Keystone
BERNA
29.11.2017 - 09:220

Gay, la donazione di sangue non è discriminatoria

Il Consiglio degli Stati ritiene che la legge vigente è sufficiente per evitare la disparità di trattamento dei donatori gay

BERNA - Non è necessario modificare le leggi per evitare la discriminazione degli omosessuali per quel che riguarda le donazioni di sangue. Il recente allentamento è ritenuto infatti sufficiente dal Consiglio degli Stati che ha bocciato - con 22 voti contro 17 e un'astensione - una mozione sul tema del gruppo PBD e già adottata dal Nazionale.

A luglio è stato compiuto un grande passo per impedire la discriminazione degli uomini omosessuali, stabilendo quale criterio per l'esclusione dalle donazioni, piuttosto che il mero orientamento sessuale, un termine di 12 mesi dall'ultimo rapporto, ha ricordato Konrad Graber (PPD/LU) a nome della commissione. Per allentare ulteriormente i criteri di esclusione, non è inoltre necessario modificare la legge vigente, ha aggiunto.

Una minoranza ha invano chiesto l'adozione dell'atto parlamentare sostenendo che le condizioni attuali sono sì un passo nella giusta direzione, ma che l'astinenza di 12 mesi chiesta anche a chi ha una relazione stabile continua a rappresentare una discriminazione.

Potrebbe interessarti anche
Tags
discriminazione
sangue
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-04-20 01:29:22 | 91.208.130.86