Immobili
Veicoli

SVIZZERALa proposta del PS per assicurare l'approvvigionamento di farmaci

07.11.21 - 20:06
Una mozione chiede di valutare l'acquisto di Sandoz. L'obiettivo? Evitare la carenza di medicamenti
Archivio Imago
La proposta del PS per assicurare l'approvvigionamento di farmaci
Una mozione chiede di valutare l'acquisto di Sandoz. L'obiettivo? Evitare la carenza di medicamenti

BERNA - La Confederazione dovrebbe acquistare l'azienda farmaceutica Sandoz per evitare la carenza di medicamenti. È quanto chiede il Partito socialista, per mezzo di una mozione presentata dal consigliere nazionale Samuel Bendahan ed elaborata assieme alla presidente dei Giovani socialisti Ronja Jansen. Lo riferisce oggi la SonntagsZeitung.

In effetti, la scorsa settimana Novartis ha annunciato di voler valutare la vendita della filiale a causa dei bassi profitti. L'azienda, che conta circa 20'000 impiegati, avrebbe secondo gli esperti un valore compreso tra i 27 e i 37 miliardi di franchi. E potrebbe finire in mani asiatiche. Una situazione, questa, che preoccupa gli autori della mozione.

In tutto il mondo si fa infatti fronte a una carenza di farmaci. E passando in mani asiatiche, alla Svizzera verrebbe a mancare un importante fornitore. I socialisti vogliono quindi evitare che questo accada: Sandoz è importante per la sicurezza d'approvvigionamento del nostro paese e «produce, tra l'altro, quindici medicamenti che riducono i sintomi del Covid-19» affermano i firmatari della mozione, citata dal domenicale.

La questione dell'approvvigiamento di farmaci è già stata affrontata all'inizio di quest'anno da politici borghesi, quali Ruth Humbel (presidente della commissione della sanità) e Thomas Aeschi (capo gruppo UDC). Ma per loro si tratta di investire  nel settore farmaceutico, non acquistando aziende bensì - per esempio - con mandati di prestazioni. Sarebbe infatti troppo rischioso condurre un'impresa, secondo Humbel.

Enea Martinelli, capo farmacista dell'associazione ospedaliera dell'Oberland bernese, conferma dalle colonne della SonntagsZeitung che in futuro sarà accentuata la carenza di determinati farmaci. In particolare in Svizzera, che è un mercato piccolo per un'azienda farmaceutica. Altri paesi, come Francia, Austria e Germania, si sono già attivati per evitare il peggio. Il presidente francese Emmanuel Macron intende per esempio far sì che determinati principi attivi vengano prodotti sul territorio nazionale.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA