Immobili
Veicoli

SVIZZERA«Cosa aspetta Berna a far arrivare il vaccino contro il vaiolo delle scimmie?»

19.08.22 - 12:01
Critiche da parte di Pink Cross sulla lentezza del Governo. Una vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie non è attualmente autorizzata in Svizzera
AFP
«Cosa aspetta Berna a far arrivare il vaccino contro il vaiolo delle scimmie?»
Critiche da parte di Pink Cross sulla lentezza del Governo. Una vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie non è attualmente autorizzata in Svizzera
Siamo il sesto Paese più colpito al mondo in termini di numero di casi per milione di abitanti.

BERNA - Finora in Svizzera sono state segnalate 392 infezioni da vaiolo delle scimmie. Secondo l'emittente televisiva svizzera di lingua francese RTS, la Svizzera è il sesto Paese più colpito al mondo in termini di numero di casi per milione di abitanti. 

Esiste una vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie, ma non è ancora stata approvata in Svizzera. «L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sta lavorando intensamente da settimane per procurarsi il più rapidamente possibile un vaccino contro la malattia infettiva e per metterlo a disposizione delle persone particolarmente a rischio», spiega il portavoce Daniel Dauwalder. Tuttavia, non è ancora possibile dire con certezza quando e per quali gruppi a rischio un vaccino potrà essere effettivamente disponibile in Svizzera.

«Comprendiamo l'incertezza che regna nella comunità degli uomini che fanno sesso con altri uomini. Le loro preoccupazioni sono prese sul serio e stiamo lavorando sulle possibili strategie», afferma Dauwalder. Queste strategie prevedono la fornitura di vaccini e farmaci, ma anche sforzi di prevenzione e informazione.

I medici devono essere sensibilizzati

«La maggior parte delle infezioni da vaiolo colpisce purtroppo gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini», afferma Roman Heggli, direttore esecutivo di Pink Cross, l'organizzazione svizzera che riunisce uomini gay e bisessuali. La società non dovrebbe trattare gli uomini gay e bisessuali in modo diverso solo per la loro inclinazione, ad esempio evitandoli o sminuendo l'importanza di quanto sta accadendo: sarebbe stigmatizzante e discriminatorio. Inoltre, Pink Cross chiede al governo federale di agire. «C'è il sospetto che la politica sia lenta a reagire perché sono colpiti 'solo' gli uomini omosessuali e bisessuali», dice Heggli.

Il direttore esecutivo critica ad esempio il fatto che, sebbene sia disponibile un vaccino, finora non è stato reso disponibile in Svizzera: «Anche se c'è una vaccinazione, gli uomini gay e bisessuali sono abbandonati a se stessi, devono cavarsela da soli. Questa situazione deve cambiare al più presto».

Ma anche i cantoni hanno un ruolo da svolgere: «Nella ricerca dei contatti, le persone interessate devono essere trattate con sensibilità e i loro timori devono essere presi sul serio», afferma Heggli. Chiede inoltre che i medici siano sensibilizzati. «Chi non ha ancora fatto outing dovrebbe essere in grado di parlarne con il proprio medico e trovare una soluzione, che possa essere raccontata a chi gli sta intorno», conclude Heggli.

L'epidemia di vaiolo delle scimmie è in aumento. Il primo caso di malattia è stato segnalato nel Regno Unito il 7 maggio e circa due settimane dopo si contavano già centinaia di casi al di fuori dell'Africa. Il 18 agosto, l'autorità sanitaria statunitense CDC ha riportato 39.434 casi confermati in tutto il mondo, 39.047 dei quali si sono verificati in regioni in cui il virus non era stato precedentemente un problema. Anche la Svizzera è interessata dall'epidemia: Il primo caso nel nostro paese è stato segnalato il 21 maggio 2022 nel cantone di Berna. Il vaiolo delle scimmie è diventato notificato in Svizzera solo due mesi dopo, il 20 luglio 2022. Poco dopo, il vaiolo delle scimmie è stato dichiarato un'emergenza sanitaria internazionale dal direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA