Keystone (archivio)
SVIZZERA / BELGIO
19.01.2021 - 16:560
Aggiornamento : 20.01.2021 - 09:45

Torna dalla settimana bianca e manda 5'000 persone in quarantena

Durante le vacanze di Natale una donna belga ha contratto la variante inglese del virus nel nostro Paese.

Al suo rientro ha seguito le indicazioni delle autorità solo in parte. Risultato: due scuole chiuse per una settimana e migliaia di persone in quarantena.

EDEGEM - Una residente del comune di Edegem, comune situato nelle Fiandre, poco lontano da Anversa, si è recata sulle montagne svizzere per trascorrere le vacanze natalizie sulla neve. Tornata a casa dopo una settimana, il suo comportamento ha causato la quarantena di 5'000 persone e le chiusura di due scuole, come riferisce l'emittente belga RTBF.

Cronologia degli eventi - In Belgio le regole emanate dalle autorità sono chiare per tutti i viaggiatori che rientrano da una cosiddetta zona rossa: sette giorni di quarantena e due test. Tuttavia, la madre, divorziata, non ha seguito alla lettera queste linee guida. Il giorno dopo il suo ritorno (27 dicembre), infatti, la figlia che era rimasta in Belgio con il padre è tornata a vivere con lei. Il giorno successivo, la donna ha effettuato il suo primo test, che si è rivelato negativo. Qualche giorno più tardi (3 gennaio) la ragazza è tornata a trovare suo padre, mentre la madre ha preceduto con il secondo test, che questa volta è risultato positivo.

Contagi a catena - Il 4 gennaio sono riprese le lezioni scolastiche. Due giorni dopo, la ragazza ha iniziato a presentare dei lievi sintomi. È stata quindi testata, così come suo padre e il resto della sua famiglia. Poiché i test sono risultati positivi, sono stati tutti posti in quarantena prolungata, sospettando un'infezione da parte del ceppo britannico del virus. La ragazza aveva purtroppo già contagiato un altro allievo, che a sua volta aveva contagiato la madre, un'insegnante di un'altra scuola situata a Kontich. Si è scoperto in seguito che si trattava effettivamente della variante inglese, nota per essere molto contagiosa.

«Abbiamo deciso di non polemizzare» - Le due scuole hanno quindi deciso in via precauzionale di chiudere per una settimana e più di 5'000 persone - studenti, insegnanti e le loro famiglie - sono state messe in quarantena. «Abbiamo deciso di non polemizzare. Ma se tutti seguissero le regole, non saremmo in una situazione del genere. Migliaia di persone devono restare in quarantena per la negligenza di pochi», ha dichiarato al quotidiano belga Het Laatste Nieuws il sindaco di Edegem (lui stesso in quarantena, visto che i suoi due figli frequentano la scuola di Edegem).

«La polizia non può bussare a tutte le porte» - «Spero non sia troppo tardi. Il numero dei contagi nella nostro comune non sembra essere aumentato in modo significativo fino ad ora. Ma temo un aumento di queste cifre durante la settimana», ha proseguito il sindaco. Che aggiunge: «Controlleremo più da vicino gli abitanti per vedere se rispettano la quarantena? Aumentiamo la sensibilizzazione e renderemo le regole le più chiare possibili, ma non chiederemo alla polizia di bussare a tutte le porte». 

Da parte sua, il sindaco di Kontich ha ottenuto dal consiglio comunale l'autorizzazione a effettuare ulteriori controlli per garantire il rispetto delle quarantene.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 22:07:08 | 91.208.130.85