tipress
BERNA
30.11.2017 - 10:010

Vie ciclabili, "sì" degli Stati al controprogetto

La modifica costituzionale punta a migliorare la salute della popolazione, ridurre le emissioni di CO2 e risparmiare denaro

BERNA - Dopo duecento anni dalla sua invenzione, è giusto che la promozione della bicicletta quale mezzo di locomozione sano ed ecologico venga iscritta nella Costituzione federale, al pari dei sentieri e dei percorsi pedonali.

Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati che, seppur bocciando l'iniziativa popolare "Per la promozione delle vie ciclabili e dei sentieri e percorsi pedonali", ha approvato (35 voti a 5) un controprogetto diretto del Consiglio federale che va nella stessa direzione.

L'iniziativa, promossa da 26 associazioni e partiti, è stata depositata il primo marzo 2016 con 105'234 firme valide. L'obiettivo? Promuovere l'uso della bici, realizzando un maggior numero di piste ciclabili. Per i fautori di questa modifica costituzionale, se accolta potrebbe migliorare anche la salute della popolazione, ridurre le emissioni di CO2 e risparmiare denaro pubblico.

Nel corso del breve dibattito si sono sprecate le lodi per l'iniziativa e gli obiettivi che si propone. A nome della commissione, Raphaël Comte (PLR/NE) non ha nascosto il suo entusiasmo, anche alla luce dei molti ciclisti dilettanti che siedono nella Camera dei Cantoni, per un'iniziativa che in fondo non fa che rafforzare uno degli obiettivi della Confederazione, ossia promuovere la mobilità lenta, specie negli agglomerati, allo scopo di togliere dalle strade il maggior numero di veicoli possibile.

Con questa iniziativa non ci muoviamo su un "terreno vergine", ha sottolineato il "senatore" neocastellano, bensì la Confederazione viene spronata a continuare l'opera in corso. Ma perché preferire il controprogetto all'iniziativa? Per il consigliere agli Stati, seppur lodevole l'iniziativa ha anche alcuni difetti, poiché "obbliga" la Confederazione a sostenere i cantoni nella realizzazione e manutenzione di sentieri, percorsi pedonali e piste ciclabili.

L'articolo costituzionale attuale che promuove sentieri e percorsi pedonali prevede soltanto che la Confederazione "possa" sostenere la costruzione di simili reti. Si tratta per Comte, come anche per l'esecutivo, di preservare l'autonomia cantonale in materia lasciando alla Confederazione il compito di emanare principi generali sulle reti di sentieri, percorsi pedonali e piste ciclabili.

Il controprogetto, che va un po' meno lontano dell'iniziativa, piace anche ai promotori della modifica costituzionale, ha poi aggiunto l'esponente PLR di Neuchâtel, spiegando che quest'ultimi sono disposti a ritirare la loro proposta qualora i due rami del Parlamento dovessero approvare il controprogetto.

Oltre a Comte, altri "senatori" hanno preso la parola per sottolineare la bontà dell'iniziativa che finalmente fa giustizia di un mezzo di locomozione che, come affermato da Paul Rechsteiner (PS/SG), compie proprio quest'anno i 200 anni di esistenza.

Nel suo intervento, la consigliera federale Doris Leuthard, responsabile del dipartimento dei trasporti, ha spezzato una lancia in favore del controprogetto, forte anche del parere di cantoni e comuni. In ogni caso, in vista delle discussioni sui preventivi futuri, la presidente della Confederazione ha fatto notare che il controprogetto, se approvato in votazione federale, implicherà per la Confederazione maggiori costi per 1,1 milioni di franchi e un posto e mezzo di lavoro in più.

7 mesi fa Promozione delle vie ciclabili, al via il dibattito
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
iniziativa
confederazione
controprogetto
sentieri
sentieri percorsi
sentieri percorsi pedonali
percorsi
percorsi pedonali
stati
modifica costituzionale
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-17 00:09:01 | 91.208.130.87