SVIZZERASi va verso un rimpasto dei Dipartimenti?

02.11.22 - 17:17
Gli addii contemporanei di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga aprono le porte a diversi scenari nella stanza dei bottoni.
Depositphotos (Bareta)
Fonte ats
Si va verso un rimpasto dei Dipartimenti?
Gli addii contemporanei di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga aprono le porte a diversi scenari nella stanza dei bottoni.

BERNA - Con la partenza di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga sono due dipartimenti ambiti a essere vacanti, quello delle finanze (DFF) e quello dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC). Vista la loro attrattiva, è poco probabile che finiscano nelle mani dei neoeletti. Un rimpasto è probabile.

L'attuale distribuzione delle poltrone in seno al Consiglio federale risale al 2019. Guy Parmelin aveva abbandonato la difesa e lo sport (DDPS) per l'economia, la formazione e la ricerca (DEFR), dipartimento apparentemente voluto anche da Karin Keller-Sutter. Viola Amherd si era profilata per assumere le redini di giustizia e polizia, che finirono però nelle mani della sangallese. La vallesana si era così dovuta accontentare del DDPS.

Entrambe le consigliere federali potrebbero ora volere un cambiamento. Completato l'acquisto degli F-35, Amherd potrebbe lasciare il DDPS con la coscienza tranquilla e accasarsi al DFGP, se Keller-Sutter dovesse ad esempio finire alle finanze.

Amherd potrebbe però anche seguire le orme della sua compagna di partito Doris Leuthard, che diresse il DDPS prima di Sommaruga. I nuovi arrivati assumerebbero in questo caso le redini di DFGP e DDPS. Ma le carte potrebbero rimescolarsi ulteriormente qualora anche uno degli altri consiglieri federali dovesse decidere di cambiare dipartimento.

Dopo aver ottenuto il dipartimento che voleva, il DEFR, Guy Parmelin non dovrebbe muoversi. Il discorso potrebbe però essere diverso per Ignazio Cassis e Alain Berset. Il ministro degli esteri è sotto pressione per via delle difficili relazioni con Bruxelles, dopo la bocciatura dell'accordo quadro. Il ticinese potrebbe vivere una seconda giovinezza alle finanze, dipartimento che i partiti borghesi non vogliono lasciare alla sinistra.

Quanto ad Alain Berset, dopo l'importante vittoria concernente la riforma dell'AVS potrebbe aver voglia di cambiare aria, lui che ha diretto il Dipartimento degli interni (DFI) per oltre dieci anni. Avendo un dottorato in scienze economiche, un suo passaggio al DFF è tutto fuorché utopico. Anche un suo passaggio al DFAE non è da escludere: in gioventù aveva frequentato un corso per diplomatici, prima di darsi alla politica. Possibile anche un arrocco con Ignazio Cassis.

COMMENTI
 
Uluru 2 mesi fa su tio
I due liberali faranno sicuramente un rimpasto, ma per pura strategia di cadreghe: visto che una delle due scanchigna, cambiando entrambi i dipartimenti oggi permetterà ai liberali, tra un anno e indipendentemente da come andranno le elezioni federali, di sostenere la tesi per cui l’assemblea dovrà rieleggere entrambi i consiglieri federali, con la motivazione che non avrebbe alcun senso cambiare 2 volte il capo dipartimento in un solo anno. Scommettiamo?
Raptus 2 mesi fa su tio
Comunque vada, siamo fottu**...
Sara788 2 mesi fa su tio
attendiamo con ansia quello di [email protected]!!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE