Immobili
Veicoli
20min/Simon Glauser
SVIZZERA
01.04.2022 - 11:050

«Mobilitazione storica»: i cantoni si sono presi diverse libertà

Durante la pandemia parecchie risorse federali sono state mobilitate per supportare le autorità cantonali.

Un rapporto del Controllo federale delle finanze mostra criticità e, talvolta, abusi. In particolare in Romandia.

BERNA - Nel marzo 2020, in Svizzera si era parlato della «più grande mobilitazione» di esercito, Protezione civile e Servizio civile dalla Seconda guerra mondiale a oggi. E siccome con il senno di poi si è sempre più intelligenti, ora è possibile constatare che è stata con ogni probabilità più importante del necessario. È questa la conclusione di un'analisi effettuata dal Controllo federale delle finanze (CDF).

Nel marzo 2020, tutto è stato fatto in fretta e furia, il che potrebbe giustificare i problemi di coordinamento tra esercito, servizio civile e protezione civile rilevati dal CDF. Tuttavia, come nota lo stesso organismo, questi problemi erano già stati identificati nel corso di un'esercitazione svolta nel 2014. «Il flusso d'informazioni non ha funzionato allora e non ha funzionato nemmeno questa volta», afferma Il direttore Michel Huissod«. A suo avviso, dall'esercizio 2014 non è stata quindi appresa alcuna lezione. 

Tra i problemi individuati c'è ad esempio il fatto che i cantoni, volontariamente o meno, hanno trasferito alla Confederazione dei costi che avrebbero potuto (e dovuto) sostenere da soli. Il CDF ha constatato che sono stati assegnati compiti a membri della Protezione civile o dell'esercito quando avrebbero dovuto essere svolti da persone che erano... in orario ridotto e per le quali la Confederazione copriva già i costi. 

Intervistato dalla RTS, il consigliere di Stato di Ginevra Mauro Poggia ha respinto le critiche. «È sempre un po' buffo vedere questi controllori arrivare dopo la crisi e dirci cosa si sarebbe dovuto fare», ha detto, ricordando che anche i cantoni hanno elargito milioni per combattere la pandemia.

In termini di mobilitazione della Protezione civile, la Svizzera francese è stata la più esigente. Il CDF nota che la mobilitazione nel canton Vaud è stata dieci volte più grande che nel canton Berna, per una popolazione più piccola. Il fatto che la popolazione francofona sia stata più colpita non spiega questa differenza, secondo il CDF. «Alcuni compiti sono stati affidati alla PC quando invece i cantoni avrebbero potuto assumere persone disponibili sul mercato del lavoro».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 11:13:31 | 91.208.130.86