Immobili
Veicoli
imago
SVIZZERA
05.01.2022 - 17:350

Il turismo va bene, ma Omicron fa chiudere gli hotel

Il numero di pernottamenti è aumentato e la tendenza torna ai livelli pre-crisi.

A causa della nuova variante, però, scarseggia il personale. Diversi hotel (ma anche alcuni ristoranti) hanno già chiuso.

ZURIGO - L'industria alberghiera svizzera sta vivendo un buon periodo. Durante le vacanze, negli hotel confederati ha soggiornato tra il 10 e il 15% di visitatori in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Le zone di montagna ovviamente sono quelle che hanno registrato i numeri migliori. Ora, però, l'onda Omicron minaccia di cancellare i risultati positivi delle ultime settimane. In tutto il settore sono attualmente in aumento le segnalazioni di dipendenti assenti perché isolati o in quarantena.

A Davos, il pentastellato Hotel Steigenberger ha dovuto chiudere a causa dei troppi contagi tra il personale. Altri hotel hanno annunciato che resteranno chiusi per le prossime settimane. Stando al "Blick" diversi ristoranti e bar a St. Moritz, Pontresina, Zermatt e Verbier hanno dovuto chiudere per lo stesso motivo. Anche il popolare Ex-Bar a Davos sarebbe stato colpito dalla pandemia.

Omicron minaccia i profitti - Rispetto all'anno precedente, durante le vacanze 2021/22 sono stati registrati molti più ospiti dall'estero, come sottolinea Svizzera Turismo. A scegliere le località nostrane sono stati soprattutto britannici, olandesi e tedeschi, ha spiegato a Watson Andreas Züllig, di Hotellerie Suisse. «Lo stato delle prenotazioni per febbraio è attualmente al livello di un normale inverno». Nel complesso, i numeri avrebbero raggiunto quasi il 90% delle cifre pre-crisi e se non fosse stato per il disgelo intorno a Natale (che ha portato a un calo delle visite giornaliere alle località sciistiche), sarebbero stati ancora migliori, conclude Svizzera Turismo.

Carenza di personale nella ristorazione - Anche nella ristorazione grigionese si segnala una carenza di personale provocata dall'ondata della variante Omicron. A causa di numerosi dipendenti malati alcune strutture hanno dovuto chiudere o ridurre l'attività.

Il presidente di GastroGrigioni mantiene la calma: «Nella ristorazione Omicron è presente ovunque», ha dichiarato infatti Franz Caluori. Secondo Caluori, sono dodici i ristoranti grigionesi che hanno dovuto chiudere a causa del personale assente per malattia. Il problema si presenta in tutto il cantone, in modo più acuto in Engadina e a Davos.

«La mancanza di personale causata dal coronavirus è davvero un problema», ha spiegato Caluori all'agenzia di stampa Keystone-ATS, ma ha aggiunto che la situazione non è tuttavia terribile. «Sta accadendo proprio nel momento più opportuno, quando la stagione natalizia è terminata e il numero di ospiti è diminuito. Dal punto di vista economico le chiusure attuali sono quindi sostenibili».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 11:07:36 | 91.208.130.89