Immobili
Veicoli

GRIGIONIUna notte a 18'433 franchi, con vista sul Wef

10.05.22 - 17:17
A Davos torna il World Economic Forum, per la prima volta fuori stagione. E i prezzi sono alle stelle
Screenshot Airbnb
Fonte 20 Minuten/ Barbara Scherer
Una notte a 18'433 franchi, con vista sul Wef
A Davos torna il World Economic Forum, per la prima volta fuori stagione. E i prezzi sono alle stelle

DAVOS - Dopo una pausa di due anni c'è grande attesa a Davos per il ritorno del World Economic Forum. Tra il 22 e il 26 maggio tra le montagne grigionesi arriveranno i "big" dell'economia e della politica mondiale, in un momento di "gelo" diplomatico a causa della guerra in Ucraina e di "disgelo" climatico a causa del surriscaldamento globale e non solo. L'evento è stato infatti spostato in primavera causa Covid. 

Intanto si sono surriscaldati non di poco i prezzi degli alberghi, in una stagione tradizionalmente bassa nella località sciistica. Forse anche negli hotel è arrivata l'inflazione? All'Edelweiss una camera tripla standard costa 17'197 franchi per cinque notti su Booking.com. Più di 4mila a notte. Quattro settimane dopo la stessa stanza scende sotto i 980 franchi.  

Le tariffe degli chalet o degli appartamenti privati sono ancora più alte. Su Airbnb a Davos Dorf si arriva fino a 18'433 franchi a notte per due camere da letto e un letto extra, disponibili solo per la durata del Wef. L'amministratore della stuttura, la società Miko GmbH, non è stata raggiungibile per informazioni. 

Anche altri proprietari privati applicano prezzi molto alti. Per esempio, un monolocale per una persona costa 10.383 franchi a notte durante il Wef. Per l'associazione turistica di Davos gli affittacamere stanno esagerando, e questo «è un male per l'immagine della regione» ha commentato a 20 Minuten Reto Branschi, Ceo di Destination Davos Klosters. «La situazione è diversa con gli alberghi o le agenzie professionali di appartamenti per vacanze: la maggior parte di loro ha degli accordi con il Wef». 

Gli accordi prevedono che le strutture rialzino i prezzi fino a un massimo del 20 per cento, mettendo a disposizione dell'evento tra l'85 e il 90 per cento delle camere. Anche alcuni affittacamere aderiscono all'accordo sui prezzi. «Ma la maggior parte di loro applica prezzi di fantasia troppo alti, che noi condanniamo», dice Branschi. 

Il fatto che il Wef si svolga ora in primavera è un cambiamento per Davos. Normalmente, molte imprese turistiche sono chiuse a maggio: per molti lavoratori del settore ricettivo ciò significa una pausa stagionale più breve. Ma per la località lo slittamento è anche un'opportunità secondo Branschi. «È una vetrina per le bellezze della montagna senza neve, e potrebbe incoraggiare il turismo fuori dalla stagione invernale» auspica l'esperto. 

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA