Immobili
Veicoli

VAUDCredit Suisse, il licenziamento dell'ex dirigente non è abusivo

19.09.22 - 12:00
Il Tribunale federale ha respinto il caso dell'uomo, dopo che questi aveva contestato il suo allontanamento
tipress
Fonte ats
Credit Suisse, il licenziamento dell'ex dirigente non è abusivo
Il Tribunale federale ha respinto il caso dell'uomo, dopo che questi aveva contestato il suo allontanamento

LOSANNA - Il Tribunale federale ha respinto il caso di un ex dirigente del Credit Suisse che aveva contestato il suo licenziamento. L'uomo ha diretto il desk di Ginevra del dipartimento Nord America tra la metà degli anni '90 e il 2011 e, in questa veste, ha partecipato a operazioni volte a mantenere e incrementare i clienti statunitensi nonostante le norme sempre più severe attuate da Washington per combattere l'evasione fiscale.

L'uomo è stato incriminato nel febbraio 2011 da un tribunale statunitense per associazione a delinquere finalizzata alla frode agli Stati Uniti. È stato accusato di aver incontrato i clienti oltreoceano, telefonando loro per discutere dei conti non dichiarati o raccomandando loro di trasferire i loro beni per evadere le tasse statunitensi.

Il Credit Suisse lo ha immediatamente esonerato dall'obbligo di lavorare, ma lo ha retribuito fino al suo licenziamento, avvenuto a fine agosto 2014. Nei mesi successivi, la banca ha chiuso tutti i rapporti (conti, crediti, mutui) con l'ex dipendente. Queste misure sono il risultato di un accordo con il Dipartimento delle Finanze dello Stato di New York. D'altra parte, la banca si è assunta i costi della causa negli Stati Uniti, che ammontavano a quasi 420.000 franchi e 1,3 milioni di dollari.

Indennità consistenti - Nel 2015, l'ex dirigente ha portato la banca davanti al Tribunale dei probiviri di Ginevra e ha chiesto circa 280.000 franchi per licenziamento abusivo, 200.000 franchi svizzeri per danni morali e 6,8 milioni di dollari per le future spese legali negli Stati Uniti. Il tribunale gli ha riconosciuto 260.000 franchi per il primo motivo e 20.000 franchi svizzeri per il secondo.

La sentenza è stata ribaltata dalla Corte di giustizia di Ginevra, che ha stabilito che l'ex dirigente e il team hanno ripetutamente violato le leggi statunitensi e le linee guida interne della banca. È vero che anche il suo superiore, il capo del dipartimento Nord America, aveva commesso violazioni, in particolare facendo modificare i rapporti di viaggio prima di comunicarli alle autorità superiori. Tuttavia, il Credit Suisse non può essere accusato di aver incoraggiato i propri dipendenti a violare le regole.

In una sentenza pubblicata lunedì, il Tribunale federale ha confermato questa decisione. Ritiene che il ricorrente non abbia dimostrato che i due livelli gerarchici superiori fossero a conoscenza delle pratiche del dipartimento volte a eludere le regole del fisco americano.

Ammissioni non modificano colpa - Anche le ammissioni del Credit Suisse alle autorità statunitensi non stabiliscono la responsabilità diretta della banca visto che sono stati incriminati solo singoli dipendenti che non hanno rispettato la legge. Questo nonostante gli americani - e l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) - abbiano criticato anche l'inadeguata supervisione e gli obiettivi di rendimento e i bonus che avrebbero potuto incoraggiare i dipendenti a superare la linea rossa.

Secondo i giudici di Mon Repos, i colleghi ginevrini non hanno fatto mistero del ruolo del capo del dipartimento Nord America, che aveva consigliato al ricorrente di mentire sullo scopo delle sue visite negli Stati Uniti o di viaggiare nei fine settimana per farle sembrare vacanze.

È chiaro che, se questo superiore avesse fatto rispettare le direttive in vigore, il ricorrente non avrebbe certamente effettuato operazioni contrarie alla legge americana. Tuttavia, l'ex quadro non era un «semplice subordinato in fondo alla scala gerarchica», ma piuttosto un «dirigente di alto livello che conosceva bene il sistema e con una vasta esperienza", ha sottolineato la prima corte di diritto civile. Era quindi in grado di capire che le istruzioni del responsabile del dipartimento Nord America contravvenivano ai regolamenti della banca e alla legge statunitense.

I giudici hanno ammesso che la comunicazione di questi fatti all'ufficio di revisione avrebbe potuto esporre il ricorrente a una perdita di reddito. Ma l'uomo era al corrente dei rischi e se la sua «facoltà di giudizio è stata offuscata per così tanto tempo», è perché ne ha tratto un vantaggio economico. In queste circostanze, la colpa della banca - attraverso il responsabile del reparto - non è tale da relegare in secondo piano la propria colpa.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE