Immobili
Veicoli
Domani è il Freedom Day: le decisioni del Consiglio federale
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
20 min
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
FOTO
SAN GALLO
1 ora
Auto pirata travolge due giovani
La vita di una 17enne è in pericolo, in gravi condizioni anche una 19enne
FOTO
LUCERNA
2 ore
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GINEVRA
12 ore
Auto sulle bancarelle, «andava a 140 chilometri orari»
Una persona è rimasta gravemente ferita alla gamba, ma la sua vita non è in pericolo. Le testimonianze dei commercianti
GRIGIONI
15 ore
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
17 ore
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
19 ore
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
BERNA
20 ore
Elicottero si schianta sul Wiriehorn
A bordo c'erano due persone, entrambe ferite. Una di loro sarebbe in gravi condizioni
SVIZZERA
20 ore
Croce Rossa, Barbara Schmid-Federer è la nuova presidente
L'ex consigliera nazionale resterà a disposizione per una rielezione alla presidenza fino al 2027
SVIZZERA
20 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
22 ore
«Basta armi e guerra, Bruxelles deve negoziare con Putin»
In caso contrario, spiega la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher, il continente rischia una profonda crisi
SVIZZERA
22 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
23 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
URI
1 gior
Europa, difesa e migrazione: il PLR ne discute a Andermatt
I delegati si riuniscono oggi in assemblea. Presenti anche i consiglieri federali Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter
SVIZZERA
1 gior
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
1 gior
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
1 gior
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
1 gior
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
BELLINZONA
1 gior
FIFA, condannato l'ex segretario generale
L'ex dirigente Jérôme Valcke è stato incriminato a Bellinzona per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva.
SVIZZERA
1 gior
«Berna deve continuare a pagare i test»
La Commissione della sanità del Nazionale ritiene che questo sia un «pilastro fondamentale» nella lotta al Covid-19.
VAUD
1 gior
Quel duello socialista che potrebbe non esserci
Secondo indiscrezioni di stampa, Pierre-Yves Maillard e Roger Nordmann avrebbero trovato un compromesso.
FOTO
BERNA
1 gior
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
VALLESE
1 gior
Operaio muore travolto da alcuni massi
L'infortunio sul lavoro è avvenuto questa mattina in un cantiere di Verbier. Nulla da fare per un 47enne portoghese.
SVIZZERA
16.02.2022 - 14:010
Aggiornamento : 18:39

Domani è il Freedom Day: le decisioni del Consiglio federale

Mascherine e certificati: revocate tutte le restrizioni da giovedì. Segui la diretta da Palazzo federale

Fino a fine marzo restano in vigore le misure di protezione in ospedali e trasporti pubblici, e l'obbligo d'isolamento per i positivi. Via anche le indennità di perdita di guadagno

BERNA - Da domani niente più mascherina e certificato Covid per accedere a negozi, ristoranti, istituzioni culturali, altre strutture aperte al pubblico e manifestazioni. Il Consiglio federale ha revocato oggi la maggior parte delle misure di protezione, ad eccezione dell'isolamento delle persone risultate positive e dell'uso obbligatorio di mascherine nei trasporti pubblici e nelle strutture sanitarie (che rimarranno in vigore fino a fine marzo).

«La situazione epidemiologica è in continuo miglioramento» ha spiegato il presidente Ignazio Cassis in esordio della conferenza stampa. «Non dobbiamo avere paura di tornare alla normalità, dobbiamo ora cercare di ritrovare un equilibrio tra libertà e responsabilità». Il governo e la maggioranza dei partecipanti alla consultazione avviata due settimane fa - ha illustrato Cassis - credono che sia giunto il momento di revocare la maggior parte delle misure. «Siamo felici di essere arrivati a questo punto». 

Via certificato e mascherina - Gli allentamenti, dunque, nel dettaglio. Domani sarà abolito l'obbligo di certificato per l'accesso a ristoranti, cinema, teatri, eventi e altre strutture. Non si dovrà più indossare una mascherina nei negozi, nei locali pubblici, nelle imprese e nelle strutture aperte al pubblico. Decadono pure l'obbligo di richiedere un permesso per grandi eventi e le restrizioni per le riunioni private.

Cancellata anche la raccomandazione del telelavoro. Saranno quindi le imprese a decidere se continuare a far lavorare i dipendenti da casa e imporre l'uso della mascherina nei loro locali visto che per legge sono tenute ad adottare le precauzioni necessarie per proteggere i lavoratori. Rimarranno in vigore fino a fine marzo invece le disposizioni per tutelare i dipendenti particolarmente a rischio.

Revocate indennità perdita di guadagno - Con la revoca delle misure di protezione viene meno anche la necessità della maggior parte delle misure di sostegno economico, precisa il comunicato. Da domani quindi non sarà più possibile richiedere indennità per la perdita di guadagno in seguito alla chiusura o alla limitazione dell'attività lucrativa.

Fino a fine marzo potranno chiede un indennizzo le persone che devono interrompere il lavoro perché particolarmente vulnerabili, mentre chi opera nel settore degli eventi e deve limitare l'attività a causa delle misure potrà inoltrare richiesta fino al 30 giugno. "La rapida abolizione delle misure dovrebbe portare a una riduzione delle spese di diverse centinaia di milioni di franchi rispetto agli importi accantonati", precisa il governo.

Isolamento e maschere in ospedali e mezzi pubblici - Solo due misure dell'Ordinanza sui provvedimenti per combattere l'epidemia di COVID-19 nella situazione particolare rimarranno in vigore fino al massimo a fine marzo: l'isolamento dei positivi per cinque giorni e l'obbligo di mascherina sui trasporti pubblici e nelle strutture sanitarie (i residenti delle case di riposo e di cura sono esentati). I cantoni sono comunque liberi di imporre misure più severe o di esentare dall'obbligo della maschera.

La Confederazione continuerà a finanziare i test nelle strutture sanitarie e nelle aziende che garantiscono l'infrastruttura critica per impedire penurie di personale. Per le scuole i costi saranno coperti fino alla fine di marzo, poiché la circolazione del virus fra i più giovani è ancora molto alta.

I test individuali continueranno ad essere gratuiti per chi presenta sintomi o ha avuto contatti stretti con persone positive. Sarà garantito anche il finanziamento di nuovi farmaci per pazienti a rischio di un decorso grave della malattia.

Task Force sciolta a fine marzo - Le misure sanitarie per l'ingresso in Svizzera saranno totalmente abolite. Inoltre non saranno più rilasciati i cosiddetti certificati Swiss Covid, introdotti dall'autunno 2021, ma solo certificati Covid riconosciuti dall'UE. Il mandato della Task Force, che ha fornito gratuitamente consulenza dalla primavera del 2020, si concluderà alla fine di marzo. I singoli membri continueranno comunque ad essere a disposizione del Consiglio federale e dell'Amministrazione federale.

«Ringraziamo di cuore i membri della task force, la cui collaborazione è stata importantissima per tutta la durata della crisi» ha commentato il ministro della salute Alain Berset, ricordando anche i malati di Long Covid e le circa 12mila vittime di Covid in Svizzera. «Non dobbiamo dimenticare il grande carico di sofferenza che ci lasciamo alle spalle, e il grande lavoro degli operatori sanitari e di tutte le persone che hanno collaborato con senso di responsabilità per affrontare questa crisi». 

Situazione in evoluzione - «Due anni fa eravamo a un punto molto diverso da quello in cui ci troviamo ora, pur avendo numeri simili sul fronte dei contagi» ha sottolineato il presidente della Confederazione. «La ricerca medica ha fatto nel frattempo notevoli passi avanti, e abbiamo nuove armi, in primis la vaccinazione, che ci proteggono da questo virus». Il governo «continuerà a monitorare attentamente la situazione epidemiologica e potrà prendere in considerazione nuove misure se necessario, soprattutto a tutela delle persone più vulnerabili». 

C'è un piano B in caso di una nuova ondata? - Cassis ha risposto alla domanda di un giornalista su possibili cambi di rotta e dietrofront in futuro. «Non solo vogliamo farlo, ma siamo tenuti a pensare a possibili cambi di rotta. In questo momento riteniamo che sia giusto allentare, ma cosa faremo nel prossimo autunno, se ci sarà una nuova variante o nuove misure, non possiamo dirlo ora». 

Normalizzazione - Berset ha sottolineato come «la dismissione della task force non significa che verrà meno il monitoraggio, ma rientreremo nel sistema di monitoraggio normale, con il sistema di antenne presenti nei vari cantoni». Cassis ha precisato che «a livello globale la pandemia passerà alla fase endemica» e che gli allentamenti odierni «sono possibili grazie alla grande immunizzazione della popolazione svizzera. Finché questa immunità della popolazione è data, potremo convivere con il virus, che verrà monitorato dai medici cantonali. Il Covid non sparisce ma viene integrato nel sistema di controllo normale delle altre infezioni virali». 

Il Liechtenstein "ci copia" - Come il Consiglio federale, il governo del Principato del Liechtenstein ha abrogato oggi, con effetto da domani, quasi tutte le misure di protezione contro il Covid-19. Analogamente alla Confederazione, sarà mantenuto solo l'obbligo d'indossare una maschera sui trasporti pubblici e nel settore sanitario, così come l'isolamento di cinque giorni delle persone infette. Come in Svizzera, anche nel Principato, i negozi, i ristoranti, le istituzioni culturali, gli stabilimenti accessibili al pubblico così come le manifestazioni, dalle 0.00 saranno di nuovo accessibili senza maschere o certificati, indica un comunicato dell'esecutivo di Vaduz.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 10:44:23 | 91.208.130.86