Immobili
Veicoli

SVIZZERAImmunosoppressi: protezione del vaccino insufficiente

08.02.22 - 10:16
Uno studio dell'Inselspital e dell'Università di Berna mostra che si rischia di sviluppare una forma seria di covid-19.
Ti Press (archivio)
Fonte ats
Immunosoppressi: protezione del vaccino insufficiente
Uno studio dell'Inselspital e dell'Università di Berna mostra che si rischia di sviluppare una forma seria di covid-19.

BERNA - I pazienti immunosoppressi che sono stati in terapia per meno di sei mesi e coloro che hanno subito un trapianto di un rene hanno un alto rischio di sviluppare una forma seria di covid-19 nonostante la vaccinazione contro il Sars-CoV-2. Lo rivela uno studio dell'Inselspital e dell'Università di Berna pubblicato sulla rivista specializzata "RMD Open".

La ricerca ha analizzato 23 studi per un totale di 1342 pazienti che avevano ricevuto una terapia anti-CD20, un trattamento immunosoppressivo. La terapia sopprime deliberatamente il sistema immunitario per prevenire il rigetto di un organo trapiantato.

Secondo quanto comunicato oggi dall'Inselspital di Berna, la protezione contro i decorsi gravi del covid-19 dopo due dosi di vaccino è insufficiente in molti pazienti immunosoppressi. Solo il 20% sviluppa una buona risposta immunitaria. Se la terapia risale ad almeno sei mesi, tale proporzione sale al 63%.

Lo studio ha anche mostrato che i pazienti che hanno ricevuto un trapianto di un rene hanno risposte immunitarie significativamente inferiori. Anche per questo motivo è importante, secondo i ricercatori, utilizzare strategie di vaccinazione personalizzate per i gruppi particolarmente sensibili. In Svizzera, dallo scorso novembre il piano vaccinale prevede tre iniezioni per queste persone.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA