Immobili
Veicoli
20 Minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
36 min
Se avete queste borracce, non utilizzatele più
I consumatori possono rimandare il prodotto a ZEFAL SA e ottenere un rimborso, specifica l'Ufficio prevenzione infortuni
BERNA
1 ora
Quasi 100 armi dell'esercito andate perse nel 2021
Sono state smarrite una settantina di fucili e una ventina di pistole
SAN GALLO
2 ore
Colaticcio nel torrente, muoiono un migliaio di pesci
Il materiale proveniva da un allevamento di maiali. L'allevatore 68enne è stato denunciato al Ministero pubblico.
FOTO
SVIZZERA
2 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
6 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
14 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
16 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
FOTO
ZURIGO
17 ore
Con l'auto dritto contro l'albero, ferito un 67enne
Per cause ancora da chiarire, il veicolo dell'uomo è uscito di strada mentre approcciava una curva.
SVIZZERA
18 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
19 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
19 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
SVIZZERA
08.12.2021 - 16:090
Aggiornamento : 22:07

«Farò del mio meglio per guadagnarmi la fiducia»

Dopo il discorso tenuto per l'elezione alla presidenza della Confederazione, Cassis ha incontrato i media.

Interrogato sulla sua immagine tra la popolazione, il ticinese ha ribattuto che preferisce rimanere fedele a se stesso piuttosto che essere popolare.

BERNA - Nel suo primo incontro con i media, dopo aver già parlato dal pulpito di Palazzo federale, il neo eletto presidente della Confederazione Ignazio Cassis, si è detto contento del risultato ottenuto stamattina, nella speranza che entro fine anno anche le voci più critiche possano ricredersi. A suo parere, inoltre, l'anno presidenziale potrebbe rivelarsi un vantaggio nelle relazioni con l'Unione europea: questa carica apre porte che rimangono chiuse a un ministro degli esteri.

Tenuto conto anche della crisi che sta attraversando il Paese a causa della pandemia, Ignazio Cassis intende concentrarsi maggiormente sul fronte interno, avvicinando ulteriormente il Governo alla popolazione. Sono già programmate due sedute extra muros dell'esecutivo, e un'altra in Romancia. Sensibile alle minoranze e difensore del plurilinguismo, Cassis ha affermato che ad agosto si terrà a Pontresina (GR) il consueto incontro con gli ambasciatori. Ma altre sorprese sono previste, ha aggiunto, senza però sbottonarsi (sennò che sorpresa sarebbe?).

Interrogato sulla sua immagine tra la popolazione, dove risulta sovente il ministro meno amato, l'ultimo dei sette "saggi", Cassis ha ribattuto di non aver bisogno di curare in maniera particolare la sua immagine, e di non avere una strategia nel cassetto a tal scopo, ma di voler lavorare di buona lena per mantenere unito il Paese, polarizzato a causa del virus, restando fedele alle sue convinzioni e ai suoi valori.

Certo, ha aggiunto il presidente della Confederazione di Sessa, mentirei se dicessi che mi fa piacere essere sempre l'ultimo, ma preferisco rimanere fedele a me stesso piuttosto che essere popolare.

In merito alle relazioni con l'Europa, Cassis ha affermato che bisogna essere onesti con questo tema, dal momento che si tratta di un dossier complicato, difficile, che divide la Svizzera a tutti i livelli. Di sicuro, non sono "Harry Potter" che può risolvere tutti i problemi con una bacchetta magica. Non dipende solo da me o dal Consiglio federale, visto che l'instabilità concerne tutti, dai partiti, alle associazioni economiche, per non parlare dei partner sociali e della popolazione.

L'anno presidenziale potrebbe però essere un vantaggio, secondo il capo della diplomazia elvetica, giacché tale carica consente di aprire le porte di capi di Governo e capi di Stato, solitamente chiuse per un semplice ministro. Insomma, si tratta senz'altro di un grande vantaggio, a detta del consigliere federale, una carta in più che ho in mano che andrà calata al momento giusto con la persona giusta.

Circa la pandemia, e al desiderio espresso nel suo discorso in Parlamento di evitare che le divisioni nella popolazione si allarghino ulteriormente, Cassis ha spiegato di essere molto sensibile al problema e alle sofferenze altrui, vista la sua formazione di medico. Ma il lavoro del medico, ha puntualizzato, in fondo è più semplice poiché quest'ultimo si occupa dei malati, mentre le sfide del politico vanno ben oltre vista la grande incertezza nella popolazione, sempre più polarizzata tra giovani e vecchi, vaccinati e non vaccinati, federalisti e centralisti. Dobbiamo prevenire i problemi di coesione sociale, molto più profondi di una pandemia.

Per questo, ha dichiarato, dobbiamo essere capaci di fare un passo verso gli altri se non vogliamo che le divisioni si allarghino ulteriormente: il nostro Paese non è unito perché abbiamo una lingua e una cultura in comune, ma perché c'è la volontà di esserlo e un comune obiettivo. Non possiamo permetterci di essere divisi in un momento come questo. Certo, ha concluso, profilarsi è più facile che trovare soluzioni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 12:29:04 | 91.208.130.86