Immobili
Veicoli

SVIZZERA Presentate due alternative all'accordo quadro respinto a maggio

17.12.21 - 20:05
Gli studi commissionati dal Consiglio federale sono online da venerdì
Depositphotos (AleksTaurus)
Fonte Ats
Presentate due alternative all'accordo quadro respinto a maggio
Gli studi commissionati dal Consiglio federale sono online da venerdì

BERNA - Due studi esterni pubblicati online venerdì propongono alternative all'accordo quadro respinto dalla Confederazione il 26 maggio. Il Consiglio federale li aveva commissionati prima della rottura dei negoziati con l'UE. I due rapporti completano le riflessioni dell'amministrazione all'attenzione del Consiglio federale, indica stasera il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in un comunicato.

Una "alta istanza politica" - Uno di essi - redatto da Nicolas Levrat, professore di diritto all'Università di Ginevra - giunge alla conclusione che il governo dovrebbe presentare una nuova proposta all'UE: più precisamente un "accordo quadro globale". Questa volta dovrebbe riguardare l'intera relazione Svizzera-UE e non solo cinque accordi di accesso al mercato.

Levrat vuole istituire una "alta istanza politica" che conduca un dialogo politico annuale sulle relazioni della Svizzera con l'UE. Inoltre, tutte le clausole ghigliottina dovrebbero essere abbandonate e sostituite da riunioni periodiche in cui si valuterebbe il funzionamento dei diversi accordi.

Questo processo permetterebbe aggiustamenti regolari delle condizioni di applicazione. In caso di controversia, un accordo potrebbe, nel peggiore dei casi, essere ritirato o rinegoziato alla fine del processo. La Commissione europea avrebbe la possibilità di appellarsi alla Corte di giustizia dell'UE per verificare la compatibilità con il diritto comunitario.

Bilaterali III come opzione - L'altro studio è redatto dall'ex segretario di Stato del DFAE e delle finanze e negoziatore della Svizzera a Bruxelles, Michael Ambühl, e dalla co-professoressa Daniela Scherer (ETH Zurigo). Essi prevedono un piano B in tre fasi: in primo luogo, stabilire una buona intesa con l'UE, poi consolidare la posizione della Svizzera e infine elaborare un pacchetto di accordi, i Bilaterali III.

Nella prima fase, la Svizzera potrebbe, per esempio, preparare il terreno con il pagamento del miliardo di coesione o la politica climatica. In una seconda fase, il Consiglio federale dovrebbe formulare una dichiarazione sulla politica europea che sia ampiamente sostenuta.

In una terza fase, dovrebbero essere negoziati gli accordi bilaterali III. La Svizzera dovrebbe raggiungere un'intesa con l'UE sull'adozione del diritto europeo in nuovi settori come la salute. Questioni particolarmente controverse come la protezione dei salari, la cittadinanza europea o gli aiuti di Stato dovrebbero essere temporaneamente accantonate.

E in caso di controversia, un tribunale arbitrale paritario dovrebbe decidere solo sulla proporzionalità delle misure, senza consultare la Corte di giustizia dell'UE.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA