SVIZZERAUn ticket di sole donne per il dopo Sommaruga?

06.11.22 - 09:38
Il Partito socialista difende la scelta. Wermuth: «Senza si rischia di avere solo due donne in Consiglio federale»
keystone-sda.ch (PETER SCHNEIDER)
Fonte ats
Un ticket di sole donne per il dopo Sommaruga?
Il Partito socialista difende la scelta. Wermuth: «Senza si rischia di avere solo due donne in Consiglio federale»

BERNA - I copresidenti del PS hanno difeso oggi sulla stampa domenicale la scelta di presentare un ticket di sole donne per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale, scelta che ha suscitato critiche all'interno del partito.

La Svizzera vuole essere rappresentata in governo da un uomo e una donna, come è sempre stato negli anni Novanta, ha dichiarato Mattea Meyer in un'intervista diffusa oggi dalla SonntagsZeitung. «Il PS si impegna per la parità di diritti. Questo vale anche a livello interno».

Senza un ticket esclusivamente femminile, c'è il rischio di avere solo due donne in Consiglio federale, ha sottolineato Cédric Wermuth nel SonntagsBlick. «La popolazione non lo capirebbe. La presidenza del gruppo parlamentare e il partito hanno votato chiaramente per due donne», ha fatto notare.

Se una socialista della Svizzera francese figura sul ticket, quando due romandi sono già membri dell'esecutivo federale - il ministro degli Interni Alain Berset e il ministro dell'economia Guy Parmelin - non è un problema per il PS, ha assicurato Wermuth. Non capisce i timori della Svizzera tedesca di avere tre consiglieri federali francofoni. «Ci sono già stati tre romandi in Consiglio federale dal 1917 al 1920», sottolinea il consigliere nazionale argoviese.

Numerose possibilità
Il PS ha anche un gran numero di donne competenti nel Consiglio nazionale, nel Consiglio degli Stati, nei governi cantonali e tra i sindaci, ha detto Meyer, aggiungendo di non credere che un ticket di sole donne limiterebbe in modo significativo la scelta.

Riguardo a una possibile candidatura di Daniel Jositsch, la copresidente del PS ha affermato che il consigliere agli Stati zurighese ha indubbiamente il calibro di un Consigliere federale. Il partito lavora bene e volentieri con lui. Tuttavia, Meyer gli suggerisce indirettamente di rinunciare a candidarsi.

Meyer ritiene che in Svizzera sia difficile conciliare la carica di consigliere federale con la vita familiare, a differenza di quanto avviene in Finlandia e in Nuova Zelanda. Ma questo dovrebbe essere possibile anche in Svizzera, ha detto Wermuth. «Dobbiamo discutere di come organizzare la funzione», ad esempio aumentando il numero dei consiglieri federali da sette a nove o ridistribuendo i grandi dipartimenti, ha aggiunto.

COMMENTI
 
MissKirova 2 mesi fa su tio
Incoerenza di sinistra! Nessuna novità
Roger1980 2 mesi fa su tio
E sarebbe questa la "parità dei diritti" che tanto osannate?!? Questa è pura e semplice discriminazione di genere! Ma, siccome è nei confronti dei maschi...va bene così...
Sara788 2 mesi fa su tio
ma questa non è discriminazione di genere? vogliono candidare a tutti o costi una donna anche senza che quest'ultima avesse delle reali capacità? mah.....
NOTIZIE PIÙ LETTE