Deposit
GRIGIONI
22.01.2020 - 14:010

Greenpeace: «Al WEF 1'400 miliardi di dollari per i combustibili fossili»

«Banche, fondi pensione e assicurazioni sono colpevoli per l'emergenza climatica» denuncia il rapporto

di Redazione
ats

DAVOS - Banche e fondi pensione presenti a Davos con i propri CEO per il meeting annuale del World Economic Forum «sono esposti finanziariamente con le aziende di combustibili fossili, principali colpevoli della crisi climatica, per un valore di 1.400 miliardi di dollari».

È la denuncia del nuovo rapporto di Greenpeace International "It's the finance sector, stupid" che «dimostra anche come a Davos siano presenti le cinque compagnie assicurative con i maggiori investimenti a copertura di impianti e infrastrutture legate al carbone, il peggior combustibile fossile», riferisce l'associazione ambientalista in una nota.

Prendendo come riferimento il periodo che va dalla firma dell'accordo di Parigi nel 2015 al 2018, spiega Greenpeace, «emerge che le 24 banche presenti a Davos hanno finanziato l'industria dei combustibili fossili per un valore di circa 1.400 miliardi di dollari, che equivale al patrimonio complessivo dei 3,8 miliardi di persone più povere del Pianeta nel 2018».

Il rapporto, prosegue Greenpeace, «denuncia come banche, fondi pensione e assicurazioni che prendono parte al Forum di Davos ne tradiscano di fatto, sia da un punto di vista ambientale che economico, l'obiettivo di migliorare lo stato del mondo», quindi «sono colpevoli per l'emergenza climatica».

Nonostante «i numerosi avvertimenti sia dal punto di vista ambientale che economico, questi colossi stanno alimentando un'altra crisi finanziaria globale continuando a sostenere l'industria dei combustibili fossili», afferma Jennifer Morgan, direttrice esecutiva di Greenpeace International, osservando che «sono semplicemente degli ipocriti: dicono di voler salvare il Pianeta ma lo stanno uccidendo per fare profitti».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 8 mesi fa su tio
Le soluzioni praticabili sono note, da decenni, si tratta di dotarsi d’impianti di cattura e stoccaggio del carbonio. La tecnologia ben collaudata, ma viene utilizzata solo su piccola scala.
Bandito976 8 mesi fa su tio
Come si dice? Il dio soldo compra proprio tutto! Perfino l’inquinamento. Peccato che quello poi rimane nell’ambiente e non si cancella.
miba 8 mesi fa su tio
Mah...proprio tutti i torti Greenpeace non li ha....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-22 18:41:34 | 91.208.130.86