Immobili
Veicoli

SVIZZERA«Ci occuperemo dei crimini internazionali»

29.04.22 - 13:09
Casi complessi, terrorismo, crimini di guerra e mafie: le priorità del nuovo procuratore federale Blättler
tipress
Fonte ATS
«Ci occuperemo dei crimini internazionali»
Casi complessi, terrorismo, crimini di guerra e mafie: le priorità del nuovo procuratore federale Blättler

BERNA - Il nuovo procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler punta sulla lotta contro le organizzazioni criminali, il riciclaggio di denaro, il terrorismo e i crimini di guerra. Non vede la necessità di riorganizzare il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) dopo le vicissitudini del suo predecessore.

In una conferenza stampa oggi a Berna per tracciare un bilancio dopo i primi mesi di funzione, Blättler ha detto di non voler tornare sul passato e ha sottolineato più volte di voler guardare al futuro. "Non mi esprimerò su procedimenti di cui non sono responsabile".

Gli incontri segreti con il presidente della FIFA Gianni Infantino sono costati il posto all'ex procuratore federale Michael Lauber, che si è dimesso a metà del 2020 travolto dalla pressione pubblica.

Il nuovo procuratore generale ha anche difeso i suoi due vice, Jacques Rayroud e Ruedi Montanari. Hanno già lavorato sotto Lauber e dopo la partenza di quest'ultimo hanno guidato il MPC ad interim per un anno e mezzo. "Entrambi hanno svolto bene il loro lavoro", ha detto Blättler, lo dimostra anche l'attuale rapporto dell'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC).

Montanari, interrogato sull'operato sotto Lauber, ha detto che il suo compito principale era "essere leale con il suo capo". A questo proposito - ha aggiunto - ha dovuto mantenere un basso profilo come vice. "Non avevamo possibilità di intervento", ha risposto Montanari quando gli è stato chiesto perché non era stato in grado di impedire gli incontri di Lauber con Infantino.

"Varietà di sfide" - Nonostante il passato movimentato dell'autorità, non sono necessarie riforme fondamentali nell'organizzazione interna, secondo il procuratore generale. Negli ultimi quattro mesi, ha conosciuto "un'organizzazione ben funzionante, ben gestita e impostata professionalmente", ha detto Blättler. "In questa organizzazione, il lavoro viene svolto con grande impegno e in modo mirato".

Il nuovo procuratore generale ha sottolineato che il MPC ha dovuto affrontare una "moltitudine di sfide". Numerose procedure sono complesse. È importante avere una buona rete internazionale e una cooperazione funzionante con le autorità nazionali e cantonali. "Questa è la condizione fondamentale per il successo".

Pericolo di terrorismo ancora di grande attualità - Blättler ha elencato quattro campi su cui lui e il suo team si concentreranno nei prossimi mesi e anni. Il primo è il perseguimento delle organizzazioni criminali. La difficoltà in tale compito è provare la loro esistenza. "La cooperazione con le autorità straniere è essenziale".

La lotta contro la corruzione internazionale e il riciclaggio di denaro è un altra priorità del MPC, secondo Blättler. "Possiamo fornire il nostro contributo per una piazza finanziaria pulita". Tuttavia, ha detto, il Ministero pubblico della Confederazione è responsabile solo per i casi gravi.

L'autorità federale continua anche ad attribuire grande importanza alla minaccia del terrorismo. L'obiettivo in questo ambito deve essere quello di attivare più forze investigative congiunte. La cooperazione svizzera e internazionale è importante.

Lo stesso vale per i procedimenti riguardanti il diritto penale internazionale. Blättler vuole usare una task force per scovare possibili criminali di guerra nel conflitto in Ucraina. Il Ministero pubblico della Confederazione può aprire un procedimento solo se gli autori si trovano in Svizzera.

Chiarire le responsabilità - A proposito delle critiche mosse sulle lungaggini di molti procedimenti, Rayroud ha spiegato che i fatti sono spesso complessi, l'accusato ha numerose possibilità di appello e gli scambi con altri paesi non sono sempre facili.

Montanari ha sostenuto una ridiscussione delle responsabilità del MPC, in modo che quest'ultimo si concentri sui casi grossi e complessi o internazionali e lasci ai cantoni quelli minori.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA