Immobili
Veicoli

GINEVRADietrofront sul divieto, i Verdi ginevrini possono tornare a mangiare carne

11.06.22 - 16:56
Il partito si dice comunque «soddisfatto di aver messo al centro del dibattito la riduzione del consumo di carne».
Deposit
Fonte Ats
Dietrofront sul divieto, i Verdi ginevrini possono tornare a mangiare carne
Il partito si dice comunque «soddisfatto di aver messo al centro del dibattito la riduzione del consumo di carne».

GINEVRA - Passo indietro dei Verdi ginevrini, che nelle scorse settimane avevano suscitato un largo dibattito proibendo ai loro parlamentari e membri di esecutivi di mangiare carne quando rappresentano il partito, per esempio nell'ambito di un evento.

Dopo un dibattito definito «ricco e sereno», l'assemblea dei delegati - riferisce la formazione politica in un comunicato - ha oggi optato per un emendamento meno preciso. «I futuri eletti si impegnano ad agire in conformità con i valori del programma del Partito Verde di Ginevra», è la formula scelta.

«Il partito è molto soddisfatto di aver messo al centro del dibattito la riduzione del consumo di carne, che ora compare anche nel capitolo 'energia e clima' del programma», si legge nella nota. «Siamo consapevoli dei cambiamenti necessari per raggiungere gli obiettivi climatici ed è nostro dovere continuare a guidare il dibattito, essere una forza propositiva e sviluppare una società che rispetti i limiti del pianeta e degli esseri umani. Se è stata dichiarata l'emergenza climatica, è perché possiamo rispondere. Tutti noi, collettivamente!».

La decisione di pretendere dai candidati a poltrone pubbliche una dieta perlomeno vegetariana - se non vegana - era stata presa dal congresso del partito cantonale il 21 maggio ed era stata giustificata con la necessità di promuovere la coerenza fra i grandi principi e gli approcci concreti personali. Il tema ha fatto parecchio discutere in Romandia, arrivando a interessare anche il resto della Svizzera.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA