Keystone
GINEVRA
29.11.2017 - 15:100

Riusciti due referendum per le condizioni salariali degli agenti

 

GINEVRA - Sono riusciti a Ginevra due referendum diretti contro una decisione del Gran consiglio relativa alle condizioni salariali degli agenti di polizia. Per i promotori - MCG e Ensemble à gauche - entrambi vanno considerati alla stregua di referendum "anti-Maudet".

«Denunciamo il suo modo autoritario e antidemocratico di far politica», ha indicato nel corso di una conferenza stampa il rappresentante di Ensemble à gauche (estrema sinistra) Pablo Cruchon. Particolarmente criticata è l'assenza di concertazione in merito ad una modifica della legge sulla Cassa previdenza dei funzionari di polizia e degli stabilimenti penitenziari.

Adottata dal Gran consiglio in ottobre, la riforma auspicata dall'esecutivo mette a carico dei dipendenti l'aumento del contributo di previdenza, assunto in precedenza dal Cantone, legato ad una progressione salariale. I deputati hanno voluto ripristinare in questo modo la parità di trattamento con gli altri funzionari pubblici.

Per gli autori dei referendum, questa particolarità deve invece essere mantenuta: «in causa è la difesa di una polizia forte e il rispetto nei riguardi degli agenti e del personale penitenziario», ha precisato il deputato MCG François Baertschi, mentre per Ensemble à gauche si tratta di preservare più generalmente il servizio pubblico.

La votazione popolare al riguardo dovrebbe tenersi nel giugno 2018.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
referendum
agenti
gauche
ensemble
condizioni salariali
ensemble gauche
due referendum
polizia
condizioni
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-15 21:52:02 | 91.208.130.87