Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»

16.05.22 - 08:53
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
Keystone
SVIZZERA
16.05.22 - 08:53
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
La NZZ: «Rafforza l'unità europea, anche nella difesa contro l'aggressione russa al mondo libero». Il Tages-Anzeiger: «Ha pesato il rischio di esclusione da Schengen».

BERNA - La chiara approvazione all'espansione dell'agenzia europea della guardia di frontiera e costiera Frontex, uscita ieri dalle urne, può essere letta secondo la stampa elvetica come un sì del popolo svizzero alla stabilità delle relazioni con l'UE in questi tempi difficili.

«Frontex rafforza l'unità dell'Europa - anche nella difesa contro l'aggressione russa al mondo libero», scrive un commentatore sulla "Neue Zürcher Zeitung", secondo cui le argomentazioni attiviste del comitato referendario non sono riuscite a fare presa sui votanti. Proprio per il fatto che in passato Frontex ha commesso errori grossolani, comportamenti scorretti sottolineati nel corso della campagna in vista della votazione e che hanno portato addirittura alle dimissioni del capo dell'organizzazione, un miglioramento dell'agenzia si rende necessario, rileva il foglio zurighese.

Rischio di esclusione da Schengen
Secondo il "Tages-Anzeiger", la maggioranza dei votanti ha tenuto conto più del rischio di esclusione della Svizzera dall'area Schengen che di altri argomenti e ciò nonostante PS e Verdi avessero ripetutamente affermato che questo pericolo non esisteva.

La Svizzera ha fatto bene a sostenere l'espansione di Frontex, scrive il commentatore del "Blick". Se il Paese vuole beneficiare della libertà di viaggiare e di una certa sicurezza, deve partecipare pienamente a questo progetto. Più Frontex cresce e di conseguenza riceve più fondi, più aumentano le sue responsabilità.

È indiscutibile che Frontex debba essere riformata, rileva la "Aargauer Zeitung", ma PS e Verdi hanno commesso un errore lanciando il referendum, infatti neppure la loro base ha seguito le indicazioni di voto dei presidenti dei due partiti.

Critiche per l'operato di Frontex
Il referendum contro il contributo svizzero di Frontex era animato da buone intenzioni. Ma ha avuto l'effetto opposto, secondo il portale di notizie"watson.ch": ha infatti rafforzato la politica della linea dura in materia migratoria e ha cementato la"Fortezza Europa".

Le critiche a Frontex, ai suoi fallimenti e alla sua cattiva condotta nel trattare le persone che cercano aiuto alle frontiere esterne dell'Unione, sono state discusse in modo relativamente ampio durante la campagna in vista della votazione. Tuttavia, la maggioranza dei cittadini non vuole evidentemente mettere a repentaglio la cooperazione con l'UE nell'area Schengen, sottolinea la "SRF".

Gli oppositori di Frontex non sono riusciti a far passare i loro due argomenti principali, rileva"Le Temps". I dogmatici hanno puntato su una totale abolizione di Frontex, mentre quelli più moderati invitavano a dire"no" all'Europa per aprire la strada a una Svizzera più umana.

Relazioni con l'Ue
Il quotidiano friburghese "Liberté" osserva che i cittadini hanno voluto continuare a fare parte dell'area Schengen. In caso di vittoria del"no", la Svizzera sarebbe infatti stata minacciata di esclusione. Uno scenario del genere ha spaventato molti votanti, che temevano un ulteriore degrado delle relazioni con l'UE dopo il fallimento dell'accordo quadro.

Anche "24 Heures" e la"Tribune de Genève" sottolineano questo aspetto: Il risultato della votazione non costituisce un assegno in bianco. Il sì a Frontex è stato innanzitutto un impegno nei confronti di Schengen. I cittadini sanno cosa devono all'accordo, ovvero la libertà di viaggiare in Europa e la sicurezza oltre i propri confini.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA