Immobili
Veicoli
Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
LUCERNA
50 min
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GINEVRA
10 ore
Auto sulle bancarelle, «andava a 140 chilometri orari»
Una persona è rimasta gravemente ferita alla gamba, ma la sua vita non è in pericolo. Le testimonianze dei commercianti
GRIGIONI
13 ore
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
15 ore
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
17 ore
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
BERNA
19 ore
Elicottero si schianta sul Wiriehorn
A bordo c'erano due persone, entrambe ferite. Una di loro sarebbe in gravi condizioni
SVIZZERA
19 ore
Croce Rossa, Barbara Schmid-Federer è la nuova presidente
L'ex consigliera nazionale resterà a disposizione per una rielezione alla presidenza fino al 2027
SVIZZERA
19 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
21 ore
«Basta armi e guerra, Bruxelles deve negoziare con Putin»
In caso contrario, spiega la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher, il continente rischia una profonda crisi
SVIZZERA
21 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
SVIZZERA
11.05.2022 - 11:030

Aiuto sociale nell'asilo, la guerra in Ucraina ne mostra i limiti

La Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali: «Un problema di cui ora si parla»

BERNA - Il massiccio arrivo in Svizzera di profughi ucraini per le autorità cantonali non è solo una sfida per la gestione degli alloggi o della scolarizzazione dei bambini ma, come una cartina di tornasole, rivela i limiti dell'aiuto sociale nel settore dell'asilo. Una soluzione è ancora lontana.

«A causa dei rifugiati dell'Ucraina ora della questione si parla. Prima, quando si trattava di siriani e afghani, non c'è nessuno che ha prestato attenzione» al tema, dice in un'intervista pubblicata oggi dai giornali dell'editore Tamedia Nathalie Barthoulot, presidente della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS).

Spesso nell'ambito dell'aiuto sociale, e in particolare quello rivolto alle persone che dipendono dal settore dell'asilo, si punta il dito contro il federalismo e la conseguente mancanza di armonizzazione a livello nazionale. «Attualmente gli approcci sono diversi, è innegabile», dice la consigliera di Stato giurassiana del PS.

«Il diritto federale stabilisce che l'aiuto sociale per l'asilo deve essere inferiore a quello per i residenti. Non precisa però di quanto debba essere più basso. Finora non ci sono state raccomandazioni in materia, perché non è auspicato politicamente. Ma la crisi attuale ha portato il tema sotto i riflettori».

In occasione dell'assemblea plenaria, la CDOS ha deciso di elaborare un'analisi sistematica della questione. Non è detto che le differenze tra Cantoni per la copertura dei bisogni di base siano effettivamente molto disparate. «Questo perché i Cantoni pagano cose diverse con fondi separati, alcuni ad esempio per indennità di vestiario».

Anche meno di 3 franchi per un pasto
L'aiuto sociale per l'asilo deve bastare per cibo, articoli di igiene e abiti. In alcuni Cantoni, questo significa che per un pasto principale sono disponibili meno di tre franchi a persona. «In effetti è molto poco. Come socialdemocratica, questo mi preoccupa. Ma fa parte della politica d'asilo. Forse dovremmo anche pensare allo status dell'ammissione provvisoria. Qualche tempo fa, il Consiglio federale ha presentato delle varianti per una riforma. Ma in parlamento non c'è stata una maggioranza per le proposte. La direzione della CDOS avrebbe sostenuto una riforma - e ora spera che la discussione venga ripresa. Ciò è quanto abbiamo discusso nell'assemblea plenaria», aggiunge la direttrice del Dipartimento cantonale giurassiano dell'interno.

L'ammissione provvisoria è legata allo statuto di protezione S, di cui beneficiano i profughi ucraini. «Abbiamo discusso come procedere, se questo statuto debba essere revocato dopo un anno o no. I Cantoni vorrebbero che anche questo aspetto venisse esaminato. Perché con lo statuto S c'è una disparità di trattamento tra rifugiati di origini diverse. A lungo termine, non vogliamo che si perpetui», afferma la 53enne.

Nessuna soluzione in vista
Soluzioni sono ancora lontane: «Ora vogliamo avere una visione d'insieme di tutto ciò. Vedremo cosa succederà dopo. È una questione delicata».

Più a breve termine i Cantoni, responsabili dell'alloggio dei profughi ucraini, sono confrontati con la sfida delle «persone con bisogni particolari: minorenni, malati, persone con disabilità. Abbiamo chiesto alla Confederazione di tenere queste persone sotto la sua tutela ancora per un po', in modo da poter preparare una sistemazione sostenibile con il giusto contesto assistenziale nei cantoni. Un altro problema è la mancanza di personale qualificato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 09:21:44 | 91.208.130.85