Immobili
Veicoli

SVIZZERAUn inverno caldo potrebbe evitare la carenza energetica

25.09.22 - 10:11
Le previsioni meteorologiche suggeriscono temperature miti tra dicembre e febbraio. Gli esperti sono fiduciosi.
20min/Comunità
Un inverno caldo potrebbe evitare la carenza energetica
Le previsioni meteorologiche suggeriscono temperature miti tra dicembre e febbraio. Gli esperti sono fiduciosi.

BERNA - Le previsioni meteorologiche per il prossimo inverno potrebbero scongiurare lo spauracchio di una possibile carenza di energia. Se le temperature dovessero rimanere miti tra dicembre e febbraio, la Svizzera avrebbe bisogno di molta meno energia, riducendo così la probabilità di rimanere senza elettricità.

È quanto sostengono i ricercatori americani del National Centers for Environmental Prediction (NCEP) interpellati dalla SonntagsZeitung. Il Centro nazionale per la previsione ambientale prevede un autunno caldo e un inverno mite in Svizzera. Lo stesso istituto aveva già previsto un'estate calda e secca.

Il peso della Germania sulla Svizzera - Anche per la Germania e il resto dell'Europa le previsioni dell'istituto americano sono positive. Il clima tedesco, in particolare, è importante anche per la Svizzera. Nel caso in cui le temperature in Germania dovessero scendere, le forniture di gas per la Svizzera potrebbero ridursi.

Complessivamente, sono circa sette gli istituti che pubblicano le tendenze meteorologiche a lungo termine. Anche il servizio meteorologico tedesco è ottimista. Gli altri sono più cauti. Ma tutti prevedono almeno un leggero aumento delle temperature superiori alla media. Nessuno degli istituti prevede un'ondata di freddo che comporterebbe un consumo energetico particolarmente elevato.

Previsioni a lungo termine incerte - Sebbene le previsioni siano effettuate con proiezioni complesse su base scientifica e siano in costante miglioramento, i meteorologi sottolineano che le previsioni a lungo termine, soprattutto per l'Europa, sono ancora soggette a incertezze.

L'analisi delle temperature medie tra dicembre e febbraio mostra che in tutti gli anni in cui la temperatura è stata superiore alla media, la Svizzera ha consumato meno elettricità del solito. Un confronto tra gli estremi degli ultimi dieci anni mostra il potenziale di risparmio: nell'inverno più freddo rispetto a uno molto mite, i fornitori di energia elettrica hanno dovuto fornire in aggiunta molta più elettricità di quanta ne serve in un anno intero.

NOTIZIE PIÙ LETTE