tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
41 min
Anche il sito del Canton San Gallo nel mirino degli hacker
La pagina è stata temporaneamente inaccessibile oggi a causa di un attacco di tipo DDoS.
SVIZZERA
1 ora
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
1 ora
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
LUCERNA
2 ore
La navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni fatica a riprendersi
L'estate 2021 si è chiusa con un +30% rispetto al 2020. Ma risulta ancora in flessione nel confronto con il pre-crisi
SAN GALLO
3 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
3 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
4 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
5 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
6 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
GRIGIONI
6 ore
Incidente a catena in autostrada
Coinvolte nello scontro due automobili e un camion.
SAN GALLO
6 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
BERNA
30.03.2020 - 16:380
Aggiornamento : 18:42

«Ora che sono guarita prendo i mezzi pubblici senza paura»

Non solo infezioni, ma anche guarigioni. E c'è chi, forte dei presunti anticorpi, si sente fuori pericolo

Dall'Ufficio federale della sanità pubblica tuttavia il monito a restare attenti e non abbassare la guardia

BERNA - I laboratori svizzeri stanno ricevendo i primi test sugli anticorpi Covid-19 che verranno effettuati a partire dalla prossima settimana. Questi serviranno a rilevare il numero di coloro che si sono ripresi dal coronavirus. Gli esami, secondo il portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica Daniel Koch, dovranno essere effettuati a un numero ampio di persone.

Il motivo? Chi è sopravvissuto al coronavirus e quindi ha gli anticorpi corrispondenti nel sangue è probabilmente immune a una ricaduta. Nonostante vi siano notizie di individui nuovamente infettati, questa - secondo Koch - «non è certamente la regola».

Quanti sono sopravvissuti al virus corona? - Stando all' UFSP, le infezioni confermate ad oggi sono 15'475. Il numero preciso degli ammalati ora guariti non è noto e, come per i positivi, anche il numero di casi non segnalati è elevato tra quelli che si sono ripresi, poiché la malattia spesso è asintomatica.

Una sopravvissuta al coronavirus è Milena C., infermiera presso un ospedale regionale nel canton Berna. «Probabilmente ho contratto il virus sul treno», spiega a 20 Minuten. «Mi sono trovata nello stesso scompartimento di un uomo che tossiva molto. Probabilmente è stata quell'occasione».

Ha continuato a lavorare con la mascherina - La settimana successiva, C. ha iniziato a lamentare dei mal di gola. A quel punto è stata sottoposta al test. Nel frattempo, ha continuato a lavorare secondo le regole del suo ospedale, quindi indossando una mascherina. Risultata positiva, però, ha dovuto restare isolata in casa.

Fortunatamente, la sua malattia è stata lieve: «Ho sperimentato il coronavirus come un'influenza normale». A parte la tosse, il mal di gola e qualche linea di febbre, il tutto si è risolto senza il ricorso a cure particolari, nell'arco di un paio di settimane.

«Devo stare meno attenta» - Questa settimana a C. è permesso uscire dalla quarantena e tornare a lavorare. Non sa ancora se verrà usata in modo diverso a causa della presunta immunità o se potrà perfino evitare alcuni accorgimenti entrando a contatto con pazienti positivi al Covid-19.

Ma una cosa le è chiara: «Devo stare meno attenta. Ora posso prendere i mezzi pubblici o fare la spesa con la coscienza pulita». Tuttavia, l'infermiera è ancora indecisa sull'andare a trovare o meno la nonna, che presto compirà gli anni.

Le regole di condotta devono ancora essere rispettate - Questa settimana, Daniel Koch ha precisato che coloro che si sono ripresi dal virus possono ritenersi fortunati ma «dovrebbero comunque rispettare la normativa vigente», anche perché è impossibile distinguerli da tutti gli altri.

Dai sintomi lievi al ricovero - DM, che lavora per un'azienda di tecnologia medica, è un altro caso di guarigione dal virus. Sostiene di averlo contratto durante una riunione di lavoro. «All'inizio i sintomi erano lievi», spiega. Poi, però, la situazione è peggiorata. Quando ha iniziato ad avvertire "fame d'aria", è stato trasferito all'ospedale universitario di Zurigo. «Ho capito che era qualcosa di grave». Sull'ambulanza, aggiunge «nessuno era seduto sul retro assieme a me. E tutti erano protetti con una maschera, guanti e tuta».

L'isolamento gli è stato imposto anche in ospedale. «Le misure erano molto severe», assicura. Era trasportato in sedia a rotelle dal personale infermieristico e non gli era permesso di camminare da solo. Anche nella stanza, tutti si tenevano a debita distanza. «Gli infermieri spesso mi chiamavano e raramente venivano personalmente».

Nel frattempo M. è di nuovo in salute, può uscire e lavorare. Tuttavia, è attualmente "confinato a casa" come previsto dal suo datore di lavoro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 18:39:22 | 91.208.130.89