non sempre profumano di gelsomino, il servizio di ristorazione non prevede caviale siberiano e il tassista che ti viene a prendere a casa ha uno strano accento francese, "bonjour monsieur" e' una cosa che non posso tollerare, specialmente appena sveglio.
Lucrezia Novelli 2 anni fa su fb
non la puo' tollerare, allora provi a prendere il Tilo cosi quando inizia a perdere le coincidenze con EC ne riaparliamo, vedrà che saranno altre cose che non potrà tollerare appensa sveglio
Flavio Zana 2 anni fa su fb
l’ho fatto per 6 anni e non sono morto.
andrea28 2 anni fa su tio
C'era una volta la ferrovia del Gottardo che univa Chiasso a Basilea; ora c'è la linea dei frontaliers che unisce Varese a Giubiasco...
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-04 22:28:42 | 91.208.130.86