Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
LUCERNA
50 min
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GINEVRA
10 ore
Auto sulle bancarelle, «andava a 140 chilometri orari»
Una persona è rimasta gravemente ferita alla gamba, ma la sua vita non è in pericolo. Le testimonianze dei commercianti
GRIGIONI
13 ore
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
15 ore
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
17 ore
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
BERNA
19 ore
Elicottero si schianta sul Wiriehorn
A bordo c'erano due persone, entrambe ferite. Una di loro sarebbe in gravi condizioni
SVIZZERA
19 ore
Croce Rossa, Barbara Schmid-Federer è la nuova presidente
L'ex consigliera nazionale resterà a disposizione per una rielezione alla presidenza fino al 2027
SVIZZERA
19 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
21 ore
«Basta armi e guerra, Bruxelles deve negoziare con Putin»
In caso contrario, spiega la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher, il continente rischia una profonda crisi
SVIZZERA
21 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
22 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
URI
1 gior
Europa, difesa e migrazione: il PLR ne discute a Andermatt
I delegati si riuniscono oggi in assemblea. Presenti anche i consiglieri federali Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter
SVIZZERA
1 gior
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
1 gior
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
1 gior
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
1 gior
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
BELLINZONA
1 gior
FIFA, condannato l'ex segretario generale
L'ex dirigente Jérôme Valcke è stato incriminato a Bellinzona per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva.
SVIZZERA
1 gior
«Berna deve continuare a pagare i test»
La Commissione della sanità del Nazionale ritiene che questo sia un «pilastro fondamentale» nella lotta al Covid-19.
VAUD
1 gior
Quel duello socialista che potrebbe non esserci
Secondo indiscrezioni di stampa, Pierre-Yves Maillard e Roger Nordmann avrebbero trovato un compromesso.
FOTO
BERNA
1 gior
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
VALLESE
1 gior
Operaio muore travolto da alcuni massi
L'infortunio sul lavoro è avvenuto questa mattina in un cantiere di Verbier. Nulla da fare per un 47enne portoghese.
SVIZZERA
1 gior
L'abbattimento preventivo del lupo sarà «possibile»
Il progetto della CAPTE-S prevede che le popolazioni possano essere regolate per evitare danni o pericoli futuri.
SVIZZERA
1 gior
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
1 gior
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
1 gior
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
VAUD
1 gior
Mussolini rimane dottore honoris causa dell'Università di Losanna
L'ateneo ha riconosciuto «il grave errore», ma ha deciso di non revocare l'attestato e optare per altre misure
SVIZZERA
16.02.2022 - 23:180

Certificati, mascherine e test: le risposte alle domande più frequenti

Le restrizioni sono state quasi completamente abrogate. Ma rimangono in vigore alcuni provvedimenti.

In Svizzera il certificato covid è stato cestinato, ma servirà ancora per poter viaggiare all'estero. Le mascherine si possono lasciare a casa, a meno che non si debba prendere un mezzo pubblico o accedere a una struttura sanitaria. Le persone sintomatiche devono continuare a sottoporsi ai test.

BERNA - Nonostante l'abrogazione della maggior parte dei provvedimenti attualmente in vigore per far fronte alla pandemia, presentati nel dettaglio oggi dal Consiglio federale, in alcuni settori e/o per alcune attività non ci sarà ancora una completa libertà. Ecco quindi alcune risposte alle domande più frequenti che possono sorgere dopo le novità odierne e che riguardano il certificato COVID, l'uso delle mascherine, il regime di test e le regole per entrare in Svizzera.

CERTIFICATO COVID

In quali settori è ancora necessario un certificato COVID?
Il Consiglio federale ha deciso di abrogare l’obbligo del certificato in Svizzera. Alcuni Cantoni hanno tuttavia fatto presente che manterranno in vigore l’obbligo del certificato in alcuni luoghi. Si presume inoltre che il certificato che attesta una vaccinazione, una guarigione o un test negativo sarà mantenuto nel traffico internazionale viaggiatori (in particolare nell’area Schengen) nonché in determinati Paesi per frequentare p.es. i ristoranti.

I certificati COVID rimangono salvati nell’app «COVID Certificate» anche dopo che quest’ultima è stata disinstallata?
No, disinstallando l’app «COVID Certificate» si perdono i certificati COVID in essa contenuti. Ciò vale anche nel caso di sostituzione o smarrimento del cellulare. Pertanto si raccomanda di conservare i certificati anche al di fuori dell’app «COVID Certificate» esportandoli come PDF.

Quali certificati vengono ancora emessi e quali no?
L’emissione di certificati specifici validi solo in Svizzera – ovvero certificato per turisti, certificato di guarigione basato sul test per gli anticorpi, certificato di guarigione basato sul risultato positivo di un test antigenico rapido nonché certificato di deroga – è sospesa con l’abrogazione dell’obbligo del certificato. I certificati di questo tipo già emessi rimangono validi fino alla loro scadenza ordinaria. Continuano a essere emessi i certificati COVID necessari per viaggiare.

Il sistema dei certificati sarà mantenuto? Se sì, per quali motivi?
L’app «COVID Certificate» sarà mantenuta almeno per i viaggi internazionali. Lo smantellamento e l’eventuale nuovo sviluppo di strumenti per combattere la pandemia sono procedure complesse che richiedono molto tempo. Occorre mantenere le applicazioni come l’app «COVID Certificate» e i relativi sistemi in modo da poterli reintrodurre rapidamente in funzione della situazione epidemiologica.

Su quale base legale continueranno a essere emessi i certificati?
La base formale per i certificati rimane l’articolo 6a della legge COVID-19.

Come si ottiene un certificato di test per viaggiare? Quali test sono necessari?
Il certificato COVID per persone testate è emesso sulla base del risultato negativo di un test antigenico rapido o di un test PCR. Ai viaggiatori si raccomanda tuttavia ancora di informarsi in tempo utile sulle disposizioni d’entrata e sui risultati negativi di test da presentare nel Paese di destinazione.

Cosa bisogna fare se la durata di validità del certificato per persone guarite o vaccinate è in scadenza?
Dato che d’ora in avanti il certificato serve solo per viaggiare, i viaggiatori devono informarsi sulla sua durata di validità nel Paese di destinazione. A seconda dei casi, per entrare nel Paese di destinazione o per accedere a determinati luoghi nello stesso Paese è ancora necessario presentare un test negativo.

Che durata di validità hanno i certificati nell’area Schengen?
La Commissione europea ha stabilito che le durate di validità dei certificati sono di 270 giorni per persone vaccinate, 180 giorni per persone guarite, 72 ore per persone testate con test PCR o 48 ore per persone testate con test antigenici rapidi. Per il certificato basato sulla vaccinazione di richiamo non ha stabilito alcuna durata di validità; sta ai singoli Paesi definirla.

Un singolo Cantone può introdurre l’obbligo del certificato?
Anche se l’obbligo del certificato ordinato dalla Confederazione in Svizzera è abrogato, i Cantoni hanno ancora la possibilità di prescriverlo.

Una struttura privata, per esempio un ristorante o una casa di cura, può richiedere un certificato per l’accesso? E un ospedale pubblico?
I gestori privati di strutture e gli organizzatori di manifestazioni possono ancora prevedere una limitazione dell’accesso a persone in possesso di un certificato COVID-19 se ciò serve a proteggere la salute delle persone presenti (partecipanti, ospiti ecc.), soprattutto se particolarmente a rischio. Nel farlo, devono rispettare sia le limitazioni imposte dal diritto privato in relazione alla libertà contrattuale, sia le prescrizioni di legge, in particolare del diritto in materia di protezione dei dati; segnatamente, devono informare le persone presenti sui motivi della limitazione dell’accesso. Al contempo vanno rispettate le prescrizioni della legge sui disabili nonché le particolari disposizioni di protezione del diritto del lavoro.

Per l’introduzione di un obbligo del certificato in una struttura di diritto pubblico, come per esempio in un servizio della pubblica amministrazione o in un ospedale cantonale, è necessaria una base legale pertinente nel diritto cantonale che ne disciplini l’impiego e le prescrizioni in materia di protezione dei dati.

OBBLIGO DELLA MASCHERINA

Dove va indossata la mascherina?
Vige l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici e nelle strutture sanitarie come ospedali, case di cura e case per anziani, istituti di riabilitazione e per le cure di lunga durata.

I Cantoni possono esentare determinate strutture dall’obbligo della mascherina. Possono tuttavia continuare a ordinare misure di protezione più severe e prevedere l’obbligo della mascherina per esempio in servizi della pubblica amministrazione se ciò è opportuno per proteggere la salute delle persone presenti.

Anche i singoli gestori di strutture e aziende possono chiedere ai visitatori di portare la mascherina, per esempio in uno studio del medico di famiglia, in un salone di parrucchiere o anche in un negozio.

TEST

L’attuale regime di test viene mantenuto o modificato?
I test ripetuti sono ora raccomandati e finanziati dalla Confederazione solo nelle strutture sanitarie e nelle aziende designate dal Cantone come importanti per il mantenimento delle infrastrutture critiche. Nelle scuole i test ripetuti sono finanziati dalla Confederazione solo sino a fine marzo.

Chi dovrà farsi testare in futuro?
Le persone sintomatiche devono continuare a sottoporsi a test. Le persone particolarmente a rischio e le persone a loro vicine devono farsi testare se hanno avuto un contatto con un caso confermato.

Alle persone particolarmente a rischio si raccomanda di sottoporsi preferibilmente a un test PCR. Per le persone sintomatiche non particolarmente a rischio, un test antigenico rapido nasofaringeo è sufficiente.

In generale ogni persona può farsi testare se lo desidera e se è opportuno.

Chi assume le spese dei test?
La Confederazione continua ad assumere le spese dei test PCR individuali nei seguenti casi:
• test in presenza di sintomi;
• notifica dell’app SwissCovid;
• contatto stretto con un caso confermato;
• istruzione di farsi testare da parte di un servizio cantonale o di un medico;
• partecipazione individuale a test PCR aggregati o test antigenici rapidi per uso professionale;
• la Confederazione continua ad assumere le spese dei test per tutti.

La Confederazione non assume le spese dei test autodiagnostici.

Le capacità di test saranno ridotte?
I Cantoni sono responsabili dell’attuazione e di mettere a disposizione le necessarie capacità di test. Con oltre 60 000 test al giorno in tutta la Svizzera nella media settimanale, i test restano a un livello molto alto.

Dove ci si potrà sottoporre ai test in futuro?
È ancora possibile farsi testare tra l’altro presso centri di test, studi medici, farmacie o laboratori. I Cantoni sono responsabili dell’attuazione e di mettere a disposizione le necessarie capacità.

Quando entrano in vigore le nuove regole per i test?
Le modifiche della raccomandazione e del finanziamento dei test ripetuti entrano in vigore il 17.02.2022 nelle aziende e il 01.04.2022 nelle scuole.

ENTRATA IN SVIZZERA

Quali regole vigono per l’entrata in Svizzera?
Per le persone che entrano in Svizzera e non provengono da uno Stato o una regione con una variante preoccupante del virus non vige più alcun provvedimento sanitario di confine. Di conseguenza, questo gruppo di persone all’entrata in Svizzera non deve più presentare alcuna prova di vaccinazione, di guarigione o di risultato negativo di un test, né un modulo SwissPFL compilato.

Attualmente nessun Paese si trova nell’elenco degli Stati con varianti preoccupanti del virus.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 09:22:29 | 91.208.130.87