20 Minuten
ZURIGO
20.10.2021 - 19:180

Berset tiene un discorso all'Università, fuori la contestazione

Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.

Il Comitato "Istruzione per tutti": «L'obbligo di richiedere il certificato all'Università è illegale».

ZURIGO - Una settantina di persone hanno manifestato questa sera a Zurigo contro l'obbligo di presentare un certificato Covid per accedere all'università. Il corteo si è svolto mentre il ministro della sanità Alain Berset teneva un discorso all'ateneo zurighese sul tema della pandemia.

La manifestazione era organizzata dal comitato "Istruzione per tutti". Quest'ultimo ritiene che l'obbligo del certificato Covid per le università sia illegale. Anche l'organizzazione "Mass-Voll", che si oppone alle misure anti-pandemia, ha preso parte alla manifestazione. L'azione era autorizzata.

20 Minuten
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 1 mese fa su tio
Per mettere fine allo strapotere dei burocrati dell'UFSP e di Berset c'è una solo soluzione: votare e far votare NO il 28 novembre alla Legge sul Covid. Così ci sbarazziamo dell'odioso e inutile certificato e con un po' di fortuna magari anche di Berset
pag 1 mese fa su tio
@marco17 esattamente, per cosa voterebbe NO "La votazione di fine novembre concerne unicamente gli adeguamenti del 19 marzo 2021. Le altre disposizioni della legge COVID-19 restano in vigore indipendentemente dall’esito dello scrutinio. Berna mette quindi in risalto le conseguenze di un «no» alla votazione: «Cesseranno di applicarsi un anno dopo l’entrata in vigore, ossia il 19 marzo 2022. Questo riguarderebbe, per esempio, le indennità giornaliere supplementari per le persone disoccupate, la possibilità per il Consiglio federale di estendere a 24 mesi il diritto all’indennità per lavoro ridotto e le indennità per gli organizzatori di eventi. Inoltre non sarebbe più possibile rilasciare certificati COVID, neanche per i viaggi all’estero». Mentre, ad esempio, l’obbligo di indossare la mascherina sui trasporti pubblici, la chiusura di determinate strutture o il divieto di organizzare eventi si basano sulla legge sulle epidemie e «potranno quindi essere mantenuti o reintrodotti anche qualora la modifica della legge COVID-19 dovesse essere respinta»
Boh! 1 mese fa su tio
Mi viene da ridere…. A Pasqua 2020 tutti a contestare la passività del CF e ad invocare la chiusura del San Gottardo (!)….
tommaso.guariglia 1 mese fa su tio
Votate no e facciamola finita
seo56 1 mese fa su tio
Berset non ti curar di sti 🤐 e vai avanti così 💪💪💪
Princi 1 mese fa su tio
sarebbe ora che si dimetta
chinfinito 1 mese fa su tio
@Princi Prima di ciò può fare ancora un paio di belle cose, come licenziare alcuni membri della task force che sono altamente ipocondriaci con vene troppo dirigentiste: un mix troppo pericoloso per la società considerato il posto che occupano
Princi 1 mese fa su tio
invece di manifestare votate NO il 28 novembre
pag 1 mese fa su tio
@Princi Forse dovresti informarti prima di parlare
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 16:12:46 | 91.208.130.86